Investire in azioni: guida completa

Come investire in azioni? Ecco una guida completa su come investire in azioni. Quanti vogliono iniziare ad investire in azioni, dovrebbero avere accesso a molteplici fonti di istruzione di qualità. Proprio come andare in bicicletta, prove ed errori accoppiati con la capacità di continuare a spingere finiranno per portare al successo.

Un grande vantaggio del trading di titoli azionari sta nel fatto che tale attività può durare una vita. Non si esaurisce a un determinato lasso di tempo. I trader hanno anni per sviluppare e affinare le proprie capacità. A riprova di ciò, il fatto che le strategie utilizzate venti anni fa sono ancora oggi utilizzate. Anzi, alcuni libri dimostrano che alcune strategie vincenti utilizzare negli anni ‘30 del secolo scorso, sono ancora valide tutt’oggi.

Ritornando alla metafora della bicicletta, quando siamo piccoli, dalle cadute e quindi dal dolore e dal pianto, impariamo quali errori non dobbiamo più commettere. Così, quando iniziamo ad investire in azioni, impariamo dagli investimenti non andati a buon fine.

Di seguito forniamo dunque una guida per investire in azioni.

Investire in azioni, l’importanza di un Conto demo

Per investire in azioni, il primo consiglio che ci censiamo di darvi è quello di fare molta pratica. Proprio come quando imparate ad andare in bicicletta o guidare una auto. Naturalmente, proprio come in questi casi, nel primo utilizziamo prima due rotelline e poi una per simulare al meglio la guida e non cadere quando non abbiamo ancora equilibrio. Nel secondo caso, utilizziamo le auto delle scuole guida con il doppio pedale; così l’istruttore può sopperire ai nostri errori.

Così, per imparare ad investire in azioni dobbiamo fare pratica e per farlo serve un Conto demo. Il Conto demo si chiama così in quanto costituito da soldi virtuali, cosicché possiamo imparare a fare trading di azioni senza rischiare di perdere i nostri soldi reali. Inoltre, il Conto demo può risultare utile anche per i trader più esperti, magari per provare nuove strategie senza subire perdite. Il Conto demo può infine risultare utile ad entrambi per provare la Leva finanziaria. Uno strumento che ci consente di moltiplicare le nostre vincite ben oltre il nostro effettivo conto. Tuttavia, dato che è un’arma a doppio taglio, come moltiplica le nostre vincite può moltiplicare le nostre perdite. Ecco dunque che necessita di molta pratica.

Il Conto demo viene offerto da tutti i Broker con regolare licenza da parte delle autorità preposte al controllo dei mercati finanziari. Di cui parleremo più avanti. Tuttavia, occorre anche dire che il Conto demo va usato con serietà, come se stessimo facendo trading di azioni con soldi veri. Altrimenti, rischieremmo di non imparare nulla e ce ne accorgeremo quando passeremo al Conto reale.

Esistono poi vari tipi di Conto demo:

  • Con importi limitati ma a tempo illimitato
  • A durata limitata ma con importi illimitati
  • Con importo e durata temporale illimitati
  • Con importo e durata temporale limitati

Infine, una ultima differenza riguarda il fatto che i Broker possono concedervi subito il Conto demo, solo previa iscrizione alla loro piattaforma. Oppure, consentono di usarlo ma solo dietro versamento di un importo sul Conto reale.

Investire in azioni, la formazione

Come investire in azioni? Come quando frequentate la scuola guida, così come vi serve tanta pratica, vi occorre ovviamente anche tanta teoria. Ossia, apprendere il significato dei simboli dei segnali, comprendere a chi spetta la precedenza ed altro ancora. E così via. Così anche per investire in azioni, vi servirà tanta teoria. Come studiare per investire in azioni?

Un buon Broker che si rispetti, oltre al Conto demo, vi fornirà anche del materiale esaustivo per formarvi. Quindi ebook da scaricare, corsi on demand da seguire quando vi farà più comodo, webinar (ovvero seminari via web) in diretta, incontri annuali nelle principali città italiane con esperti. Ed altro.

Esistono anche enti di formazione che offrono dei corsi di formazione per investire in azioni. Il nostro consiglio, però, dato che esistono anche molte truffe o corsi che, anche in buona fede, vi fanno pagare molto ma poi vi insegnano poco, è di affidarvi al materiale informativo che vi offre il Broker rinomato stesso a cui vi siete affidati. Motivo?

In primis, chi meglio di un Broker con esperienza pluriennale e con centinaia di migliaia di Broker all’attivo, può darvi degli ottimi consigli per investire in azioni? E’ come imparare a fare il falegname affidandovi o ad un falegname che fa questo mestiere da trent’anni e ha centinaia di clienti; oppure affidandovi ad una persona che lo fa da un paio di anni e conta 5-6 clienti.

Poi c’è un secondo aspetto: un Broker ha tutto l’interesse affinché i suoi clienti ottengano successo, visto che ci guadagna esso stesso tramite commissioni e spread. Pertanto, che interesse avrebbe a fornirvi materiale inutile e magari perfino controproducente, se poi ci va a perdere esso stesso. Dato che magari, dopo vari insuccessi, decidete di lasciar perdere? Come voi, lo farebbero in tanti.

Infine, e scusate se è poco, un Broker serio e affidabile in genere offre il materiale informativo gratuitamente. Incluso nella vostra iscrizione.

Per integrare la vostra formazione, potreste anche leggere dei libri su come investire in azioni di trader di successo:

  1. Trend Following: Learn to make millions in up and down markets, di Michael W. Covel. Vi siete mai chiesti chi è alla fine opposta del commercio quando Bear Stearns e LTCM sono crollati? Questo libro non solo ti dice ma spiega che cosa segue la tendenza. Fornisce fatti e track record dei più grandi hedge fund che utilizzano il trend seguendo l’approccio al loro trading.
  2. Following the trend: Diversified Managed Futures Trading, di Andreas Clenow. Il 99% di tutti i libri di trading non è in grado di sostenere le proprie strategie con statistiche fredde. Questo libro fa parte del restante 1%.
  3. The Complete TurtleTrader: How 23 Novice Investors Became Overnight Millionaires, di Michael W. Covel. Una storia vera su come un gruppo di persone viene selezionato per imparare come fare trading. Hanno avuto un corso intensivo di 2 settimane sul trading e sono rimasti soli dopo. Il risultato? Hanno fatto milioni. Questo libro include anche la strategia di trading che hanno usato.
  4. Trade Like a Stock Market Wizard: How to Achieve Super Performance in Stocks in Any Market, di Mark Minvervini. Il campione statunitense Mark Minervini rivela il collaudato sistema di trading collaudato che ha utilizzato per ottenere rendimenti a tre cifre per cinque anni consecutivi, con una media del 220% annuo per un rendimento totale composto del 33,500%.
  5. How to Make Money in Stocks: A Winning System in Good Times and Bad, Fourth Edition, di William J. O’Neil. William J. O’Neil ti insegna il suo potente sistema di investimento CAN SLIM, un processo comprovato in 7 fasi per minimizzare il rischio e massimizzare i guadagni.
  6. Stocks on the Move: Beating the Market with Hedge Fund Momentum Strategies, di Andreas Clenow. Il gestore di hedge fund, Andreas F. Clenow, ti mostra come generare rendimenti migliori rispetto ai fondi comuni di investimento, investendo molto.
  7. Market Wizards, Updated: Interviews With Top Traders, di Jack D. Schwager. Questo è il libro che ti porterà da vicino e personale con i produttori di denaro super star. Compreso quello sul trader che ha trasformato $ 30.000 in $ 80 milioni, il gestore di hedge fund che ha una media del 30% ritorna ogni anno negli ultimi ventuno anni, e il trader di futures su T-bond che ha speso $ 25.000 in $ 2 miliardi.
  8. The New Market Wizards: Conversations with America’s Top Traders, di Jack D. Schwager. Il seguito di Market Wizards. Divertente, informativo e inestimabile.
  9. Pit Bull: Lessons from Wall Street’s Champion Day Trader, di Martin Schwartz. Benvenuti nel mondo di Martin “Buzzy” Schwartz, Champion Trader – l’uomo i cui nervi d’acciaio e istinto killer nei canyon di Wall Street gli hanno meritato il nome “Pit Bull”. Questa è la vera storia di come Schwartz è diventato il meglio del meglio, delle persone e dei luoghi che ha scoperto lungo la strada e dei trucchi e delle tecniche del trading con cui ha fatto milioni.
  10. The Art and Science of Technical Analysis: Market Structure, Price Action and Trading Strategies, di Adam Grimes. Libro moderno che spiega come l’analisi tecnica può essere utilizzata per acquisire modelli validati statisticamente in alcuni tipi di condizioni di mercato. Supportato da un’analisi statistica approfondita dei mercati, offre un senso realistico di come si comportano i mercati, quando e come funziona l’analisi tecnica e cosa serve davvero per fare trading con successo.

Come scegliere Broker affidabile per investire in azioni

Un’altra domanda che dobbiamo porci è: come scegliere un Broker affidabile per investire in azioni? Il web, manco a dirlo, ci dà una vasta scelta di Broker da scegliere. Ma dobbiamo stare attenti, altrettanto ovviamente, alle truffe.

Dobbiamo innanzitutto diffidare di quei Broker che promettono facili guadagni con sistemi basati su software automatici infallibili, che lavorano per noi mentre siamo a spasso facendoci guadagnare. Tuttavia, ci accorgeremo presto che non solo non abbiamo guadagnato nulla, ma non potremo neanche recuperare i soldi investiti. Anche sporgendo denuncia alle autorità competenti. In quanto queste piattaforme fasulle sono gestite da società che hanno la propria sede in paradisi fiscali. Inoltre, si perdono dietro mille rivoli organizzativi. Quindi è pure difficile risalire a chi c’è al vertice.

Detto ciò, cosa guadare per scegliere il miglior Broker per investire in azioni? Dobbiamo guardare questi aspetti:

  • Regolare licenza: rilasciata da appositi organi di controllo sul mercato finanziario. In Italia abbiamo la CONSOB, mentre a livello europeo viene considerato la CySEC, con sede a Cipro. Importante è anche la FCA con sede in Gran Bretagna, in quanto certifica il diritto di esistere nella importante Borsa Exchange di Londra. In America abbiamo invece la SEC.
  • Commissioni e Spread: convenienti e in linea con la concorrenza. Sono spese inevitabili, in quanto si tratta del guadagno del Broker. Potreste trovare sconti per i nuovi iscritti
  • Assistenza clienti: in italiano, disponibile 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. Facilmente raggiungibile mediante chat integrata nella piattaforma, via mail o numero di telefono.
  • News sul mondo della borsa: che, anche indirettamente, possono influenzarla (si pensi a colpi di stato, virus che hanno distrutto un raccolto, epidemie, risultati elettorali, catastrofi ambientali, problemi informatici, ecc.)
  • Accesso a Grafici chiari e comprensibili: sullo storico delle azioni
  • App per trading da dispositivi mobile: il Broker deve consentire ai trader di fare trading online anche comodamente su dispositivi mobili. Quindi smartphone e tablet. Tramite app chiare e ben fatte.
  • Leva finanziaria: ne abbiamo già parlato in precedenza. Le maggiori proposte sono: 1:5, 1:10, 1:20, 1:50, 1:100, 1:200, 1:400.
  • Segnali di trading: tramite sms, mail o telefonate, consigliano investimenti immediati o da fare a breve. Possono essere gratuiti o a pagamento, e non è detto che i secondi siano migliori dei primi. Tuttavia, anche qui occorre stare attenti alle truffe, pertanto, anche per i segnali di trading vale il discorso fatto per la formazione. I segnali di trading per investire in azioni offerti da un broker rinomato sono in genere attendibili, perché è anche sua convenienza che voi guadagnaste.

Abbiamo poi già parlato di Conto demo e formazione, altri due servizi fondamentali che un Broker deve offrire.

Qual è il miglior Broker per investire in azioni

Detto di cosa valutare per scegliere il miglior Broker, vediamo ora quali sono, a nostro avviso, i migliori Broker per investire in azioni:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
itraderRegolamentato e autorizzatoGuide per fare tradingPROVA >>
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>

Investire in azioni tramite CFD

Cos’è un CFD? Come investire in azioni tramite CFD? Un CFD, acronimo di Contract for Difference, traducibile proprio in contratti per differenza, sono un accordo tra due parti per scambiare la differenza tra il prezzo di apertura e il prezzo di chiusura di un contratto. I CFD sono prodotti derivati che consentono agli operatori commerciali di negoziare sulle oscillazioni dei prezzi di mercato in tempo reale senza possedere effettivamente lo strumento sottostante su cui si basa il contratto.

Inoltre, non vi sono costi associati di proprietà fisica come le commissioni di gestione degli account e le imposte di bollo. Ciò significa anche che i trader possono vendere il prodotto e acquistarlo in una fase successiva. Questo è noto come Going short. Con i CFD, i trader possono massimizzare l’esposizione del mercato con oltre 10.000 mercati solo per una piccola frazione dell’investimento tipicamente necessario per negoziare direttamente l’attività sottostante.

Nato a Londra all’inizio degli anni ’90 e inizialmente basato su swap di capitale, il CFD aveva l’ulteriore vantaggio di essere un prodotto con margini esenti dall’imposta di bollo, una particolare tassa inglese. I CFD erano inizialmente utilizzati da hedge fund e investitori istituzionali per proteggere la loro esposizione azionaria sul London Stock Market in un modo economicamente conveniente.

Alla fine degli anni ’90 i CFD sono stati introdotti per la prima volta agli investitori commerciali. Alcune società britanniche hanno poi contribuito alla loro diffusione offrendo piattaforme online innovative che davano l’opportunità di controllare i prezzi e fare trading in tempo reale. Nel 2000, tuttavia, gli investitori si sono resi conto che il vero vantaggio del trading con i CFD non era l’esenzione dall’imposta di bollo, ma la possibilità di applicare la leva finanziaria a qualsiasi attività sottostante.

Investire in azioni con CFD come funziona

Come funziona investire in azioni tramite CFD? Il trading con i CFD avviene tra singoli investitori e le società che offrono questo servizio. Non ci sono contratti standard (cioè regolati secondo leggi precise) per i CFD, ciascuna società può determinare le caratteristiche dei propri contratti, ma tendono tutti ad avere alcuni punti in comune:

sono strumenti finanziari negoziati OTC, ovvero Over The Counter (i mercati non regolamentati)

  • offrono molte opzioni sul possibile contratto sottostante (molto più ampio di altri derivati)
  • hanno una soglia di ingresso bassa, grazie all’uso della leva finanziaria (sono molto più economici dei contratti futures);
  • proporzione tra il contratto CFD e il prodotto sottostante stesso (le quotazioni, anche se su mercati diversi, tendono ad essere le stesse), ciò consente di ottenere lo stesso guadagno che sarebbe stato ottenuto possedendo effettivamente il sottostante, e non solo il contratto derivato ( infatti, la performance può dipendere da due fattori, vale a dire i possibili dividendi e il divario di prezzo del contratto).

Sono strumenti che richiedono un prestito a margine dei fondi dei clienti che li utilizzano. Sono contratti senza scadenza e quindi la posizione viene chiusa quando viene effettuato un nuovo trade nella direzione opposta. La società che offre il servizio di CFD può addebitare una certa percentuale come commissione per la negoziazione di un servizio o per l’apertura della posizione. Questi possono includere lo spread tra l’offerta e la richiesta, le commissioni, la tassa per il servizio finanziario durante la notte e il pacco di gestione.

Come guadagnare investendo in azioni tramite CFD

Anziché negoziare o scambiare fisicamente l’attività finanziaria (ad esempio, acquistare o vendere fisicamente le azioni di una società), il CFD è un’operazione in cui due parti si impegnano a scambiare denaro in base alla variazione di valore (prezzo) del sottostante, si è verificato tra il punto in cui è stata aperta l’operazione e il momento in cui lo stesso è chiuso.

Una parte è definita “acquirente” e l’altra “venditore”. L’acquirente realizza un guadagno nel caso in cui il valore del sottostante aumenta e una perdita nel caso in cui il suo valore diminuisca. Viceversa, il venditore realizza una perdita nel caso in cui il valore del sottostante aumenti e un guadagno in caso di calo del prezzo (qui puoi saperne di più sulla parte teorica se lo desideri).

Differenza tra giocare in Borsa ed investire in azioni

Concludiamo questa guida con una utile differenza terminologica. Ossia, tra giocare in Borsa ed investire in azioni. Le due cose vengono spesso confuse, anche a causa di molti siti su questo argomento che usano il termine giocare impropriamente.

Va da sé che il termine giocare indica qualcosa di ludico. Mentre investire qualcosa di impegnativo. Giocare in Borsa significa di fatto tentare di guadagnare comprando azioni (o altri generi di asset) giocando d’azzardo, nell’immediato. Rischiando un importo nel breve, per la serie o la va o la spacca. Investire, invece, implica studiare, formarsi, conoscere bene un determinato asset in quanto vogliamo specularci sul lungo termine, seriamente.

Praticare quella che in gergo viene chiamata “la strategia del cassettista”, ossia deporre nel nostro portafoglio un titolo azionario per lungo tempo in attesa che frutti. Comunque, non è detto che investire in azioni significa essere cassettisti, ma è per farvi capire che la differenza tra giocare ed investire sta proprio anche nella strategia temporale del trading.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY