Istat: Produzione industriale in aumento dell’1,7%

I dati Istat hanno evidenziato un aumento della produzione industriale dell’1,7% nel mese di agosto, rispetto ai dati raccolti nel mese precedente, ottenendo un miglioramento complessivo del +4,1%. L’industria automobilistica ha raggiunto ad agosto un rialzo del +41,9% rispetto allo stesso periodo del 2015, mentre per i primi otto mesi dell’anno ha ottenuto il +9.5%.

Crescita della produzione industriale

istat

Nonostante il mese di agosto sia caratterizzato da livelli di produzione molto bassi, la media trimestrale giugno-agosto 2016 ha raggiunto un incremento del +0,4% rispetto ai precedenti tre mesi. I risultati positivi hanno toccato i settori dei beni intermedi, dei beni strumentali e dell’energia, sono in leggero calo invece i beni di consumo con un – 0,5%. Concentrando il dato solamente per il periodo di agosto, l’Istat ha mostrato un rialzo del +41,9% nel settore automobilistico, un +19,2% nella fabbricazione dei mezzi di trasporto e un +13,6% nella metallurgia e nella fabbricazione di prodotti di metallo.

In ribasso il settore estrattivo con un -17,7%, nei prodotti farmaceutici di base con un -5,3% e nell’industria tessile con un – 5%.

Paolo Mameli

Il Senior Economist Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo, Paolo Mameli, ha affermato che i dati riportati dall’Istat sul miglioramento dell’industria italiana possa contribuire al rafforzamento del Pil, nonostante la frenata dell’attività economica nei mesi primaverili, tuttavia bisognerà attendere i dati dei mesi autunnali per avere un’idea più chiara della situazione economica legata all’industria nazionale.

I dati preliminari sono stati valutati positivamente dal Ministro del Lavoro Giuliano Poletti, il quale li ha osservati all’interno di un contesto economico non propriamente brillante, considerando le difficoltà che il paese ha nel commercio estero.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY