Trovare Pec, con INI Pec imprese e professionisti: come funziona

Introdotto nel 2013, può essere considerato come le Pagine gialle di queste categorie

ini pec imprese e professionisti
Come appare il portale

Nel 2013 è stato creato l’Indice Nazionale degli Indirizzi di Posta Elettronica Certificata, noto anche con il più semplice acronimo INI Pec. Consultabile online al sito http://www.inipec.gov.it, senza bisogno di autenticazione, è stato realizzato da InfoCamere in collaborazione con il Ministero dello Sviluppo Economico, al fine di fornire un elenco esaustivo di tantissime categorie professionali ed aziende. E’ possibile trovarci le figure più svariate: Agenti di cambio, Tecnologi, commercialisti, dentisti, giornalisti, notai, che vi appariranno con la propria Posta PEC come si trattasse delle Pagine gialle. Gli indirizzi PEC cariati di professionisti sono oltre cinquecentomila, mentre sono ottocento gli ordini e collegi professionali. Gli indirizzi PEC delle imprese sono ormai oltre tre milioni. Vediamo meglio di seguito a cosa serve e come funziona questa INI Pec imprese e professionisti.

ini pec imprese e professionisti
Come appare il portale

INI Pec imprese e professionisti: a cosa serve

Con questo registro si vuole migliorare la comunicazione tra cittadini, soggetti economici, Pubblica amministrazione e professionisti. Il tutto, in favore di semplicità, efficienza ed economicità. Come detto, non c’è bisogno di autenticarsi, e diventa facile reperire gli indirizzi e-mail al fine di inviare comunicazioni istituzionali, partecipare a selezioni pubbliche o concorsi, inoltrare documenti, chiedere semplicemente delucidazioni o consigli su determinati argomenti. Per quanti volessero iscriversi a questo registro, occorre attivare una casella Pec tramite uno degli operatori autorizzati che offrono questo tipo di servizio anche con bassi costi annui (si pensi ad Aruba o Libero Mail Pec). I quali, in passato hanno anche offerto promozioni della durata di un anno in occasione del lancio della posta Pec.

INI Pec imprese e professionisti: come consultarlo

Detto cosa sia e qual è lo scopo di questo registro, vediamo ora come consultarlo. INI Pec imprese e professionisti è suddiviso in due sezioni a loro dedicate. Per ognuno di questi attori troverete i seguenti dati: la provincia della sede legale, il codice fiscale, ovviamente l’indirizzo Pec, e, per le imprese la loro ragione sociale/denominazione, mentre per i professionisti il rispettivo Ordine di appartenenza e il nominativo. Per poter ottenere l’indirizzo Pec di un professionista inserire nell’apposita sezione il suo cognome e la categoria di appartenenza. O, in alternativa, se lo si conosce, il suo codice fiscale. Per le imprese, invece, occorre inserire la denominazione e la provincia della sede legale. Infine, se già si conosce l’indirizzo PEC ma non si sa bene a chi appartenga, si può fare la ricerca a ritroso, inserendo l’indirizzo nell’apposita sezione “Cerca PEC”.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY