Istat: in aumento la disoccupazione giovanile

Nella giornata di ieri è stato pubblicato il rapporto periodico redatto dall’Istat, sullo stato della salute del mercato del lavoro nazionale. Il numero degli occupati è rimasto stabile rispetto al mese di dicembre, il 2016 si era concluso infatti con 242 mila occupati in più, di cui 11 mila con contratto a tempo indeterminato.

Nonostante l’andamento positivo, l’Istat ha segnalato un nuovo picco negativo riguardante il tasso di disoccupazione giovanile che attualmente ha raggiunto il 40,1%, ottenendo il terzultimo posto su base internazionale, dietro l’Italia restano soltanto Spagna con il 42,9% e Grecia con il 44,2% ( i dati sono però fermi ad ottobre 2016), mentre la Germania registra un tasso di disoccupazione del 6,6% nella fascia under 25.

Tornano a crescere i contratti a termine

Dall’analisi delle fasce d’età dei dati aggiornati Istat, l’incremento dell’occupazione riguarda gli over 50 per via dell’innalzamento dei requisiti pensionistici, mentre la fascia 25 – 49 ha subito una contrazione per effetto della crisi industriale soprattutto nel settore manifatturiero. In aumento i contratti a termine con 155 mila temporanei in più e diminuiscono i lavoratori autonomi che raggiungono quota -24mila.

Per la prima volta, l’Istat fornisce anche i dati della componente demografica e dell’influenza che esercita sull’andamento dell’occupazione, ad esempio la fascia di età tra 15 – 49 anni ha registrato un calo di 168 mila occupati, tuttavia il dato è soggetto alla diminuzione della popolazione appartenente questa fascia, basandosi su questo parametro la performance occupazionale risulta positiva con +76 mila unità.

Dal monitoraggio dell’Istat è emerso che a due anni di distanza dall’approvazione del Job Act, il mercato del lavoro italiano, si sta muovendo ma troppo lentamente.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY