La psicologia del trading: come sfruttarla per diventare un trader di successo

Cos’è la psicologia nel trading? Come funziona la psicologia nel trading? Perché la psicologia nel trading è importante? Come diventare un trader di successo sfruttando la psicologia nel trading? Lo vediamo in questo articolo.

Del resto, il fattore psicologico nell’economia è diventato un fattore decisivo alla stregua di calcoli e numeri. Lo conferma il recente Premio Nobel a Richard Thaler, Professor Richard Thaler dell’università di Chicago e autore di «Nudge», pubblicato in Italia da Feltrinelli con il titolo «La spinta gentile – La nuova strategia per migliorare le nostre decisioni su denaro, salute e felicità». Scritto a quattro mani con Cass R. Sunstain.

La motivazione è stata: «il suo contributo all’economia dei comportamenti», ovvero alle implicazioni sociologiche e psicologiche dell’economia. La cosiddetto Behavioural economy. Ad oggi sono 4 i premi Nobel per l’economia che appartengono a questo filone di studi. A partire dagli anni ‘70. Sebbene sono ben 3 a partire dagli anni 2000.

Sommario

Psicologia del trading cos’è

Cos’è la psicologia del trading? La psicologia del trading si riferisce alle emozioni e allo stato mentale che aiutano a dettare il successo o il fallimento nel trading di titoli. La psicologia del trading rappresenta vari aspetti del carattere e dei comportamenti di un individuo che influenzano le loro azioni commerciali. La psicologia del trading può essere importante quanto altri attributi come la conoscenza, l’esperienza e l’abilità nel determinare il successo del trading.

Disciplina e assunzione di rischi sono due degli aspetti più critici della psicologia del trading, dal momento che l’implementazione da parte di un trader di questi aspetti è fondamentale per il successo del suo piano di trading. Mentre la paura e l’avidità sono le due emozioni più comunemente associate alla psicologia del trading, altre emozioni che guidano il comportamento commerciale sono speranza e rimpianti.

Psicologia del trading come funziona

Come funziona la psicologia del trading? La psicologia del trading può essere associata ad alcune emozioni e comportamenti specifici che sono spesso catalizzatori per il trading di mercato. Per una comprensione di queste qualità, considera alcuni degli esempi principali. La richiesta è un desiderio eccessivo di ricchezza. Spesso fa sì che i trader rimangano in un trading proficuo più a lungo di quanto sia consigliabile nel tentativo di spremere profitti extra da esso o di assumere posizioni speculative di ampia portata. L’avidità è più evidente nella fase finale dei mercati rialzisti, quando la speculazione dilaga e gli investitori fanno attenzione al vento.

La paura fa sì che i trader chiudano prematuramente le posizioni o si astengano dall’assumere il rischio a causa delle preoccupazioni relative a grandi perdite. La paura è palpabile durante i mercati degli orsi, ed è una forte emozione che può indurre i trader e gli investitori ad agire irrazionalmente nella fretta di uscire dal mercato. La paura spesso si trasforma in panico, che generalmente causa forti vendite nel mercato dalla vendita di panico.

Il rammarico può far sì che un trader entri in trading dopo essersi inizialmente perso perché lo stock si è mosso troppo velocemente. Questa è una violazione della disciplina commerciale e spesso si traduce in perdite dirette da prezzi di sicurezza che stanno scendendo dai picchi massimi.

Psicologia del trading perché importante

La psicologia del trading è spesso importante per gli analisti tecnici che si affidano alle tecniche di creazione di grafici per guidare le loro decisioni commerciali. I grafici di sicurezza possono fornire un’ampia gamma di informazioni sul movimento di una sicurezza. Mentre le tecniche di analisi tecnica e di grafici possono essere utili per individuare le tendenze all’acquisto e alla vendita di opportunità, richiede una comprensione e intuizione per i movimenti del mercato che deriva dalla psicologia commerciale degli investitori.

Esistono numerosi casi in grafici tecnici in cui un commerciante deve fare affidamento non solo sull’intuizione del grafico, ma anche sulla propria conoscenza della sicurezza, sul loro seguito e sul loro intuito su come i fattori più ampi influenzano il mercato. I trader con un’attenzione particolare alle influenze dei prezzi della sicurezza, alla disciplina e alla fiducia mostrano una psicologia commerciale equilibrata che tipicamente contribuisce al successo proficuo.

L’aspetto psicologico del trading è estremamente importante. I trader spesso saltano dentro e fuori gli investimenti con breve preavviso, rendendo necessarie decisioni rapide. Per ottenere ciò, hanno bisogno di una certa presenza di spirito. Inoltre, per estensione, hanno bisogno di disciplina, quindi aderiranno ai piani commerciali precedentemente stabiliti e sapranno quando prenotare profitti e perdite. Le emozioni semplicemente non possono intralciarli.

Come sfruttare psicologia del trading per diventare trader di successo

Come sfruttare psicologia del trading per diventare trader di successo? Quando un trader ottiene cattive notizie su un determinato titolo o sul mercato generale, non è raro che il trader si spaventi. Possono reagire in modo eccessivo e sentirsi costretti a liquidare le proprie partecipazioni e andare in contanti o astenersi dall’assumere rischi. Se lo fanno, possono evitare certe perdite, ma possono anche perdere i guadagni.

I trader devono capire cos’è la paura: una reazione naturale a ciò che percepiscono come una minaccia, in questo caso, al loro profitto o al loro guadagno potenziale. Quantificare la paura potrebbe aiutare, e gli operatori dovrebbero considerare di riflettere su ciò di cui hanno paura e perché ne hanno paura. Riflettendo su questo problema in anticipo e sapendo in che modo possono reagire o percepire istintivamente certe cose, un trader può sperare di isolare e identificare quei sentimenti durante una sessione di trading, e quindi cercare di concentrarsi sul superamento della risposta emotiva. Naturalmente, questo non è facile, e può richiedere pratica, ma è necessario per la salute del portafoglio di un investitore.

C’è un vecchio detto su Wall Street che dicono “i maiali vengono massacrati”. Questo adagio si riferisce agli investitori avidi che si aggrappano a posizioni vincenti troppo a lungo, cercando di ottenere il massimo. L’avidità può essere devastante per i ritorni, perché un commerciante corre sempre il rischio di farsi scodinzolare o saltare fuori da una posizione. La verità non è facile da superare. Spesso si basa su un istinto per cercare di fare meglio, per cercare di ottenere solo un po ‘di più. Un trader dovrebbe imparare a riconoscere questo istinto e sviluppare un piano di trading basato su decisioni aziendali razionali, non capricci emotivi o istinti potenzialmente dannosi.

Per mettere le loro teste nel posto giusto prima che sentano la crisi emotiva o psicologica, gli investitori devono creare regole commerciali. Dovrebbero stabilire delle linee guida basate sulla loro tolleranza al rischio-ricompensa per quando entreranno in un trading e uscirne – sia attraverso un obiettivo di profitto o stop loss – per togliere le emozioni dall’equazione. Inoltre, un trader potrebbe dire se vengono pubblicate certe notizie, come guadagni specifici positivi o negativi o notizie macroeconomiche, allora lui o lei acquisterà o venderà un titolo.

I trader sarebbero anche saggi di considerare di fissare limiti all’importo che sono disposti vincere o perdere in un giorno. Se viene colpito l’obiettivo di profitto, prendono i soldi e scappano, e se le operazioni perdenti raggiungono un limite prestabilito, chiudono la tenda e vanno a casa, evitando ulteriori perdite. I trader dovrebbero imparare il più possibile sulla loro area di interesse, educare se stessi e, se possibile, andare a seminari commerciali e partecipare a conferenze di vendita. Inoltre, ha senso pianificare e dedicare quanto più tempo possibile al processo di ricerca.

Ciò significa studiare i grafici, parlare con la direzione (se applicabile), leggere riviste specializzate o fare altri lavori di base (come analisi macroeconomiche o analisi del settore) in modo che il trader sia in grado di accelerare quando inizia la sessione di trading. La conoscenza può aiutare un trader a superare la paura, quindi è uno strumento utile. Inoltre, gli operatori importanti rimangono flessibili e considerano di sperimentare nuove cose di volta in volta.

Ad esempio, potrebbero prendere in considerazione l’utilizzo di opzioni per mitigare il rischio o impostare l’interruzione delle perdite in luoghi diversi. Uno dei modi migliori che un trader può imparare è sperimentando (entro limiti ragionevoli). Questa esperienza può anche aiutare a ridurre le influenze emotive.

Infine, i trader dovrebbero periodicamente rivedere e valutare le loro prestazioni. Oltre a rivedere i loro ritorni e posizioni individuali, i trader dovrebbero rivedere come hanno preparato per una sessione di trading, come sono aggiornati sui mercati e come stanno procedendo in termini di formazione continua, tra le altre cose. Questa valutazione periodica può aiutare un trader a correggere gli errori, il che può aiutare a migliorare i rendimenti complessivi.

Un trader di successo usa e migliori piattaforme di trading (qui una lista di quelle autorizzate sicure). Ad esempio alcune piattaforme come 24option e Plus500 (le migliori in Italia) offrono grande supporto al trader che così acquista sicurezza e fiducia nella propria piattaforma. Questo è un elemento chiave che fa la differenza.

Puoi cliccare qui per visitare il sito ufficiale di Plus500.

Psicologia del trading, le strategie da adottare per ridurre perdite

Come ridurre gli errori indotti dalla psicologia del trading? Attraverso delle strategie, che dividiamo in 10 tipi:

Valutazione delle competenze

Sei pronto per il trading? Hai testato il tuo sistema con carta commerciale e hai fiducia che funzioni? Puoi seguire i tuoi segnali senza esitazione? Fare trading nei mercati è una battaglia di dare e avere. I veri professionisti sono preparati e prendono i loro profitti dal resto della folla che, in mancanza di un piano, distribuisce i loro soldi attraverso costosi errori.

Preparazione mentale

Come ti senti? Hai dormito bene la notte? Ti senti all’altezza della sfida? Se non sei emotivamente e psicologicamente pronto a combattere nei mercati, è meglio prendersi un giorno libero, altrimenti rischi di perdere la maglia. Questo è garantito che accada se sei arrabbiato, preoccupato o altrimenti distratto dal compito a portata di mano. Molti trader hanno un mantra di mercato che ripetono prima che il giorno inizi a prepararli. Crea uno che ti mette nella zona di trading. Inoltre, la tua area di trading dovrebbe essere priva di distrazioni. Ricorda, questo è un business e le distrazioni possono essere costose.

Imposta il livello di rischio

Quando gran parte del tuo portafoglio dovresti rischiare su uno qualsiasi degli scambi? Ciò dipenderà dal tuo stile di trading e dalla tua tolleranza al rischio. Può variare da circa l’1% fino al 5% del tuo portafoglio in un dato giorno di negoziazione. Ciò significa che se perdi quell’importo in qualsiasi momento della giornata, esci e rimani fuori. È meglio tenere la polvere asciutta per combattere un altro giorno se le cose non vanno per il verso giusto.

Imposta obiettivi

Prima di entrare in una transazione, imposta obiettivi di profitto realistici e rapporti rischio / rendimento. Qual è il rischio / premio minimo che accetti? Molti trader non effettueranno uno scambio a meno che il profitto potenziale sia almeno tre volte maggiore del rischio. Ad esempio, se il tuo stop loss è una perdita in dollari per azione, il tuo obiettivo dovrebbe essere un profitto di $ 3. Stabilisci obiettivi di profitto settimanali, mensili e annuali in dollari o in percentuale del tuo portafoglio e rivalutali regolarmente.

Fai i compiti

Fai i compiti prima che il mercato si apra, controlla cosa sta succedendo nel mondo? I mercati esteri sono aumentati o diminuiti? I futures su indici come la S&P 500 o Nasdaq 100 fondi negoziati in borsa sono andati su o giù in pre-mercato? I future sull’indice sono un buon modo per misurare l’umore del mercato prima che il mercato si apra. Quali dati economici o sui guadagni sono dovuti e quando? Pubblica un elenco sul muro di fronte a te e decidi se vuoi negoziare prima di un rapporto importante. Per la maggior parte dei trader, è meglio aspettare fino alla pubblicazione del report piuttosto che correre rischi inutili.

Non giocano d’azzardo.

Preparazione del trading

Qualunque sistema di trading e programma che si usa, etichettare i livelli di supporto e resistenza maggiori e minori, impostare allarmi per i segnali di entrata e di uscita e assicurarsi che tutti i segnali possano essere facilmente visti o rilevati con un chiaro segnale visivo o uditivo.

Impostare le regole di uscita

Più i trader commettono l’errore di concentrare il 90% o più dei loro sforzi nella ricerca di segnali di acquisto, ma prestano pochissima attenzione a quando e dove uscire. Molti trader non possono vendere se sono in difficoltà perché non vogliono subire perdite. Superalo o non lo farai come un trader. Se la tua fermata viene colpita, significa che hai sbagliato. Non prenderlo sul personale. I trader professionisti perdono più scambi di quelli che vincono, ma gestendo denaro e limitando le perdite, finiscono comunque per fare profitti. Prima di entrare in un trade, dovresti sapere dove sono le tue uscite. Ce ne sono almeno due per ogni trading.

In primo luogo, qual è il tuo stop loss se il trading va contro di te? Deve essere scritto. Gli arresti mentali non contano. In secondo luogo, ogni operazione dovrebbe avere un obiettivo di profitto. Una volta arrivato, vendi una parte della tua posizione e puoi spostare il tuo stop loss sul resto della tua posizione in pareggio, se lo desideri. Come discusso sopra, non rischiare mai più di una determinata percentuale del tuo portafoglio su qualsiasi operazione.

Imposta regole di inserimento

Questo viene dopo i suggerimenti per le regole di uscita per un motivo: le uscite sono molto più importanti delle voci. Una regola di ingresso tipica potrebbe essere formulata in questo modo: “Se il segnale A si attiva e vi è un obiettivo minimo almeno tre volte superiore al mio stop loss e siamo a supporto, quindi acquista X contratti o condivisioni qui.” Il tuo sistema dovrebbe essere abbastanza complicato da essere efficace, ma abbastanza semplice da facilitare le decisioni a scatto.

Se hai 20 condizioni che devono essere soddisfatte e molte sono soggettive, troverai difficile, se non impossibile, fare effettivamente delle operazioni. I computer spesso fanno i traders migliori delle persone, il che potrebbe spiegare perché quasi il 50% di tutti gli scambi che ora avvengono sul New York Stock Exchange sono generati da programmi per computer. I computer non devono pensare o sentirsi bene a fare uno scambio. Se le condizioni sono soddisfatte, entrano.

Quando il trading va nel modo sbagliato o colpisce un obiettivo di profitto, escono. Non si arrabbiano con il mercato o si sentono invincibili dopo aver fatto alcune buone operazioni. Ogni decisione è basata sulle probabilità.

Mantieni ottimi record

Tutti i bravi trader sono anche buoni detentori di record. Se vincono un mestiere, vogliono sapere esattamente come e perché. Ancora più importante, vogliono sapere lo stesso quando perdono, quindi non ripetono errori inutili. Annota i dettagli come obiettivi, l’entrata e l’uscita di ogni trade, i tempi, i livelli di supporto e resistenza, l’intervallo di apertura giornaliera, l’apertura e chiusura del mercato per il giorno e registra i commenti sul motivo per cui hai fatto il trading e le lezioni apprese.

Dovresti salvare i tuoi record di trading in modo che tu possa tornare indietro e analizzare il profitto o la perdita per un particolare sistema, i drawdown (che sono importi persi per trade usando un sistema di trading), tempo medio per trade (che è necessario per calcolare l’efficienza commerciale) e altri fattori importanti, e anche confrontarli con una strategia di buy-and-hold. Ricorda, questo è un business e tu sei il contabile.

Eseguire un post-mortem

Dopo ogni giorno di negoziazione, sommando il profitto o la perdita è secondario sapere il perché e il come. Scrivi le tue conclusioni nel tuo diario di trading in modo da poter fare riferimento in seguito.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY