Indice IFO

Operando sul Forex e leggendo le analisi economiche, ci si imbatte costantemente in termini tecnici e in acronimi. Oggi vogliamo prendere in esame un importante market mover, l’indice IFO. Questo deve il suo nome all’istituto che lo emana (Institut für Wirtschaftsforschung con sede a Monaco di Baviera) ed è un fondamentale indicatore dello stato di salute dell’economia tedesca.

L’indice esce dal 1991 alla fine di ogni mese ed è il risultato di un sondaggio condotto su circa 7 mila operatori commerciali operanti nel comparto manifatturiero, delle costruzioni, del commercio all’ingrosso e del commercio al dettaglio. L’indagine si concentra sullo stato di salute degli affari e sulle aspettative / previsioni relative ai sei mesi successivi. Per ogni domanda viene emesso un giudizio: per quanto riguarda la fiducia attuale si può indicare buona, soddisfacente o povera; per quanto concerne le aspettative future, si possono usare i giudizi migliore, uguale o peggiore.
Sulla base dei dati così raccolti, l’IFO Institute elabora in realtà tre indici: quello generale, chiamato IFO Business Climate Index; l’indice sulla situazione attuale e quello sulle aspettative.
Il valore dell’IFO è stato posto pari a 100 per l’anno 2005: i valori assoluti vanno quindi letti come miglioramento (sopra 100) o peggioramento (sotto 100) rispetto a quell’anno specifico. Nella lettura corrente, comunque, il dato più seguito è la variazione percentuale rispetto al mese precedente.

La pubblicazione dell’IFO ha grande impatto sui mercati ed è molto atteso soprattutto nei periodi di incertezza. E il motivo è presto spiegato: innanzitutto stiamo parlando della Germania, vero motore dell’Europa; inoltre è risaputo che le aziende rispondono molto più rapidamente ai mutamenti delle condizioni di mercato. Una variazione negativa del sentiment degli imprenditori può quindi essere un serio campanello d’allarme per l’intero mercato finanziario. L’indice IFO ha spesso anticipato il trend della produzione industriale tedesca, ma anche dell’Europa occidentale: se cresce è possibile ipotizzare che nel giro di un paio di mesi anche la produzione crescerà.
Per quanto riguarda il mercato delle valute, quando il valore supera quello previsto dagli analisti, l’IFO manda un segnale positivo che potrebbe portare ad una fase rialzista della moneta unica.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY