Azioni Banca Carige: dove comprarle e se conviene

carige: come investire
banche ed investimenti

Le azioni Banca CARIGE (Cassa di risparmio di Genova e Imperia) sono liberamente scambiate all’interno del mercato azionario della Borsa di Milano nell’indice FTSE Italia Mid Cap.

La Banca ha origini antiche, infatti è nata nel 1483 a Genova come Monte di Pietà e successivamente si è sviluppata in tutta la Liguria ed in altre regioni italiane. Attualmente Banca Carige conta oltre 600 sportelli (tra cui anche uno sportello in Francia) ed oltre la capogruppo Banca Carige fanno parte del gruppo anche Banca del Monte di Lucca, Banca Cesare Ponti e Banca Carige Italia oltre a Creditis Servizi Finanziari.

La Proprietà del gruppo è in mano alla società Malacalza Investimenti (oltre il 17 % del capitale sociale) e con quote minore ad Aldo Spinelli e Gabriele Volpi ( 7,5 per cento delle quote azionarie) e quote minoritarie ad Assogestioni, Bpce e Coop Liguria. Attualmente il presidente del gruppo è Giuseppe Tesauro con Vittorio Malacalza Vice presidente.

Sommario

Conseguenze derivanti dalla Brexit

Per quanto riguarda gli investimenti in Azioni Banca Carige occorre inquadrare il quadro generale economico bancario che da diversi mesi presenta una situazione non idilliaca. In particolare anche l’esito del referendum sull’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europa ha influito sull’intero comparto del credito.

In base alle stime del Fondo Monetario Internazionale la  Brexit aumenterà le incertezze del quadro politico ed economico e la propensione generale ad investire. Il fondo prevede una contrazione dello 0,1 per cento rispetto alle percentuale di previsione di crescita mondiale sia per il 2016 che per il 2017 (pertanto la crescita globale sarebbe di 3,1 % per quest’anno e + 3,4 % per l’anno prossimo). Per l’Italia la fuoriuscita della Gran Bretagna porta le stime di crescita a + 0,9 % per il 2016 e + 1 % per il 2017.

Naturalmente il quadro dipinto dal Fondo Monetario Internazionale influenzerà gli investimenti ed in particolare gli investimenti nelle azioni di istituti di credito, tenuto conto della ciclicità di tale tipo di impiego monetario. Nello specifico, tenuto conto delle analisi effettuate dagli esperti di UBS, per il titolo azioni Banca Carige viene indicato un target price di 0,35 euro (Gli analisti bancari hanno esaminato in particolare modo il settore bancario delle mid cap  analizzando titoli quali Credem, Banca Carigeonline, Banca Popolare dell’Emilia Romagna e Credito Valtellinese).

Quotazioni delle azioni Banca Carige

Pertanto l’indicazione fornita dagli esperti è quella di attendere tempi migliori visto che il titolo nelle ultime sedute di borsa, la quotazione Carige si è attestato intorno a 0,28 euro, ossia i minimi già raggiunti a Luglio. Pertanto gli analisti sono molto cauti allo stato attuale visto che il titolo potrebbe compiere una ulteriore discesa portandosi su nuovi minimi.

La bassa volatilità registrata delle azioni banca Carige fa infatti presagire dei possibili movimenti violenti ed il rischio che tale tipo di caduta possa amplificarsi qualora venga a cedere uno dei supporti storici dell’azione. A confermare tale quadro increto vi sono anche alcuni indicatori posizionati short e degli oscillatori di forza relativa posizionati al di sotto della media. Qualora il titolo recuperi quota 0,35 euro potrebbe invece indicare un primo segnale di tenuta e pertanto verrebbero confermate ipotesi rialziste.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY