Intel Corporation: in tempi di Coronavirus regge in Borsa

Il coronavirus è probabilmente la preoccupazione numero 1 nella mente in chi investe. E non solo ovviamente.

Gli analisti prevedono che le azioni delle società statunitensi quotate in borsa scenderanno di almeno un quinto del loro presente valore tra il Q2 e il Q3 del 2020. Tanto che si invita ad investire a lungo termine.

Un titolo su cui suggeriscono di puntare è quello di Intel Corporation (NASDAQ: INTC).

Una situazione di cui approfittare per investire sul titolo. Attualmente la soluzione migliore è quella di utilizzare il broker eToro. Si tratta di un broker autorizzato con servizi innovativi come quello del social trading che permettono di ricevere consigli per orientare con successo le proprie operazioni. Per saperne di più sui servizi di eToro clicca qui per visitare il sito ufficiale.

75% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Perchè investire in Intel

Gli investitori di Intel Corporation (NASDAQ: INTC) dovrebbero prestare attenzione alla diminuzione degli interessi degli hedge fund negli ultimi tempi. INTC non è tra i 30 titoli più popolari tra gli hedge fund.

La reputazione degli hedge funds è stata offuscata nell’ultimo decennio poiché i loro rendimenti coperti non sono stati in grado di tenere il passo con i rendimenti non coperti degli indici di mercato. Gli hedge fund sia un indicatore estremamente utile a cui gli investitori dovrebbero prestare attenzione.

Per esempio, l’Europa è destinata a diventare il più grande mercato al mondo di cannabis, dato che molti paesi si stanno ormai aprendo. Quindi può essere interessante tenere sott’occhio gli stock sulla marijuana.

La più grande partecipazione in Intel Corporation (NASDAQ: INTC) è stata detenuta da Fisher Asset Management, che ha dichiarato di possedere azioni per un valore di $ 1616 milioni alla fine di settembre. È stato seguito da Arrowstreet Capital con una posizione di $ 1135,7 milioni.

Altri investitori fiduciosi nella società includono AQR Capital Management, Citadel Investment Group e GLG Partners. In termini di pesi di portafoglio assegnati a ciascuna posizione, gli investitori MFP hanno assegnato il peso maggiore a Intel Corporation (NASDAQ: INTC), circa il 16,9% del suo portafoglio 13F.

Platinum Asset Management è anche relativamente molto rialzista sul titolo, distribuendo il 5,49 percento del suo portafoglio azionario 13F a INTC.

A giudicare dal fatto che Intel Corporation (NASDAQ: INTC) ha assistito a un calo del sentiment da parte del settore degli hedge fund aggregati, è sicuro affermare che esiste un certo “livello” di gestori di denaro che hanno scelto di tagliare le proprie quote nel terzo trimestre.

Investire in Intel con eToro

Una delle piattaforme del momento è sicuramente eToro (clicca qui per saperne di più). Si tratta di un broker certificato che consente di negoziare sull’andamento dei titoli azionari.

Uno degli aspetti principali per il quale è usato da milioni di clienti è dato dalla possibilità di copiare dai trader più bravi grazie al social trading (per maggiori dettagli visita questa pagina). In questo modo anche i principianti sono in grado di essere subito operativo contando su funzioni di assoluto valore.

Per saperne di più sul CopyTrading di eToro clicca qui.

75% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Altri titoli su cui puntare

Curiosamente, Marshall Wace LLP di Paul Marshall e Ian Wace ha tagliato il più grande investimento dei 750 fondi monitorati da Insider Monkey, del valore di circa $ 19,3 milioni in azioni, e Bridgewater Associates di Ray Dalio era proprio dietro questa mossa, mentre il fondo ha detto addio a circa $ 11,1 milioni di valore.

Questi comportamenti ribassisti sono importanti da notare, poiché nel terzo trimestre gli interessi degli hedge fund sono stati ridotti di 6 fondi.

Verizon Communications Inc. (NYSE: VZ), The Home Depot, Inc. (NYSE: HD), The Coca-Cola Company (NYSE: KO) e Merck & Co., Inc. (NYSE: MRK) sono società più vicine alla valutazione di mercato di INTC. Sebbene appartenenti anche a categorie merceologiche diverse. Quindi anche un buon indicatore.

Questi titoli avevano una media di 71 hedge funds con posizioni rialziste e l’importo medio investito in questi titoli era di $ 8961 milioni. Quella cifra era di $ 6147 milioni nel caso di INTC. Home Depot, Inc. (NYSE: HD) è lo stock più popolare in questa tabella.

D’altra parte, The Coca-Cola Company (NYSE: KO) è la meno popolare con solo 51 posizioni rialziste di hedge fund. Intel Corporation (NASDAQ: INTC) non è il titolo meno popolare in questo gruppo ma l’interesse degli hedge fund è ancora al di sotto della media.

I primi 20 titoli più popolari tra gli hedge fund hanno registrato un rendimento del 41,3% nel 2019 e hanno sovraperformato l’ETF S&P 500 (SPY) di 10,1 punti percentuali. Questi titoli hanno guadagnato il 12,9% nel 2020 fino al 9 marzo, ma sono riusciti a battere il mercato di 1,9 punti percentuali.

Anche un piccolo numero di hedge fund aveva ragione a scommettere su INTC, anche se non nella stessa misura, poiché lo stock è tornato a -14,6% nello stesso periodo di tempo e ha sovraperformato il mercato.

Migliori piattaforme per fare trading sul titolo Intel

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
eToro social trading
Social trading, copy trading
*75% dei trader perde soldi
Copy PortfolioISCRIVITI
plus500
Servizio CFDDemoISCRIVITI
fxtb
Corso trading gratis, CFDSegnali gratuitiISCRIVITI
Trade.com
Forex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

Andamento del titolo Intel

Intel Corporation resta leader nei chip e nella moderna IA

Intel resta al giorno d’oggi leader nella produzione di chip per computer, ma sta primeggiando anche nella moderna IA. Lasciando il titolo Intel pronto a sovraperformare il mercato e il titolo AMD rispetto al più lungo termine.

Nel frattempo, Intel sta cercando di sfruttare tutte le principali tendenze tecnologiche in rapida crescita e sta investendo abbastanza in ricerca e sviluppo per farlo in modo efficace.

Intel taglierà il suo prezzo per i suoi chip Cascade Lake per server, secondo quanto riportato da ExtremeTech il 26 febbraio. La riduzione del prezzo aumenta il valore dei chip di Intel e rappresenta “parte della risposta globale di Intel” ai chip dei server di AMD.

Nel frattempo, sul fronte dei chip desktop, Intel sta tagliando i suoi prezzi e introducendo l’hyperthreading su tutti i suoi nuovi chip. Secondo il sito web tecnologico Engadget, i nuovi chip desktop Intel “dovrebbero essere competitivi con i chip Ryzen 9 di AMD sia in termini di prestazioni che di prezzo”. E il sito web aggiuge che AMD rilascerà nuovi chip “già nel terzo trimestre”.

Dato il basso prezzo dell’elettricità nella maggior parte delle aree e il consumo relativamente basso di chip, le prestazioni del chip e il prezzo di vendita siano probabilmente considerazioni molto più importanti.

Ancora, la forza del marchio dell’azienda con gli utenti finali e la sua capacità di collaborare con i produttori di PC, sono i principali vantaggi rispetto ad AMD.

Pertanto, intanto che i prodotti Intel saranno nel campo generale con AMD in termini di costi e prestazioni, la società più grande sarà almeno in grado di evitare di perdere ulteriori quote di mercato per AMD.

Intel sta compiendo ulteriori progressi sull’intelligenza artificiale e la sua strategia sembra convincente. I chip della società si stanno rivelando popolari tra gli sviluppatori di AI e si aspetta che i suoi prossimi chip Cooper “consentano ai sistemi di intelligenza artificiale di essere addestrati fino al 60% più velocemente rispetto ai loro predecessori”.

Secondo Analytics India Magazine, i chip AI prodotti da Habana sono quattro volte migliori delle unità di elaborazione grafica (GPU) per supportare l’IA. Il sito web ha citato esperti affermando che i chip Habana hanno una memoria superiore alle GPU e che è necessaria una grande quantità di memoria per l’IA.

Analytics India aveva riferito che i chip AI di Habana erano stati fantastici ed erano “solo secondi a Nvidia (NASDAQ: NVDA) in alcune categorie”. Ora sembra che Intel stia per superare anche Nvidia.

In particolare, Intel, in collaborazione con la Rice University, secondo quanto riferito è stata in grado di aumentare radicalmente la velocità dei chip Xeon di Intel che vengono utilizzati per la formazione AI.

Di conseguenza, Xeon è ora “3,5 volte più veloce di Tesla (chip) di Nvidia nel deep learning AI”, secondo wccftech.

È importante sottolineare che un recente articolo a Forbes scritto da un autore che aveva intervistato il CEO di Intel Bob Swan, mostra che Swan sta pensando e prendendo provvedimenti sulla base di “un quadro generale”.

In particolare, si sta assicurando che l’azienda stia sfruttando le principali, enormi tendenze della tecnologia, tra cui Internet of Things, 5G e, naturalmente, AI.

Ha ripetutamente sottolineato l’importanza dell’intelligenza artificiale e ha affermato che è “integrato” nel “pensiero progettuale e nell’attuazione” della società, ha affermato l’editorialista di Forbes.

Inoltre, Swan sta cercando di aiutare la digitalizzazione di tutti i suoi clienti e l’azienda spende oltre 13 miliardi di dollari all’anno in ricerca e sviluppo. Lo scorso anno AMD ha speso $ 1,547 miliardi in ricerca e sviluppo.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.