Inps: in consegna le buste arancioni

In arrivo per sette milioni di italiani il prospetto del calcolo pensionistico per le prospettive economiche della terza età.

Con un leggero ritardo, ma sono in arrivo le buste arancioni da parte di Inps, che sveleranno agli italiani pensioni e stile di vita della loro futura terza età.

inps pensioni
inps e le buste arancioni

Cosa sono le buste arancioni

Simulazioni di calcolo per oltre sette milioni di lavoratori, che avranno così la possibilità di calcolare in anticipo il trattamento pensionistico che riceveranno una volta terminato il loro percorso lavorativo.

Un documento inviato dall’Inps, fino ad oggi consultabile solo online, il cui risultato è un orgoglio per il presidente dell’Inps, Tito Boeri.

Dal 26 aprile inizia quindi l’invio dei prospetti anche ai soggetti non digitalizzati, con richiesta di munirsi di codice Pin per accedere a breve ai servizi online dell’Istituto.

Una busta arancione per conoscere la prospettiva economica della propria vecchiaia

La Busta Arancione é un prospetto atteso in Italia almeno dal 2005, che trae spunto da un documento analogo svedese, inviato presso il domicilio proprio con una busta arancione.

Con il nuovo documento, ciascun contribuente può ricevere e consultare il prospetto di una simulazione sull’assegno previdenziale che lo attende durante la vecchiaia, rapportato al costo della vita di oggi.

Ciascun lavoratore può così calcolare facilmente la differenza tra l’ultima retribuzione che percepirà e l’assegno pensionistico maturato a fine carriera e potrà valutare il proprio tenore di vita durante la terza età, anche al fine di comprendere se ha bisogno di costruirsi una rendita di scorta con i fondi pensione o con un piano di risparmio personalizzato.

Le modalità di calcolo

I calcoli si basano sulla carriera del lavoratore, sulla crescita dei suoi redditi, all’andamento del Pil e dell’inflazione.

Unica pecca: le simulazioni sono determinate secondo i criteri pensionistici attualmente in vigore (pensione di vecchiaia a 66 anni e 7 mesi, destinata a salire in futuro con l’aumento delle aspettative di vita della popolazione).

Considerata la molteplicità di modifiche normative in materia, la carenza maggiore del prospetto è proprio l’attendibilità della simulazione.

In ogni caso sul web, i lavoratori possono fare delle simulazioni più ampie e diversificate, modificando i dati delle stesse.

Destinatari

La Busta Arancione sarà inviata inizialmente a tutti i lavoratori dipendenti del settore privato ed ai lavoratori autonomi come gli artigiani, i commercianti e le partite iva iscritte alla Gestione Separata.

Dal 2016 poi, il prospetto sarà disponibile anche per i dipendenti statali.