Inps: aggiornate le statistiche mercato del lavoro, boom dei Voucher

I dati aggiornati dall’Inps hanno confermato le precedenti statistiche sull’andamento del mercato del lavoro. L’esaurirsi degli incentivi all’assunzione hanno frenato la creazione di posti di lavoro stabili, mentre per quando riguarda il boom dei voucher continua a essere una soluzione ampiamente utilizzata, anche se in leggero calo.

Dati aggiornati mercato del lavoro

Nel periodo che va da gennaio ad ottobre dai dati censiti è emerso che sono stati stipulati 497 mila nuovi contratti, quindi più dei 313 mila del 2014 ma meno dei 636 mila del 2015.

La differenza tra le assunzioni e le cessazioni nell’ultimo anno ha ottenuto un risultato positivo (+486.000) ad ottobre, grazie alla crescita registrata nei rapporti lavorativi a tempo indeterminato. I contratti stipulati sono stati più di 1,3 milioni nell’indeterminato, mentre le cessazioni sono state pari a 1.308.680 con un saldo positivo di 61.640 unità, ma rispetto al saldo positivo di 588.039 dello stesso periodo del 2015, c’è stato un peggioramento dell’89%.

Reintegro per i lavoratori licenziati ingiustamente

Nel possibile referendum chiesto da Cgil relativo al Jobs Act, verrà richiesta la reintroduzione del precedente “Articolo 18” ossia il reintegro dei lavoratori licenziati senza giusta causa. Stando ai dati dell’Inps le cessazioni avvenute nei primi dieci dell’anno sono diminuite del 4,6% per via delle assunzioni a tempo indeterminato (-7,2%), rispetto al tempo determinato (-1,7%).

Il tasso di licenziamento tra gennaio ed ottobre è risultato inferiore (4,7%) rispetto al 4,8% del 2015, mentre le cessazioni per dimissioni sono state pari a 659.000 (-13,6% rispetto al 2015), le cessazioni per motivi disciplinari sono passate da 48 a 60mila (+27%)

Voucher

Con il Referendum si vuole anche porre rimedio al tasto dolente dei Voucher, spesso utilizzati per far lavorare molte persone in modo irregolare. Nel 2016 sono stati venduti 121,5 milioni di buoni-lavoro con un aumento del 32,3% rispetto al 2015.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY