Lavoratori disoccupati, in arrivo l’assegno di ricollocazione da 1.000 a 5.000 euro

L’Anpal – l’Agenzia nazionale per le politiche attive – erogherà in tempi brevi un assegno di ricollocazione per i lavoratori disoccupati che soddisfano i requisiti necessari, con un importo che potrà variare dai 1.000 ai 5.000 euro. Il bonus sarà calcolato sulla base della posizione del lavoratore, tale posizione sarà stabilita da un algoritmo che elaborerà automaticamente il profilo occupazionale. Il risultato indicherà, con un valore da 0 a 1, la distanza dal mercato del lavoro e quindi la reale difficoltà di trovare un impiego, nello specifico il lavoratore disoccupato che avrà ottenuto 0 percepirà l’assegno con l’importo più basso, mentre chi avrà il valore 1 l’importo maggiore, chi otterrà un valore con numeri intermedi percepirà una cifra diversa a seconda dei decimali.

lavoratore

Requisiti

L’assegno di ricollocazione spetterà a tutti i lavoratori dipendenti che hanno perso il lavoro involontariamente, avere avuto nei quattro anni precedenti alla disoccupazione almeno 13 settimane di contribuzione e trenta giorni di lavoro effettivo negli ultimi dodici mesi. Per ottenere il bonus i lavoratori disoccupati dovranno fare richiesta all‘Inps tramite gli enti oppure per via telematica o contact center, entro e non oltre 68 giorni dalla data di cessazione del lavoro. Nel giro di qualche giorno l’Anpal invierà le prime 30 mila lettere ai disoccupati che percepiscono la Naspi da quattro mesi, dopo l’ottenimento dell’assegno il lavoratore lo dovrà spendere entro 12 mesi presso il centro per l’impiego o ai soggetti privati accreditati ai fini di essere reinserito nel mercato del lavoro, tuttavia l’assegno potrà essere incassato solo a risultato ottenuto ovvero solo se collocheranno il lavoratore disoccupato.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY