Le Ferrovie dello Stato arrivano nel Regno Unito

La società del gruppo Ferrovie dello Stato, Trenitalia, ha recentemente raggiunto l’accordo con il National Express Group Plc per l’acquisizione da parte della società italiana della National Express Essex Thameside – Nxet – per un ammontare di 70 milioni di sterline.

Grazie all’accordo, Trenitalia debutterà nel mercato ferroviario britannico con sede ufficiale a Londra e gestirà i collegamenti dalla capitale inglese sino alla costa est, precisamente fino alla regione del South (Shoesburyness).

Il piano di espansione di Trenitalia

Il piano di espansione di Trenitalia prosegue nel Regno Unito con la corsa alla gestione, insieme ad una società privata inglese, in qualità di gestore di una joint venture per la tratta Londra-Edimburgo, attualmente guidata dalla Virgin Rails.

Il piano industriale per il decennio 2016-2026 presentato da Ferrovie dello Stato a settembre dello scorso anno, prevedeva un incremento dei ricavi ottenuti dalle operazioni estere del 13% fino al 23% nel 2026 con un obbiettivo di 4,2 miliardi di euro.

Fs è già presente nel mercato europeo in Francia nella quale ha acquisito la totalità della società Thello ed in Germania in cui controlla la società Netinera. Lo scorso anno Ferrovie ha anche acquisito la Trainose greca, nella quale gestisce la tratta Atene-Salonicco.

Trenitalia fuori da confini europei

Oltre all’espansione nel mercato europeo, Fs, punta a realizzare ferrovie in paesi povere di infrastrutture, ad esempio in Medio Oriente, India, Sud est asiatico e Africa. Il mese appena trascorso Italferr, il ramo di Ferrovie che si occupa di ingegneria, ha inaugurato l’apertura del tunnel in Turchia con otto mesi di anticipo.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY