Nuovo Jobs Act per le Partite Iva

Nella giornata di oggi la Camera dovrebbe approvare il nuovo Statuto del lavoro autonomo, il quale dovrà poi attendere l’approvazione del Senato per entrare definitivamente in vigore. Il nuovo provvedimento completerà il Jobs Act, introducendo il pacchetto di agevolazioni fiscali per i lavoratori autonomi.

Ddl Partite Iva

Il nuovo Disegno di Legge è composto da 22 articoli che comprendono una serie di interessanti agevolazioni per i lavoratori a Partita Iva, tra le più importanti sono da sottolineare quelle inerenti alla deducibilità integrale:

  • spese per l’iscrizione a corsi di formazione/aggiornamento professionale/convegni e master per un limite massimo di 10 mila euro,
  • spese sostenute per la certificazione di competenze e sostegno all’auto-imprenditorialità entro un limite di 5 mila euro,
  • spese sostenute per le prestazioni alberghiere,
  • garanzia contro il mancato pagamento delle prestazioni di lavoro.

Gravidanza, malattia e infortuni

È stata introdotta anche la disciplina in tutela dei lavoratori autonomi in caso di infortuni, malattia e gravidanza, coloro i quali svolgono un’attività continuativa per il committente, il rapporto di impiego può essere sospeso fino a 150 giorni e non si estingue senza il diritto al corrispettivo.

In caso di maternità (con il consenso del committente) la neo-madre potrà essere sostituita da altri colleghi di fiducia in possesso degli stessi requisiti professionali.

In caso di infortuni gravi, il versamento dei contributi potrà essere sospeso fino a due anni e si restituiranno in rate mensili.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY