Irpef: taglio già nel 2017? Ecco chi ne beneficierà

Enrico Morando, viceministro dell’Economia, si sta segnalando in questi giorni per un certo attivismo per ciò che riguarda le dichiarazioni. Prima l’annuncio sulla volontà del governo di pervenire a una riforma delle pensioni in tempi brevi, ora sul taglio dell’Irpef.

In linea teorica, la scelta di questo argomento non dovrebbe suscitare stupore, dal momento che se ne parla spesso. A generare un po’ di sorpresa è il contenuto dell’annuncio, che ha regalato una piccola grande rivelazione: il taglio dell’Irpef potrebbe essere anticipato al 2017, dal 2018 messo in cantiere.

taglio irpef 2017

Taglio Irpef: una questione di classe

Enrico Morando ha rivelato che l’Irpef potrebbe essere tagliata già l’anno prossimo. Lo ho fatto durante una intervista alla nota testata online Affari Italiani. “L’impegno che ci siamo presi è quello di intervenire per la riduzione del cuneo fiscale sul lavoro e sull’impresa, quindi bisognerà dare anche sul versante dell’Irpef un profilo che sia in grado di ottenere questo risultato”.

Parole che non lasciano adito a dubbi ma che poco dicono sull’entità del taglio e sulle forme che assumerà. Per dettagli di questo tipo, è necessario affidarsi alle voci di corridoio, che suggeriscono un intervento piuttosto sostanzioso sui redditi medi. Ancora una volta, quindi, a essere premiata dovrebbe essere la fascia degli “80 euro”.

Il disegno è chiaro, per giunta già visto, ma non per questo efficace sotto tutti i punti di vista: puntare sul ceto con una capacità di spesa finalizzata all’acquisto di beni di consumi. Gli indigenti e le persone con un reddito basso utilizzerebbero il denaro per ripianare gli eventuali debiti, mentre i più facoltosi non noterebbero nemmeno la differenze, dunque non modificherebbero il loro profilo di consumatori. Di contro, questa strategia ha dimostrato di non rendere più di tanto, se non nel brevissimo termine.

Irpef 2017: le prospettive di realizzazione

A prescindere dall’atteggiamento, allo stesso tempo ottimista e prudente, di Enrico Morando, quante speranze ci sono di vedere un taglio dell’Irpef nel 2017? La questione è vincolata al contributo che apporterà la spending review, che di certo non sta procedendo secondo le aspettative. Sul tavolo, le trattative sul fronte della flessibilità portate avanti dall’Italia in contrapposizione ai soliti falchi dell’Unione Europea. A ispirare un po’ di fiducia in questo senso, le evidenze raccolta durante il G20, che sembrano porre in una posizione prioritaria gli investimenti rispetto alle discipline di bilancio (lo spettro di una nuova crisi economica desta grande timore).

Per quanto riguarda il contesto italiano, le risorse non saranno facili da trovare. Anche perché in ballo c’è la riforma delle pensioni, che rischia di pesare sulle casse dello Stato per almeno 5 miliardi. Senza contare il taglio dell’Ires, il cui taglio (di quattro punti percentuali) è già in programma per il prossimo anno.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.
Giuseppe Briganti, 1987. Nato a Reggio Calabria, blogger, laureato in Scienze della Comunicazione e Comunicazione Istituzionale e d’Impresa, sempre con il massimo dei voti. Appassionato di politica, economia, narrativa, ho cominciato a scrivere quando ho realizzato che pensare non mi bastava. Concepisco la scrittura come dialogo, battaglia tra idee e visioni del mondo. Consapevole che una verità unica ed eterna non esiste, mi piace persuadere il prossimo e, quando un’idea altrui mi conquista, farmi persuadere. Nella mia vita professionale ho scritto di qualsiasi argomento, ma trovo particolare piacere a scrivere di economia. Sono un attivista politico e ho collaborato durante la campagna elettorale con il candidato sindaco di Reggio Calabria per il centrosinistra.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here