Inflazione: salgono di nuovi i prezzi dei carburanti

I dati aggiornati Istat hanno evidenziato nel mese di gennaio un aumento dello 0,2%, rispetto al mese precedente, dei prezzi al consumo, se confrontati con gennaio 2016 l’inflazione risulta essere dello 0,9%, il tasso più alto registrato negli ultimi tre anni.

Sono i beni energetici ad aver subito un maggiore rialzo con un +9%, ecco in dettaglio l’aumento dei carburanti, combustibili ad uso domestico ed i lubrificanti.

Inflazione carburanti

L’andamento tendenziale risulta essere:

  • benzina +9,3% rispetto il +3,3% del mese precedente
  • gasolio per i mezzi di trasporto +13,9% rispetto al +3,3% del mese di dicembre
  • gasolio per uso domestico (riscaldamento) +11,2% rispetto al +2,1% di dicembre.
  • Anche i beni non lavorati hanno visto un incremento dei prezzi del +5,3% rispetto al +1,8% di dicembre 2016, leggera diminuzione invece dei prezzi dei beni energetici regolamentati con -3% dal -5,8%. Rispetto al mese di dicembre il differenziale inflazionistico tra beni e servizi torna ad essere negativo con -0,6%, dopo un periodo di 46 mesi.

Unione Nazionale Consumatori

Secondo l’associazione Unione Nazionale Consumatori, l’inflazione avrà un impatto sui cittadini italiani dello 0,9% sul costo della vita, ovvero:

  • una coppia senza figli e con più di 65 anni di età, subirà un carovita di 274 euro,
  • una coppia con un figlio, pagherà annualmente 321 euro in più,
  • i sigle con meno di 35 anni di età, 180 euro in più,
  • un pensionato con più di 65 anni, 177 euro annui in più,
  • una coppia senza figli e con meno di 35 anni di età, 261 euro in più.
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY