Investire sul palladio: non solo Oro nel conflitto Usa-Iran [2020]

Il 2020 non è iniziato certo nel migliore dei modi per gli instancabili speranzosi nella Pace nel Mondo. Infatti, come ormai noto, il Presidente degli Usa Donald Trump ha ordinato l’uccisione del numero due dell’Iran: il comandante Qassam Soleimani. Personaggio molto influente in tutto il Medioriente ucciso lo scorso 3 gennaio tramite un raid missilistico a mezzo drone in Iraq. Paese diventato suo malgrado palcoscenico del conflitto tra Usa e Iran.

Una situazione che rievoca tristemente quanto avvenne in Vietnam, quando i due colossi della Guerra fredda, America e Unione Sovietica, si facevano la guerra su uno scenario terzo. Mietendo vittime, terrore, distruzione e danni psicologici permanenti in chi vi partecipò,

La risposta iraniana non si è fatta attendere, sebbene non abbia prodotto vittime americane. Sono cinque le zone colpite e distrutte nella base area irachena al-Asad dai missili iraniani nella notte dell’otto gennaio. Anche se Trump ha quasi schernito questo attacco, come se avesse fatto il solletico al suo Paese.

Mentre il paese dell’ayatollah Ruhollah Khomeini ha detto all’Onu che si tratta di una “Risposta adeguata ad attacco Usa”, pur ribadendo di non volere la guerra. Anche il Tycoon dice di volere il dialogo, ma fatto sta che da quando è al governo ha fatto di tutto per inimicarsi il paese iraniano.

Dapprima, ha ripristinato i vecchi dazi eliminate dal predecessore Barack Obama. Poi è uscito dal Trattato sul nucleare sottoscritto insieme a Russia, Cina, Germania e Francia. Invitando loro a fare lo stesso. Infine, lo scorso dicembre ha inasprito i dazi già esistenti.

L’Iran era già un pallino di George Bush, che lo individuò come prossimo obiettivo dopo le invasioni in Afghanistan ed Iraq. Sebbene, fortunatamente, l’incandidabilità dopo i due mandati prima, e la sconfitta di un candidato repubblicano, hanno scongiurato una terza guerra americana in Medioriente.

Area comunque pesantemente destabilizzata, considerando anche quanto successo in Libia e Siria. A cui va sommato l’annoso conflitto israelo-palestinese e la pace sempre appesa ad un filo in Libano.

Nel conflitto Usa-Iran, l’Italia rischia grosso. Sia dal punto di vista commerciale, in quanto il nostro paese è diventato il primo partner europeo degli iraniani dal 2017. Superando in ciò Germania e Francia. Sia dal punto di vista militare, dato che, qualora si scateni una escalation tra Usa e Iran, gli americani non tarderanno ad utilizzare le numerose basi militari che hanno nel nostro territorio.

Infine, c’è sempre il rischio immigrazione. Anche perché si sommerebbe pure la crisi libica con una nuova ondata migratoria.

Il conflitto ha subito innescato il rincaro del petrolio, balzato sopra i 70 dollari al barile. Ma anche dell’Oro, bene rifugio per antonomasia che non si smentisce quando il barometro del mercato finanziario segna turbolenza. L’oro è infatti balzato sopra la quota dei 1.500 dollari all’oncia.

Tuttavia, ci sono anche materie prime meno tradate che stanno crescendo più dello stesso oro. Come il Palladio, il quale ha già superato la soglia psicologica dei 2.000 dollari per oncia: un record assoluto (2.020, per la precisione).

Vediamo cos’è il Palladio, la quotazione in tempo reale, perché è importante e come investire.

