Intraday e scalping: cosa sono?

intraday-forex

L’Intraday è un concetto che riguarda il trading in generale ma, anche e soprattutto, il forex. Il mercato valutario, alla luce della sua struttura e delle dinamiche che lo percorrono, si presta infatti all’Intraday in maniera particolarmente accorta. Ma cosa si intende per Intraday?

A ben vedere, il nome stesso suggerisce il significato. Letteralmente, questo termine si può tradurre con l’espressione “in giornata”. E’ proprio così: tutto ciò che viene fatto Intraday, viene realizzato – appunto – in giornata. Utilizzare l’Intraday nel forex significa sostanzialmente aprire e chiudere posizioni poche ore o, ancora più frequentemente, entro pochi minuti e secondi. Pertanto, anziché tradare a medio termine, si trada a breve e brevissimo termine.

Ma quale è il vantaggio dell’Intraday? Il vantaggio principale è rappresentato dall’alta redditività conseguibile in breve termine (a dir la verità, a tale beneficio corrisponde altresì l’elevato rischio di subire delle perdite altrettanto rapidamente). Redditività che può essere moltiplicata dal fatto che all’interno di uno stesso momento è possibile aprire e chiudere diverse posizioni.

Lo svantaggio, invece, è rappresentato dalla necessità di possedere caratteristiche personali non comuni. E’ necessario, innanzitutto, tanto sangue freddo: gestire tante posizioni vuol dire dover gestire tanto stress e lo stress rischia di compromettere la lucidità. Un altro requisito minimo per poter operare in Intraday, almeno a livello “intenso”, è un bagaglio di conoscenze molto ricco e una notevole esperienza. Questi due elementi consentono al trader di interpretare i movimenti del mercato nel brevissimo termine. Il succo dell’Intraday è proprio questo: sfruttare le fluttuazioni del mercato e le volatilità che si verificano ora per ora.

Nel panorama dell’Intraday un caso particolare è rappresentato dallo Scalping. Questa tecnica può essere considerata come una concretizzazione estrema del concetto Intraday. Per Scalping si intende quella tecnica che consiste nell’apertura e nella chiusura di posizioni in modo frenetico, spesso di pochi secondi. Una tecnica che è piuttosto “borderline”, e che impone ai trader di “dotarsi” di ancor più capacità psicologiche e competenze finanziarie.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY