IvyPay, dall’Australia arriva possibilità di pagare bollette con criptovalute

IvyPay consente alle persone di pagare le bollette con le criptovalute e trasferire le criptovalute come bitcoin nella loro banca. Ciò è stato un ostacolo per molte persone. Ma IvyPay potrebbe rendere le criptovalute più interessanti, specialmente in Australia.

IvyPay è stato realizzato in collaborazione con i principali partner crypto OTC HiveEx.com e Ivy.

IvyPay è stato lanciato lunedì 19 novembre 2018 a Sydney, in Australia appunto. Gli ideatori sono convinti che ciò porterà un passo in avanti per l’adozione di massa delle criptovalute. Ma vediamo meglio cos’è IvyPay, come funziona IvyPay e chi l’ha progettata.

Sommario

IvyPay cos’è

Cos’è IvyPay? IvyPay è una piattaforma realizzata dalla società tecnologica basata su blockchain, Ivy, in partnership con il servizio di broker di criptovaluta, HiveEx.com. Questa collaborazione consente agli australiani di trasferire le loro criptovalute direttamente in moneta fiat e nei loro conti bancari o di pagare una fattura.

IvyPay ha lanciato la sua versione beta all’inizio di questo mese ed è ufficialmente disponibile in Australia da lunedì 19 novembre. Con l’intenzione di lanciarla in altri paesi come gli Stati Uniti in seguito. E, speriamo, anche in Italia.

IvyPay come funziona

Come funziona IvyPay? IvyPay aiuta a portare la criptovaluta nel mainstream semplificando il processo di spesa. La sua struttura tariffaria unica opera addebitando un tasso nominale sullo spread di valuta e una commissione del 2%. Tuttavia, questa commissione del 2% viene dimezzata all’1% se gli utenti scelgono di pagare con Ivykoin. Dal lancio di IvyPay in versione beta, il 30 percento degli utenti ha scelto l’opzione più economica e ha pagato le sue commissioni con IvyKoin.

Queste sono le parole di Ash Shilkin, presidente di Ivy: “Anche se siamo ancora lontani dalla criptovaluta che è una forma di pagamento ampiamente accettata, la nostra partnership con HiveEx consentirà agli australiani di utilizzare la criptovaluta per pagare le bollette, pagare le loro carte di credito o convertire in dollari australiani depositati nei loro conti bancari ad alcuni dei più bassi tassi sul mercato (…) Siamo lieti di avere IvyPay sul mercato, mentre costruiamo Ivy Network come un ponte tra quelli con criptovaluta e istituzioni finanziarie tradizionali”.

Criptovalute in Australia, lo stato dell’arte

Uno studio di 1,997 australiani commissionato da HiveEx e IvyPay ha rilevato che il 13,5 percento degli australiani ora possiede criptovalute. Di quelli che non possiedono la crittografia, quasi la metà (il 49,5 percento) ha dichiarato che ne acquisterebbero alcuni o ne prenderebbero in considerazione l’acquisto se potessero trasferire la crittografia direttamente sul proprio conto bancario. Uno su 10 di coloro che non possiedono la crittografia è riluttante ad investire perché non può facilmente trasferirlo sul proprio conto bancario.

Si stima che 2,558 milioni di australiani siano già in possesso di cripto, con un’analisi di mercato che mostra che più di 2.500 fatture sono attualmente pagate mediante esse ogni mese, segnalando la necessità di un modo più semplice di convertire la crittografia per soddisfare le richieste dei consumatori.

“Nonostante la criptovaluta sia presente negli ultimi dieci anni, ci vuole ancora un po’ prima che sia ampiamente utilizzata come valute legali. È stato creato per essere utilizzato come alternativa alle istituzioni finanziarie e bancarie, trasferendo la crittografia attraverso la tecnologia blockchain come un modo più sicuro e trasparente di inviare denaro. Criptovaluta non ha confini o associazioni di paesi, il che significa, ad esempio, che potresti pagare qualcuno negli Stati Uniti con crittografia invece di pagare commissioni di cambio per convertire dollari australiani in dollari USA “,

ha dichiarato Fred Schebesta, co-fondatore di HiveEx.com. “È inevitabile che la crittografia abbia un’adozione di massa quando creiamo più modi di usarla che sono alternative più facili ed economiche alle banche tradizionali. Sta per scuotere il modo in cui paghiamo per tutto.”

Chi ha progettato IvyPay

Chi ha progettato IvyPay? Questa nuova piattaforma per l’adozione di massa delle criptovalute, nasce dal connubio di due società: Ivi e HiveEx.com.

Chi è Ivi? Fondata nel 2017, Ivy è di proprietà di ASX-Listed Change Financial (ASX: CCA, OTCQX: CNGFF) e ha raccolto oltre 17 milioni di dollari all’inizio di quest’anno in una vendita privata di token per costruire la sua soluzione di pagamento blockchain-based.

HiveEx.com, invece, è la prima attività commerciale lanciata da Finder Ventures, il braccio di venture capital del sito di comparazione globale Finder. È stato lanciato a febbraio 2018 e aiuta le persone a comprare e vendere grandi operazioni di criptovaluta di oltre $ 50.000.

HiveEx.com è uno sportello di trading “criptovaluta”, rivolto a investitori sofisticati / accreditati, che acquista e vende grandi volumi di criptovaluta, a un prezzo fisso. HiveEx.com e Finder.com sono entrambi membri del gruppo di società Hive Empire.

Cosa sono le criptovalute

Ricordiamo in breve cosa sono le criptovalute. Una criptovaluta è una valuta digitale o virtuale progettata per funzionare come mezzo di scambio. Utilizza la crittografia per proteggere e verificare le transazioni e per controllare la creazione di nuove unità di una particolare criptovaluta. In sostanza, le criptovalute sono voci limitate in un database che nessuno può modificare a meno che non siano soddisfatte condizioni specifiche.

Ci sono stati molti tentativi di creare una moneta digitale durante il boom tecnologico degli anni ’90, con sistemi come Flooz, Beenz e DigiCash che sono emersi sul mercato ma inevitabilmente falliti. C’erano molte diverse ragioni per i loro fallimenti, come frodi, problemi finanziari e persino frizioni tra i dipendenti delle aziende e i loro capi. In particolare, tutti questi sistemi utilizzavano un approccio di terza parte attendibile, il che significava che le società dietro di loro hanno verificato e facilitato le transazioni . A causa dei fallimenti di queste società, la creazione di un sistema di cassa digitale è stata vista come una causa persa per molto tempo.

Poi, all’inizio del 2009, un programmatore anonimo o un gruppo di programmatori sotto un alias Satoshi Nakamoto introdusse Bitcoin. Satoshi l’ha descritto come un “sistema di pagamento elettronico peer-to-peer”. È completamente decentralizzato, il che significa che non ci sono server coinvolti e nessuna autorità di controllo centrale. Il concetto ricorda da vicino le reti peer-to-peer per la condivisione di file. Uno dei problemi più importanti che qualsiasi rete di pagamento deve risolvere è la doppia spesa. È una tecnica fraudolenta di spendere la stessa quantità due volte.

La soluzione tradizionale era una terza parte affidabile, un server centrale, che teneva un registro dei saldi e delle transazioni. Tuttavia, questo metodo ha sempre comportato un’autorità fondamentalmente nel controllo dei tuoi fondi e con tutti i tuoi dettagli personali a portata di mano. In una rete decentralizzata come Bitcoin, ogni singolo partecipante deve fare questo lavoro. Questo viene fatto tramite Blockchain: un libro mastro pubblico di tutte le transazioni che siano mai avvenute all’interno della rete, disponibili per tutti. Pertanto, tutti gli utenti della rete possono vedere il saldo di ogni account.

Ogni transazione è un file costituito dalle chiavi pubbliche del mittente e del destinatario (indirizzi di portafoglio) e dalla quantità di monete trasferite. La transazione deve anche essere firmata dal mittente con la sua chiave privata. Tutto questo è solo crittografia di base. Alla fine, la transazione viene trasmessa nella rete, ma deve essere confermata per prima.

All’interno di una rete di criptovaluta, solo i minatori possono confermare le transazioni risolvendo un enigma crittografico. Prendono le transazioni, le contrassegnano come legittime e le diffondono attraverso la rete. Successivamente, ogni nodo della rete lo aggiunge al suo database.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY