Investimenti sicuri che fanno guadagnare

conto-investimenti

Nella situazione economica attuale in cui il lavoro scarseggia e spesso manca e le tasse sono sempre di più risparmiare diventa quasi una missione impossibile. Nella continua ricerca di guadagni,però, bisogna sapersi districare fra truffe e rischi troppo elevati che potrebbero vanificare il ricavo sperato procurando, invece, una perdita.

Effettuare degli investimenti può essere un buon modo per ottenere discreti guadagni, in base anche al capitale che possiamo o siamo disposti ad investire, ma bisogna valutare bene quali prodotti scegliere cercando il più possibile di preservare il capitale iniziale d’investimento.

Vediamo, tra i prodotti disponibili al momento sul mercato, quali risultano più sicuri per riporvi i nostri risparmi.

Conti di Deposito: si tratta di un prodotto bancario che consiste nell’accumulo di denaro, come un conto corrente, ma diversamente da quest’ultimo consente di essere remunerati  in base alla somma depositata. Vengono agganciati ad un conto corrente dal quale vengono fatti i versamenti di denaro e non va, quindi confuso con i certificati di deposito. Possono essere liberi o vincolati: nel primo caso la somma depositata è sempre disponibile e prelevabile, mentre nel secondo ne consente il prelievo solo alla scadenza del conto stesso, che solitamente ha breve durata. Il conto di deposito vincolato produce maggiori introiti, ma prevede in molti casi una penale qualora si voglia sbloccare anticipatamente la somma vincolata. Dal 2014 il nuovo bollo proporzionale introdotto nel 2012 nella misura dello 0.1% del capitale è passato allo 0.2 % ed è, spesso, a carico del cliente.

Certificati di Deposito: sono dei titoli vincolati, che permettono il mantenimento del capitale a fronte, invece, di un guadagno. La durata può variare dai 3 ai 5 anni e possono essere a tasso fisso o variabile. La somma investita può essere richiesta anticipatamente a fronte di penali da versare in base agli andamenti di mercato, tranne nel caso di certificati di deposito di durata inferiore ai 18 mesi.

Obbligazioni: si tratta di titoli di debito emessi da una società o, più frequentemente, da un ente pubblico ( i più frequenti sono, infatti, i titoli di stato) con i quali i committenti richiedono liquidità a coloro che li acquistano a fronte di un guadagno finale con capitale investito garantito. Solitamente il capitale viene rimborsato allo scadere del valore nominale del titolo stesso, mentre l’interesse, detto cedola, viene liquidato con cadenza bimestrale, semestrale o annuale, a seconda degli accordi presi in fase della stipula di acquisizione. Esistono, però le cosiddette Obbligazioni Zero-Coupon che liquidano la cedola soltanto allo scadere del titolo. Le obbligazioni possono essere di vario tipo in base alle condizioni che vengono applicate all’acquirente, ma tra le più diffuse ed anche sicure vi sono quelle a tasso fisso dove il tasso di interesse viene fissato al momento della stipula e non varia durante tutto il corso di validità del titolo, mentre in quelle a tasso variable il tasso di interesse segue l’andamento dei mercati.

Si tratta di tre prodotti bancari ormai molto diffusi, che consentono un buon margine di guadagno a fronte di rischi pari a zero, che con i tempi che corrono è una carattestistica molto importante, che ne fa un investimento molto goloso per chi ha disponibilità di capitale e vuole trarne guadagno senza andarlo ad intaccare. La percentuale di guadagno varia in base all’andamento del mercato in quel preciso momento ed alla variante di prodotto considerata.

E’ bene , in ogni caso, rivolgersi al personale di filiale esperto nel settore, che, in base alle nostre esigenze saprà consigliarci l’investimento migliore da fare.