Industria: fatturato in calo ma ordinativi a +10,4% rispetto al 2014

A luglio il fatturato dell’industria, al netto della stagionalità, ha fatto registrare una flessione dell’1,1% rispetto allo scorso giugno; in particolare assistiamo ad una diminuzione sul fronte interno (-1,7%) e ad un incremento sul mercato estero (+0,2%). La flessione del fatturato totale, al netto dell’energia, scende però ad un -0,5%. Questo è quanto emerge dal rapporto Istat “Fatturato e ordinativi dell’industria”. Ma approfondiamo i dati.

Nella media dell’ultimo trimestre, l’indicatore totale è cresciuto dell’1,4% rispetto ai tre mesi precedenti (+1,7% per il fatturato interno e +1,0% per quello estero). Inoltre, se corretto per gli effetti del calendario (i giorni lavorativi sono stati 23 come nel luglio 2014), il fatturato complessivo è aumentato in termini tendenziali del 2,3%, con crescite dell’1,2% sul mercato interno e del 4,2% su quello estero.
Gli indici destagionalizzati del fatturato hanno fatto registrare aumenti congiunturali per i beni di consumo (+0,5%), mentre si sono avute delle flessioni nel campo dell’energia (-7,4%), nel settore dei beni strumentali (-2,3%) e in quello dei beni intermedi (-0,1%). La crescita tendenziale più notevole si è avuta nella fabbricazione di mezzi di trasporto (+22,1%), mentre la più consistente diminuzione, fra i settori manifatturieri, si è registrata nella fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (-12,2%).

Sempre nel rapporto dell’istituto di statistica, si parla anche di ordinativi. Scopriamo così che, a luglio, si è avuto un incremento congiunturale dello 0,6%, sintesi di un incremento del 3,1% per gli ordinativi interni e di una decrescita del 2,9% per quelli esteri. Segnali molto positivi nel confronto con il mese di luglio 2014: l’indice grezzo degli ordinativi ha fatto segnare una crescita del 10,4%. L’incremento più cospicuo è stato registrato nella fabbricazione di mezzi di trasporto (+61,3%), mentre la diminuzione più consistente è stata osservata nelle industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (-1,9%).

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY