Chi era Karl Lagerfeld, il Kaiser della Moda

Era soprannominato Kaiser Karl. E ciò dice tutto. Come dicono tutto le tante foto postate sui propri profili Social dei Vip che hanno avuto a che fare con lui. Non solo modelle, ma anche quanti amavano la sua linea di moda.

Parliamo di Karl Lagerfeld, scomparso martedì 19 febbraio a 85 anni. Sebbene pare che ne avesse qualcuno in più, ma lui, dall’alto del suo magico ego, preferiva dichiararne qualcuno di meno. Forse due.

Ma per Karl Lagerfeld il tempo era un concetto inesistente. Capace com’era di attraversare le epoche e di segnarle tutte. Direttore creativo di Chanel (incarico ricoperto dal 1983), di Fendi (la partnership più lunga mai avuta da uno stilista con una maison, arrivata a 50 anni nel 2015) e del marchio che porta il suo nome.

Ma non solo. Lagerfeld era impegnato in decine di collaborazioni nei settori più diversi: dall’arredo agli strumenti di scrittura, dalla cristalleria all’art de la table. E poi fotografo (da anni firmava le campagne pubblicitarie di Chanel), ideatore di eventi di comunicazione e marketing.

Fu uno dei primi a credere nell’allora poco conosciuto marchio H&M, diventato poi un colosso dell’abbigliamento.

Karl Lagerfeld sapeva parlare fluentemente 4 lingue: ovviamente il tedesco, essendo nato in Germania. E poi il francese, inglese e italiano. Amava rilasciare dichiarazioni spesso poco diplomatiche, ma al contempo, nel lavoro mostrava grande lealtà. Del resto, se avesse avuto un caratteraccio, non avrebbe collaborato così a lungo con Chanel e Fendi.

Amava la mondanità, ma sapeva farne a meno quando serviva. Negli ultimi anni si era affezionato alla sua gatta: Choupette. Al punto da dedicarle accessori e capi di abbigliamento del marchio Karl Lagerfeld. Il che pure lo rese attuale, alla luce dello smodato amore che oggi si prova per cani e gatti. Ma anche libri e campagne pubblicitarie.

Choupette aveva pure cuochi, veterinari e dame di compagnia.

Karl Lagerfeld amava anche la tecnologia, essendo appassionato di iPod e iPhone. Ma non disdegnava la cara, vecchia reflex.

Karl Lagerfeld, la collaborazione con Fendi e Chanel

Nel 1955, dopo aver vissuto a Parigi per due anni, Lagerfeld partecipò a un concorso di design del cappotto sponsorizzato dall’International Wool Secretariat. Vinse la competizione e fece amicizia con Yves Saint Laurent, e fu presto assunto da Pierre Balmain. Ha lavorato come assistente di Balmain e poi come apprendista per tre anni. Nel 1958, Lagerfeld divenne direttore artistico di Jean Patou.

Nel 1964, si recò a Roma per studiare storia dell’arte e lavorare per Tiziano, ma presto disegnò freelance per una moltitudine di marchi tra cui Chloé, Charles Jourdan, Krizia e Valentino. Nel 1967 fu ingaggiato da Fendi per modernizzarsi la loro linea di pelliccia. L’innovativo design di Lagerfeld si è dimostrato rivoluzionario, introducendo l’uso di pelli di talpa, coniglio e scoiattolo in alta moda. Lagerfeld rimase con Fendi fino alla sua morte.

Lagerfeld è accreditato facendo un grande uso del logo “CC” di Chanel negli anni ’80. Negli anni ’80 Lagerfeld fu assunto da Chanel, che era considerato un “marchio quasi morto” al momento della morte della designer Coco Chanel un decennio prima. Lagerfeld ha riportato la vita in azienda, ottenendo un enorme successo rinnovando la sua linea di moda prêt-à-porter. Lagerfeld ha integrato la monografia “CC” interbloccata di Coco Chanel in un modello stilistico per la House of Chanel.

Nel 1984, un anno dopo il suo debutto a Chanel, Lagerfeld ha iniziato il suo marchio omonimo “Karl Lagerfeld”. Il marchio è stato creato per incanalare la “sessualità intellettuale”. Nel 1993, la redattrice capo di Vogue americana Anna Wintour uscì dalla sfilata della Settimana della moda di Milano, quando lavorava con le spogliarelliste e la star dei film per adulti Moana Pozzi. Per modellare la sua collezione in bianco e nero per Fendi.

Ci fu molta polemica dall’uso di Lagerfeld di un versetto del Corano nella sua collezione couture di primavera del 1994 per Chanel, nonostante le scuse del designer e della maison. La controversia è scoppiata dopo lo spettacolo couture del 1994 a Parigi, quando il Consiglio musulmano indonesiano degli studiosi di Jakarta ha chiesto un boicottaggio di Chanel e ha minacciato di presentare proteste formali con il governo della patria di Lagerfeld, in Germania.

Il designer si scusò, spiegando che aveva preso il progetto da un libro sul Taj Mahal, pensando che le parole provenissero da un poema d’amore

Lagerfeld e gli ultimi anni di carriera

Lagerfeld nel 2009 si è unito ai critici della top model Heidi Klum; il seguente stilista tedesco Wolfgang Joop ha commentato Klum, che aveva posato nuda sulla copertina dell’edizione tedesca della rivista GQ, come “modello da nessuna pista: è semplicemente troppo pesante e ha un busto troppo grande”.

Lagerfeld ribatte che né lui né Claudia Schiffer conoscevano Klum perché non ha mai lavorato a Parigi ed è insignificante nel mondo dell’alta moda, essendo “più bling bling e glamour della moda attuale”.

Nel 2010, PETA ha citato Lagerfeld, che ha usato finta pelliccia nella sua collezione Chanel del 2010, sul suo sito web dicendo: “È il trionfo della pelliccia finta … perché la pelliccia finta è cambiata così tanto ed è diventata così grande ora che difficilmente si vede una differenza.”

Nel settembre 2010, il Couture Council del The Museum presso il Fashion Institute of Technology ha presentato a Lagerfeld un premio creato per lui, The Couture Council Fashion Visionary Award, a un pranzo di beneficenza a Avery Fisher Hall, a New Yor k City. Nel novembre 2010, Lagerfeld e il produttore svedese di cristalli Orrefors hanno annunciato una collaborazione per progettare una collezione d’arte di cristallo.

La prima collezione è stata lanciata nella primavera del 2011, denominata Orrefors di Karl Lagerfeld. Una diffusione di fotografie all’interno dell’appartamento di Lagerfeld a Parigi è stata pubblicata nel numero francese di Architectural Digest nel maggio 2012. Ha anche rivelato la sua vasta collezione di spille e spille di Suzanne Belperron e ha utilizzato il colore di uno dei suoi anelli blu di calcedonio come punto di partenza per la collezione Chanel primavera / estate 2012.

Lagerfeld ha creato un furore internazionale il 9 febbraio 2012, quando chiamò la cantante Adele “un po ‘troppo grassa”. Questo provocò una furia istantanea in tutto il Regno Unito, e Lagerfeld rispose con una dichiarazione di scuse. Adele ha risposto affermando che è come la maggior parte delle donne, ed è molto orgogliosa di questo fatto.

Lagerfeld in seguito causò un’altra polemica, il 31 luglio 2012, quando criticò Pippa Middleton, la sorella di Kate Middleton, per il suo aspetto. Il commento è stato fatto quando Lagerfeld ha elogiato Kate Middleton, per la sua “bellezza romantica” prima di aggiungere: “Non mi piace la faccia della sorella, dovrebbe solo mostrare il didietro”.

Nel 2013, ha diretto il cortometraggio Once Upon a Time … nella Cité du Cinéma, Saint-Denis, di Luc Besson, con Keira Knightley nei panni di Coco Chanel e Clotilde Hesme nei panni di sua zia Adrienne Chanel.

Nel 2014, una casa d’aste in Florida annunciò che molti dei primi schizzi di Lagerfeld per la Casa di Tiziani a Roma sarebbero stati venduti. A giugno 2016, è stato annunciato che Lagerfeld avrebbe progettato le due lobby residenziali degli Estates ad Acqualina, uno sviluppo residenziale a Miami Isis Beach.

Nell’ottobre 2018, Lagerfeld in collaborazione con Carpenters Workshop Gallery ha lanciato una collezione d’arte di sculture intitolate Architetture. Le sculture sono state realizzate in Arabescato Fantastico, un raro e vibrante marmo bianco con venature grigio scuro e marmo nero Marquina nero con venature lattiginose.

Ispirato dall’antichità e definito mitologia moderna, l’ensemble è composto da gueridon, tavoli, lampade, console, fontane e specchi.

LEAVE A REPLY