Lavoro, dai Voucher alla Naspi: le 5 novità del Jobs Act 2017

Da ieri 7 ottobre, sono stati apportati alcuni correttivi alla legge sul lavoro varata dal Governo Renzi, denominata con un anglesismo Jobs Act. Infatti, sulla Gazzetta Ufficiale, è stato pubblicato il decreto legislativo 185/2016 che contiene alcune importanti novità sul tema occupazione Sono ben cinque le novità rilevanti che riformano il Jobs Act. Vediamole di seguito.

Lavoro, stretta sui Voucher

L’anno scorso si è verificato un aumento del 73% nell’uso dei voucher Inps, i quali, lo ricordiamo, sono i buoni lavoro per prestazioni occasionali non regolamentate da contratto. Pertanto, il Governo ha deciso di regolamentare questo campo. Introducendo, su tutti, l’obbligo di tracciabilità per i datori di lavoro che usufruiscono dei voucher Inps per prestazioni lavorative occasionali. Onde evitare un abuso nell’elargire una prestazione lavorativa. E’ stato invece confermato il tetto economico per i voucher Inps o per i buoni lavoro: duemila euro netti per i datori di lavoro e settemila euro netti per la retribuzione mediante voucher Inps invece per i lavoratori.

Pertanto, con la nuova legge sul lavoro che entrerà in vigore dal 2017, i datori di lavoro che sfruttano i Voucher sono obbligati a trasmettere entro un limite di tempo di sessanta minuti prima dell’inizio della prestazione lavorativa tutti i dati del beneficiario-lavoratore. Vale a dire quelli anagrafici, nonché luogo e data di inizio e termine della prestazione lavorativa. Comunicazione che può essere effettuata anche comodamente tramite sms o via email all’Ispettorato del Lavoro competente per zona. Per gli imprenditori agricoli, invece, tale obbligo scade tre giorni prima dell’inizio della prestazione lavorativa occasionale. Chi trasgredisce, subirà una sanzione amministrativa dai quattrocento ai duemilaquattrocento euro.

Lavoro, cambiano anche contratti di solidarietà espansivi, CIGS e riduzione contributiva

lavoroNovità anche per gli ammortizzatori sociali: prevista infatti la possibilità di commutare i contratti di solidarietà difensivi in corso da almeno 12 mesi o stipulati prima del 1° gennaio 2016, in espansivi. La riduzione complessiva dell’orario lavorativo non deve essere superiore a quella inserita nel precedente contratto di solidarietà difensivo. Ancora, non è più necessario attendere trenta giorni per vedersi riconoscere la cassa integrazione guadagni straordinaria (conosciuta anche con l’acronimo CIGS). La riduzione\sospensione dell’orario lavorativo avrà effetto immediato, così come l’accesso al trattamento di integrazione salariale a partire da quando viene stipulato l’accordo sindacale.

Una proroga viene invece prevista Per quelle aziende che hanno un certo rilievo strategico per l’economia italiana e che si siano accordati col Governo per la riduzione contributiva del 35%.

Lavoro, cosa cambia per disoccupati e Naspi

Nel Job Act 2017 cambia anche lo status di disoccupato, il quale viene riconosciuto a quanti non svolgono alcuna prestazione lavorativa o non hanno alcuna fonte di redditi (tranne i succitati voucher Inps) i quali presentano in via telematica la propria disponibilità per svolgere prestazioni lavorative e misure di politica attiva proposte via via dai Centri per l’impiego del proprio comune di residenza o domicilio.

Cambia anche la Naspi: quanti lavorano nel e negli stabilimenti termali, ma licenziati per giusta causa quest’anno e titolari di sussidio Naspi, otterranno la proroga di un mese dell’assegno previsto.

Lavoro, cosa cambia per diversamente abili

Cambiamenti in vista anche per quanto concerne i diversamente abili. Il riconoscimento della riduzione della capacità lavorativa scende di una percentuale, passando così dal 61% al 60%. Sanzioni più dure, invece, per quei datori di lavoro che non ottemperano all’obbligo di inviare il prospetto informativo e la copertura della quota d’obbligo in loro favore.

Lavoro, alcune variazioni anche per le dimissioni telematiche

Cambi in vista, infine, per le dimissioni telematiche. Anche i consulenti del lavoro e i dipendenti dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro potranno trasmetterle.

Dunque, sono cinque su otto i decreti attuativi del Job Act che vengono modificati. Per i lavoratori qualche stretta ma anche qualche diritto in più. Mentre per i datori di lavori sono state inasprite alcune sanzioni.