Attualmente la soluzione migliore per fare trading sulle materie prime è quella di sfruttare le piattaforme CFD. Ad esempio una ottima è quella del broker 24option. Si tratta di un broker autorizzato con servizi innovativi come quello dei segnali che permettono di ricevere consigli per orientare con successo le proprie operazioni. Per saperne di più sui segnali clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Palladio cos’è

Il Palladio è un metallo impiegato tradizionalmente nella gioielleria ma in tempi più recenti si è fatto strada nella produzione di motori non inquinanti. Soprattutto nelle marmitte catalitiche.

Il palladio fu scoperto da William Hyde Wollaston nel 1803 contemporaneamente al rodio. Lo battezzò così in onore dell’asteroide Pallade, scoperto due anni prima. Fu utilizzato in medicina contro la tubercolosi, ma fu eliminato in quanto comportava grossi effetti collaterali.

Gli Stati più ricchi di Palladio sono Russia e Sudafrica. Tuttavia, in Russia si è quasi esaurito, e come logica di mercato vuole, quando la domanda supera l’offerta, il prezzo si impenna. Del resto, è noto come si stia andando ormai spediti verso la produzione di motori non inquinanti. E il palladio serve, eccome. Del resto, i produttori cercano anche di fare quante più scorte è possibile e ciò ne riduce la disponibilità in circolazione.

Altri Stati dove è presente sono Australia, Etiopia, Usa e Ontario. Sebbene venga reperito soprattutto nei depositi di rame-nichel in Sudafrica e nell’Ontario, la sua concentrazione in quei minerali è molto bassa. Ma data la sua scarsità, l’estrazione è comunque conveniente.

Nella cultura di massa, il Palladio è diventato famoso soprattutto tra gli amanti degli eroi Marvel. Infatti, il palladio è l’elemento utilizzato da Tony Stark (interpretato anche nei film successivi da Robert Downey Jr.) nel film Iron Man (2008), come elettromagnete per tenere lontani dei frammenti metallici dal cuore e come fonte energetica per alimentare il reattore Arc. Il quale alimenta il motore della tuta meccanica da lui stesso indossata e creata.

Come avvenuto per la tubercolosi, però, anche in Iron Man il Palladio risulterà avere grossi effetti collaterali. Tanto che in Iron Man 2, avvelenerà lo stesso Tony Stark, il quale dovrà trovare un elemento che lo possa sostituire.

Palladio quotazione in tempo reale

Al momento della scrittura il Palladio quota 1.864,56 €, toccando un Massimo giornaliero di 1.898,67 €, un Minimo di 1.816,41 € ed una Performance di 3,88 € (+0.21%).

Una situazione di cui approfittare usando broker come Investous (clicca qui per saperne di più) che grazie ai segnali è uno dei migliori per poter negoziare sulle materie prime con semplicità.

Dunque, siamo ancora su ottimi valori considerando che per buona parte del 2019 è stato stabile sui 1.600 dollari all’oncia, mantenendo pertanto una quotazione superiore all’oro (che pure ha registrato un anno positivo). Ampliando nella seconda parte dell’anno il divario con esso.

Per capire quanto il Palladio stia andando meglio degli altri metalli preziosi, ecco quanto quotano essi:

  • Prezzo Oro: 1.397,22 €, -4,48 € (-0.32%)
  • Prezzo Argento: 16,14 €, -0,21 € (-1.26%)
  • Prezzo Platino: 877,57 €, 11,76 € (1.36%)

Palladio come investire

Come approfittare dell’andamento positivo del Palladio? Il modo migliore è di farlo tramite Broker con regolare licenza CySEC. I quali consentono di farlo tramite CFD. Contratti derivati che permettono di investire sugli asset senza possederli direttamente. Così da evitare, nel caso di questo minerale, di fare la fine di Tony Stark.

Ecco i Broker migliori per investire nel Palladio:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
eToro social tradingSocial trading, copy trading
66% dei trader perde soldi
Copy PortfolioISCRIVITI
plus500Servizio CFDDemoISCRIVITI
InvestousCorso trading gratis, CFDSegnali gratuitiISCRIVITI
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.

LEAVE A REPLY