Investimenti sicuri: le migliori alternative a basso rischio/rendimento

Quali sono gli investimenti sicuri? A ciascuno piacerebbe investire i propri soldi in qualcosa che in futuro lo renderà molto più ricco. Si cercano strade sicure, infallibili. Rimedi che non prevedono troppa fatica.

Purtroppo la realtà è ben diversa, perché nessuno regala soldi così facilmente. Tranne rari casi di persone generose. Investire comporta dedizione, scelte ponderate, pazienza, capacità di ritirarsi per tempo da una attività quando le cose si stanno mettendo male.

Di seguito proviamo a fornire una guida completa sugli investimenti sicuri.

Investimenti sicuri: che cosa sono

Che cosa sono gli investimenti sicuri? Sgomberiamo subito il campo da ogni equivoco: per “sicuro” bisogna intendere un investimento che sia trasparente, nel solco della legalità. E non sicuro nel senso che sicuramente ci porterà dei profitti.

Investimenti sicuri

Se è vero che ci sono degli investimenti che bene o male portano profitti, come le obbligazioni dello Stato, è anche vero che essi sono molto bassi. Proprio perché gli interessi viaggiano su percentuali prossime allo zero e per vedere un minimo di capitale occorre attendere qualche anno.

In effetti, quanto più un investimento porta un rendimento pressoché sicuro, meno remunerativo è. Come anche nel caso dei buoni fruttiferi postali.

Sicurezza di guadagno e rischi camminano di pari passo, sono direttamente proporzionali.

📊 Dove investire soldiFondi obbligazionari / Fondi comuni di investimento / ETF/ Commodities / Azioni / Criptovalute / Indici
💰 Conviene investire soldi?Ci sono ottimi rendimenti in vari settori
💣 Cosa serve per iniziare?Impegno e formazione
📊 Dove investireComprare azioni / Investire i ETF
⚙️ Strumenti con i migliori rendimenti a 10 anniCriptovalute (+1700%) / Conti (0,5%) / Metalli preziosi (+80%)
💰 Piattaforma per investire con commissioni basseDegiro
💰 Piattaforma per investire con i migliori rendimenti cryptoNexo

Vediamo ora tutte le modalità per investire i nostri soldi.

Piattaforme per investimenti online

Un’attività che sta ottenendo particolare interesse è il trading online. In tal caso, per sicurezza non bisogna intendere la sicurezza del profitto, dato che si ha a che fare con l’incertezza dei mercati finanziari.

Ecco quali sono le migliori piattaforme di investimento:

PIATTAFORMA
BROKER
VANTAGGI
ISCRIZIONE
Il più sicuro
DeGiro
Migliore per ETFCommissioni ZeroISCRIVITI
MoneyFarm
Portafoglio personalizzatoConsulenza investimentiISCRIVITI
NEXO
Interessi su criptovalutaFacile da usareISCRIVITI

Quanto col fatto che si opera con piattaforme che vantano regolare licenza per operare. Quindi, che proteggono i capitali e i dati sensibili dei trader.

Vediamo invece quali sono i broker più “sicuri” nel trading online.

eToro

Il broker eToro vanta tre licenze:

  • quella CySEC, rilasciata a Cipro, posseduta da tutti i principali broker operativi nell’Unione europea
  • la licenza FCA, molto prestigiosa perché rilasciata in Gran Bretagna dall’organismo che vigila su una delle borse più importanti d’Europa: la London stock exchange
  • la licenza ASIC, rilasciata in un paese che si sta facendo strada per importanza finanziaria: l’Australia

Oltre a ciò, eToro si distingue per i vari servizi che offre. Eccone di seguito tre che più suscitano l’interesse dei trader:

  1. CopyTrading una evoluzione del Mirror trading già esistente in precedenza. Consente di copiare quanto fanno i trader più bravi iscritti alla piattaforma, chiamati Popular Investors. Selezionabili tramite precisi parametri sulle performance e una biografia. Il trading copiato può anche essere personalizzato, impostando stop loss e take profit o interrompendo il trading quando si vuole
  2. Social trading: si tratta di una esclusiva di eToro: permettere ai trader di interagire tra loro come fossero su un social network vero e proprio. Quindi, condivido, commentano o reagiscono a post degli altri e ne postano di propri. Possono così confrontarsi e trarre spunto dal loro operato per le loro decisioni di trading
  3. Smart portfolios: (ex CopyPortfolios) sono pacchetti di asset divisi per categoria e performance. Ne troviamo di tre tipi: a) Top Trader Portfolios che comprendono i trader con le performance migliori su eToro, secondo una strategia predefinita; b) Market Portfolios che raggruppano una combinazione selezionata di CFD in azioni, materie prime o ETF, secondo un tema predefinito; c) Partner Portfolios, a loro volta divisi in: Tipranks, una società di software per analisi di borsa, WeSave, un robo-advisor francese, e Meitav Dash, una società di investimenti con un patrimonio gestito multimiliardario

Non manca poi il tradizionale Conto demo, che su questo broker è anche particolarmente generoso, di 100mila euro virtuali. Così che ci si può esercitare senza rischiare un solo proprio centesimo.

Per quanto riguarda invece i costi contenuti, ricordiamo che eToro è un broker spread-only, che imposta sui trades solo lo spread e non le commissioni. Le quali riguardano solo alcuni tipi particolari di trades (come quelli overnight o tenuti aperti nel weekend), conti dormienti, prelievi, ecc.

Per quanto concerne il deposito minimo per iniziale, eToro richiede 50 euro.

Per creare il tuo account gratuito su eToro clicca qui.

Degiro

Il broker Degiro è di origine olandese, e riceve spesso premi per la trasparenza e la regolarità dei suoi servizi.

E’ particolarmente forte per quanto riguarda gliExchange-traded funds (ETFs). Molto particolare è il servizio rating ESG che può aiutare a scegliere le aziende che rispettano dei valori etici. Come il rispetto delle politiche ambientali, oggi molto richiesto. Ma che abbiano anche una etica sociale e di governance. Ad ogni azienda viene dato un punteggio.

Con Degiro è possibile costruire agevolmente un portafoglio ben diversificato e distribuire i propri investimenti su diversi tipi, regioni e settori.

Per i trader alle prime armi, il broker offre il servizio Accademia degli investitori, che include 10 lezioni di investimento per iniziare.

Investire contro tassi bassi, o addirittura senza commissioni su oltre 50 mercati globali.

Registrati gratis su Degiro cliccando qui.

Capital.com

Il broker Capital.com vanta le stesse licenze possedute da eToro. Così come le commissioni contenute e i trades spread-only. Inoltre, su alcune coppie di valute più popolari lo spreads è di 0.0 pips.

Il deposito minimo è di 20 euro, per accedere al conto base. Capital.com ha una propria piattaforma nativa, ma per chi vuole ci sono anche le classiche MT4 e MT5.

Capital.com riceve spesso degli awards per i servizi che offre. Come l’Intelligenza artificiale integrata alla piattaforma, che ti consiglia passo dopo passo nelle operazioni di trading.

Per quanti vogliono fare pratica senza rischiare il proprio capitale, Capital.com ha pensato di offrire una app apposita: Investmate. Così come un conto demo di 10mila euro virtuali.

Su Capital.com ci troverai grafici molto dettagliati, con integrati oltre 70 tra indicatori ed oscillatori di trading.

Il broker Capital.com offre in modo completamente gratuito i segnali di trading offerti da Refinitiv. Quest’ultimo è un fornitore globale di dati e infrastrutture fondato nel 2018 per i mercati finanziari

Questi segnali si hanno solo per le azioni e si può leggere un pdf (seppur ad oggi solo in inglese) che parla dettagliatamente del servizio.

Ogni azione di società analizzata ottiene un punteggio. La classificazione di tale punteggio va da 1 a 10, dove 10 significa favorevole. Un punteggio da 8 a 10 è considerato positivo, da 4 a 7 è neutro e da 1 a 3 è negativo.

Puoi aprire un conto gratis su Capital.com cliccando qui.
83.45% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Investimenti sicuri: quali sono i migliori

Vediamo al 2022 quali sono i migliori investimenti sicuri.

Trading online

Come accennato prima, il trading online sta registrando una notevole popolarità. Alla quale però non si sta accompagnando una adeguata formazione in materia.

Molti credono che sia un metodo facile di fare soldi, illusi e lusingati dalle truffe. In verità occorre una formazione pregressa solida, tanta pratica, esperienza, ma anche molta pazienza affinché i primi risultati arrivino.

Meglio sempre investiresoldi inizialmente di importi bassi ma prima ancora fare pratica con un conto demo.

Il fatto che il trading online si svolga facilmente con uno smartphone o un tablet ha lasciato intendere che si tratti di un gioco. Inoltre, il fatto che molti spaccino le criptovalute come facile mezzo di guadagno non ha aiutato la credibilità di questa attività.

Scegli sempre broker con regolari licenze e anni di esperienza alle spalle. Ti ricapitoliamo quelli prima elencati:

Azioni sicure

I trader vorrebbero conoscere delle azioni sicure come si fa con i cavalli all’ippodromo. Certo, ci sono dei titoli che stanno andando molto bene da tempo. Come quelli tecnologici, che stanno macinando record su record, surclassando anche il punteggio medio degli indici di cui fanno parte.

Ma non è detto che il vento soffi sempre a loro favore. Investendo col trading CFD si può anche guadagnare quando il valore del titolo cala. Del resto, quelli tecnologici sono proprio quelli che regalano la maggiore volatilità.

Ci sono poi azioni momentaneamente sottovalutate (emergenti), che valgono poco, ma che hanno le potenzialità per salire di prezzo. Su di esse si potrebbe applicare una strategia di tipo cassettista, acquistandole ora che valgono poco per poi rivenderle quando aumenteranno di valore.

Per approfondimenti puoi consultare la nostra guida sulle azioni da comprare oggi.

Investire in ETF

Gli Exchange traded funds sono un altro strumento molto interessante, che in Italia è stato introdotto giusto un ventennio fa.

E’ possibile investire, con un solo asset, su un paniere di asset appartenente alla stessa categoria merceologica o alla stessa area geografica.

Essendo degli strumenti a gestione passiva, hanno minori rischi e costi.

Tramite gli ETF è possibile investire su azioni e materie prime, e più di recente anche in criptovalute.

Investimenti sicuri in materie prime

Le materie prime, dette anche commodities, si possono dividere in 2 grandi famiglie:

  1. Hard: le materie prime che per essere reperite richiedono la trivellazione del sottosuolo. Quindi parliamo di petrolio, gas, metalli preziosi
  2. Soft: per il loro reperimento è sufficiente soffermarsi sulla superficie, come i prodotti agricoli o di allevamento

Per investire nelle materie prime non basta solo conoscere le dinamiche del prezzo tramite i grafici, ma anche fattori esterni intercettabili mediante l’analisi fondamentale. Come quelli climatici, politici, tecnologici.

Per approfondimenti puoi consultare la nostra guida per fare trading sulle commodities.

Conti deposito

Il conto deposito si distingue dal classico conto corrente in quanto la sua finalità è quella di garantire elevati rendimenti sul capitale depositato. E, al pari del conto corrente, anche il conto deposito può essere aperto sia in modalità tradizionale (offline) che come conto online.

La maggior parte dei conti deposito non prevede spese ed offre alti tassi di interesse, superiori a quelli dei conti correnti tradizionali. Sebbene di recente le banche tendano ad offrire tassi più ridotti.

Tutte le banche operanti in Europa devono aderire ad un sistema di garanzia dei depositi. Le banche italiane devono aderire al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, che garantisce fino ad euro 100.000 per ogni deposito.

Il conto deposito è una buona soluzione se si ha un gruzzoletto “da congelare”. Ma è sempre bene scegliere banche solide e leggere bene il contratto, postille incluse.

Titoli di Stato

I titoli di Stato sono obbligazioni emesse periodicamente dal Ministero dell’Economia e delle Finanze per conto dello Stato con lo scopo di finanziare (coprire) il proprio debito pubblico o direttamente il deficit pubblico.

I diritti di credito incorporati nel titolo possono essere corrisposti al sottoscrittore del prestito sia mediante lo scarto di emissione (ossia la differenza tra il valore nominale e il prezzo di emissione o di acquisto), sia mediante il pagamento di cedole (fisse o variabili) durante la vita del titolo.

Alla scadenza dell’obbligazione lo Stato rimborsa il capitale iniziale.

Qui vale molto il discorso: rischio-rendimento. Più uno Stato è solido, meno sarà il rendimento che il titolo offrirà. Viceversa, uno stato in via di sviluppo, non proprio rassicurante in termini di stabilità istituzionale, offre interessi elevati a fronte di un rischio altrettanto elevato.

In pratica, se uno stato fallisce o non può assolvere i propri doveri, rende le obbligazioni carta straccia.

Investimenti sicuri in obbligazioni

Le obbligazioni, a differenza delle azioni, sono dei titoli mediante i quali una società cerca di reperire fondi richiedendo dei prestiti. Alla scadenza del titolo, il capitale sarà restituito con interessi.

Anche qui vale il discorso dei titoli di stato. Più la società emittente è solida, più bassi saranno gli interessi elargiti. Viceversa, più alto sarà il rischio che essa sia insolvente, maggiori saranno gli interessi erogati.

Non pochi sono i casi di insolvenza, con gli investitori che non hanno riottenuto il capitale investito o solo in parte. In Italia dagli anni ‘90 abbiamo visto diversi casi, tra banche popolari e società rinomate.

Per approfondimenti puoi consultare la guida sulle migliori obbligazioni.

Investimenti sicuri in immobili

“Investire nel mattone” è una modalità classica nel nostro paese, tanto che gli italiani risultano i maggiori proprietari di case nel Mondo.

Ci sono diverse modalità per farlo. Per esempio, si può comprare un immobile per poi affittarlo. Garantendosi una rendita al netto delle tasse.

Oppure, partecipare al cosiddetto Crowdfunding immobiliare. Ovvero investo in una società che si occupa di sviluppo immobiliare. E’ una modalità più recente ed esistono delle piattaforme a riguardo.

Un’altra opzione è quella di investire in affitti brevi, soprattutto se si tratta di case vacanza. E’ un investimento molto interessante, anche grazie a siti come Booking.com o AirBnB che hanno semplificato molto questa attività. Ho una casa che non utilizzo, o perfino una stanza, e allora cerco di guadagnarci.

C’è anche chi predilige acquistare vecchi edifici, per poi ristrutturali e rivenderli come nuovi. Ovviamente, occorre sempre stare attenti che la resa valga la spesa. E che i costi di ristrutturazione non siano così esosi.

Ci si può anche mettere insieme ad altri investitori e decidere di partecipare insieme ad investimenti. Si pensi a quei condomini-alveari, oppure ad un gruppo di villette a picco sul mare o a gruppi di baite in montagna. In questo modo, si potranno ammortizzare i costi, ovviamente ripartendo i profitti.

Infine, un’ultima modalità è il REITs (acronimo di Real estate Investiment Trust). Significa investire in un Trust immobiliare ed otterrò man mano dei dividendi. E’ una modalità molto simile alle azioni per gli azionisti.

Puoi consultare la nostra guida su come investire in immobili.

Investimenti a breve termine sono sicuri?

Gli investimenti a breve termine hanno il vantaggio della brevità temporale nella quale avvengono. Quindi, danno la possibilità di ottenere subito un risultato senza dover attendere troppo tempo. Come diversi mesi se non anni.

La brevità consente anche una riduzione dei rischi, perché il lasso temporale accorciato fa in modo che si ovvi a molti imprevisti che possono invece subentrare nel lungo termine.

Di contro, a fronte di tutto ciò, anche il profitto può essere più ridotto. Quindi, meglio calcolare bene anche questo fattore.

Perché gli investimenti sicuri al 100% non esistono

In quanto possono sempre subentrare degli imprevisti. Gli investimenti più certi sono anche quelli che danno un revenue molto basso e possono servire più che altro per accantonare del denaro in eccesso. Tuttavia, la sicurezza al 100 per 100 neanche c’è.

Mettiamo che scoppia una guerra, una straordinaria crisi finanziaria improvvisa, uno scandalo interno, ecc. Se forse non perderemo i nostri soldi, c’è il rischio che per vederceli restituiti occorrerà del tempo.

Strategie per non rischiare il proprio capitale

La prima cosa da fare è informarsi bene su chi avrà in gestione il nostro denaro. Cercare di reperire la sua storia, la situazione attuale, se persone di nostra fiducia ci hanno già investito, reperire pareri da terzi, ecc.

Oltre a ciò, occorre anche conoscere bene lo strumento finanziario adoperato. Come funziona. I vantaggi e gli svantaggi. Tutti cavilli e le postille possibili.

Ponderare poi bene il rapporto costi-benefici. Ne vale la pena? Conviene davvero?

Ogni genere di investimento risponde a situazioni diverse. Quindi meglio valutare attentamente caso per caso. E, soprattutto, investire denaro che ci si può permettere di perdere. O, quanto meno, di tenere accantonato per un po’ di tempo.

Investimenti sicuri - Riepilogo

Investimenti sicuri: le domande frequenti

Cosa sono gli investimenti sicuri?

Si tratta delle forme di investimento che vengono svolte nel solco della legalità e in modo trasparente.
Non bisogna confondere la sicurezza con la certezza di ottenere un profitto.

Esistono investimenti sicuri?

Purtroppo no. Il rischio ci sarà sempre. Certo, in alcuni tipi di investimento si avvicina allo zero, ma non lo raggiunge mai, perché gli imprevisti sono sempre dietro l’angolo.

Inoltre, è bene sempre sapere che più un investimento è sicuro, più il rendimento sarà minore.

Conviene investire col trading online?

Certo, purché si sia disposti a formarsi bene a livello teorico e pratico. Oltre ad utilizzare broker con regolari licenze.

Conclusioni

In molti cerchiamo investimenti sicuri, ma nella realtà non esistono. Il rischio ci sarà sempre. Certo, in alcuni tipi di investimento si avvicina allo zero, ma non lo raggiunge mai, perché gli imprevisti sono sempre dietro l’angolo.

Inoltre, è bene sempre sapere che più un investimento è sicuro, più il rendimento sarà minore.

Ci sono varie forme di investimento sicuro, nel senso della trasparenza e della legalità con cui avvengono. Come il trading online, conti depositi, titoli di Stato, gli immobili, le obbligazioni, le materie prime, gli ETF.

Ciascuna ha propri vantaggi e svantaggi. E gradi di rischio maggiori o minori.

Se si propende per il trading online, meglio affidarsi a broker che offrono conti per simulare le operazioni prima di investire.

Per iniziare è fondamentale partire a fare pratica con le demo. Vi lasciamo con i link ufficiali che sono mediati dal server di WebEconomia in modo da garantire l’accesso sicuro:

Sono le migliori piattaforme con conti demo illimitati e sopratutto gratuiti per sempre.