Indicatore RVI: come funziona nell’analisi tecnica

Cos’è Indicatore RVI? Come funziona indicatore RVI? Indicatore RVI è attendibile? Perché Indicatore RVI è importante? Cosa significa RVI? Come utilizzare al meglio RVI? Lo vediamo in questo articolo.

L’utilizzo degli indicatori tecnici sicuramente non sono certo palle di vetro infallibili per prevedere i movimenti del cross, ma sono capaci di fornire un’ottima base di partenza al fine di permettere di affinare la nostra tecnica. La quale dovrà comunque essere basata su fondamenta di analisi macroeconomica.

Sebbene il creatore del RVI resta ad oggi sconosciuto (un po’ come quello del Bitcoin, che si cela o di celano dietro lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto), il suo funzionamento è molto simile allo Stocastico, tranne per il fatto che il prezzo di chiusura è confrontato con quello di apertura piuttosto che con il minimo del periodo.

L’idea principale del Relative Vigor Index è quella che i prezzi tendono a chiudere più in alto rispetto all’apertura nei mercati in rialzo, rispetto a quando tendono a chiudere al ribasso nei mercati discendenti. Il “vigore” del movimento è quindi dato da dove i prezzi si trovano alla fine della giornata.

Per far sì che l’indice sia normalizzato al range giornaliero, il cambio di prezzo viene diviso in base al range massimo dei prezzi per quel giorno.

Il Relative Vigor Index (RVI) è un indicatore tecnico utilizzato per stabilire il livello di energia o vigore all’interno del mercato attuale. Quando il mercato è in rialzo (toro), il prezzo di chiusura è generalmente di livello superiore al prezzo di apertura del mercato, mentre è vero il contrario per un mercato ribassista. Utilizzando l’indice Relative Vigor per analizzare i movimenti nel livello dei prezzi tra l’apertura e la chiusura del mercato e confrontandolo con i risultati ottenuti nei giorni successivi e precedenti, siamo in grado di accertare il vigore generale del mercato al fine di migliorare la previsione del risultato di determinate tendenze.

Ma cerchiamo di capirne di più su cos’è il RVI, come funziona il RVI e come utilizzare RVI.

RVI cosa significa

Cosa significa RVI? Si tratta di un acronimo che sta per Relative Vigor Index, traducibile in Indice relativo del vigore. Il quale, come detto, si riferisce dal vigore del movimento dei prezzi dato da dove i prezzi si trovano alla fine della giornata.

RVI cos’è

Cos’è RVI? L’indice Relative Vigor (RVI) è un indicatore di analisi tecnica che misura la forza di una tendenza confrontando il prezzo di chiusura di un titolo con la sua fascia di prezzo e uniformando i risultati utilizzando una media mobile esponenziale (EMA). Si basa sul fatto che i prezzi tendono a chiudersi più in alto di quanto non si aprano in trend rialzisti, e più vicini a quelli aperti nei trend al ribasso. L’indicatore viene calcolato utilizzando la seguente formula:

Close – Open / High – Low

Dove i termini stanno er:

  • Open: prezzo aperto
  • High: il prezzo più alto
  • Low: il prezzo più basso
  • Close: prezzo di chiusura

RVI o RVGI è dunque un indicatore tecnico che anticipa i cambiamenti nelle tendenze del mercato. Molti TRADER considerano l’RVI un “cugino primo” dell’oscillatore stocastico a causa delle somiglianze nelle loro formule (entrambi usano l’apertura, la chiusura, l’alto e il basso di ogni candela). Poiché l’indicatore relativo del Vigor Index è un oscillatore, l’indicatore rimbalza sopra e sotto lo zero – producendo valori sia positivi che negativi.

RVI come funziona

Come funziona RVI? L’indicatore RVI è calcolato in modo simile all’oscillatore stocastico, ma confronta il parente stretto con l’aperto piuttosto che con il basso. I trader si aspettano che il valore di RVI cresca man mano che la tendenza fiduciosa prende slancio, perché in questo tipo di ambiente, il prezzo di chiusura di una sicurezza tende ad essere al top della gamma mentre l’open è vicino al minimo del giorno.

La RVI è un oscillatore centrato piuttosto che un oscillatore a bande, il che significa che è generalmente visualizzato sopra o sotto il grafico dei prezzi e si muove attorno a una linea centrale piuttosto che al prezzo effettivo. È una buona idea usare l’indicatore RVI insieme ad altre forme di analisi tecnica per trovare le operazioni con la probabilità più alta.

Ad esempio, un trader potrebbe cercare potenziali variazioni di tendenza con l’indicatore RVI, cercando divergenze con il prezzo corrente, e quindi cercando specifici punti di entrata e uscita con le tradizionali linee di tendenza e schemi grafici.

RVI caratteristiche

Ecco le principali caratteristiche del RVI:

  • L’RVI è un indicatore leader
  • RVI constA di due linee, che interagiscono tra loro e fluttuano intorno a un livello zero
  • RVI fornisce segnali per ipercomprato e condizioni di ipervenduto
  • RVI crea divergenze e schemi grafici
  • Un indicatore di trading aggiuntivo dovrebbe sempre confermare i segnali RVI

Come noto, un indicatore da solo non basta. RVI non fa eccezione e va abbinato con:

RVI come si legge

Come si legge RVI? L’indice relativo del vigore è interpretato allo stesso modo di molti altri oscillatori, come la convergenza media-divergenza mobile (MACD) o l’indice di forza relativa. Mentre gli oscillatori tendono a fluttuare tra i livelli impostati, possono rimanere a livelli estremi per un periodo prolungato di tempo, quindi la lettura grezza deve essere presa in un contesto più ampio per essere utile per i trader.

I due segnali di trading più popolari includono:

RVI Divergences – La divergenza tra l’indicatore RVI e il prezzo potrebbe suggerire che ci sarà un cambiamento a breve termine nella tendenza nella direzione della tendenza della RVI. Ad esempio, se un prezzo delle azioni è in aumento e l’indicatore RVI sta diminuendo, è un indicatore che il titolo potrebbe vedere un’inversione al ribasso nel breve termine.

RVI Crossovers – L’RVI, come la maggior parte degli oscillatori, ha una linea di segnale che viene spesso calcolata insieme con i calcoli dei prezzi effettivi (sopra). Un crossover sopra la linea del segnale è un indicatore rialzista, mentre un crossover sotto la linea del segnale è un indicatore al ribasso. Questi crossover sono progettati per essere indicatori anticipatori dell’azione futura dei prezzi.

  • Linea verde: La linea verde è una media mobile semplice standard del calcolo DEL rvi. Sebbene sia possibile regolare la linea verde, il valore predefinito è 10 anni.
  • Riga rossa: La linea rossa è una media mobile ponderata per il volume di 4 periodi. La linea rossa è la “linea di innesco”, perché fornisce segnali commerciali quando attraversa sopra o sotto la linea verde.

Gli operatori generalmente si aspettano che RVI segnali i cambi di direzione e aumenti nei mercati rialzisti quando il momentum è in aumento e i prezzi di chiusura superano i valori di apertura. Le fluttuazioni tendono ad essere più fluide in modo tale che le divergenze tra l’indice e il comportamento dei prezzi abbiano più significato. Questo indice è classificato come un “oscillatore” poiché i valori oscillano tra valori positivi e negativi calcolati.

Il grafico degli indicatori ha tipicamente una linea centrale stabilita a “0.00” con la RVI e la sua media mobile ponderata compagna che vibra su di essa. I valori alti sono interpretati come una forte condizione di ipercomprato, o segnale di “vendita”, e valori bassi, una forte condizione di ipervenduto o segnale di “acquisto”.

RVI tipi di segnali

1. Mercato ipercomprato / ipervenduto

Un valore basso indica un mercato ipervenduto e un valore elevato segnala un ipercomprato.

2. Crossovers

I segnali di ingresso e uscita vengono attivati quando la media mobile corta incrocia la media mobile lunga.

3. Divergenza

Le divergenze tra l’azione sui prezzi e RVI spesso conducono a movimenti controtendenza.

4. Chart Patterns

RVI può tracciare formazioni come doppi fondi, doppi piani, testa e spalle, ecc.

RVI strategie di trading

Ecco 5 strategie di trading utilizzando RVI:

Relative Vigor Index e lo Stochastic Oscillator

Mettiamo l’esempio di un grafico di 10 minuti di Bank of America dal 15 al 17 novembre 2015. I due cerchi verdi indicano quando l’RVI e lo Stocastico iniziano a registrare una condizione di ipervenduto. Andiamo a lungo nel momento in cui la linea verde dello strumento Relative Vigor Index rompe la linea rossa segnalando una nuova tendenza rialzista. Dopo un lungo periodo, otteniamo un aumento di prezzo di 50 centesimi, pari a circa il 4% del prezzo totale per azione.

Relative Vigor Index e il Relative Strength Index (RSI)

Sopra c’è un grafico di 10 minuti di Yahoo dal 7 all’8 settembre 2015. Nella prima configurazione, speriamo di prendere una posizione lunga una volta che la RSI registri una condizione di ipervenduto e la RVI ha un cross rialzista. Andiamo a lungo alle 3 del pomeriggio del 7 e siamo in grado di guadagnare $ 1,20 per azione entro il prossimo giorno di negoziazione. Nel secondo setup, siamo sul lato corto del trade. L’RSI è in territorio di ipercomprato e dopo diversi periodi, la RVI inizia a mostrare anche una lettura ipercomprato. Una volta che lo stocastico e la RVI passano al ribasso, apriamo una posizione corta. Dopo alcuni periodi, il prezzo diminuisce sotto i $ 1,16 lasciandoci con un buon profitto cdi trading.

Relative Vigor Index e Two Moving Averages

Le medie mobili possono essere di qualsiasi lunghezza, purché corrispondano al tuo stile di trading. Nel nostro caso, combineremo l’RVI con le SMA a 9 e 16 periodi. Dopo aver ricevuto un segnale commerciale dall’indice Relative Vigor, si inserisce una nuova posizione solo dopo una croce delle due SMA nella direzione della posizione desiderata. Al contrario, esci dalla tua posizione una volta che c’è un incrocio SMA, che va nella direzione opposta del tuo trade.

Mettiamo il caso di un trading di 10 minuti di IBM dal 2 al 2 novembre 2015. IBM produce un segnale di ipervenduto nel primo cerchio verde. Nonostante un segnale lungo dalla RVI, attendiamo un cross rialzista dagli SMA. Questo succede dopo 30 minuti e decidiamo di prendere una posizione lunga. Pertanto, acquistiamo IBM e restiamo in attesa finché le due SMA non si incrociano nella direzione opposta.

Relative Vigor Index e il Moving Average Convergence Divergence (MACD)

Mettiamo ora il caso di un trading Twitter di 10 minuti dal 17 al 18 novembre 2015. Analogamente alle strategie precedenti, aspettiamo che sia RVI che MACD confermino uno scambio prima di aprire una posizione. In questo esempio, siamo stati in grado di aprire una posizione lunga, che ci porta a 75 centesimi per azione.

Relative Vigor Index e le bande di Bollinger Bands

Infine, stiamo per esporre un’altra strategia di trading, che consiste nel combinare l’Indicatore Vigente Relativo con le Bande di Bollinger. Come probabilmente saprai, l’indicatore delle bande di Bollinger consiste in una semplice media mobile (SMA a 20 periodi di default) e due bande – superiore e inferiore. La banda superiore è di due deviazioni standard sopra la SMA e la banda inferiore è di due deviazioni standard al di sotto della SMA (valori predefiniti). Pertanto, le due bande formano un corridoio, che è diviso su due metà dalla SMA a 20 periodi.

In questa strategia di trading, abbiamo bisogno di due segnali per entrare nel mercato. Il primo viene dall’indicatore RVI in ipercomprato o ipervenduto. Dopo aver ricevuto tale segnale, abbiamo bisogno del prezzo per attraversare la SMA delle Bande di Bollinger nella direzione del segnale RVI. Ogni volta che prendiamo la croce, apriamo una posizione di conseguenza. Usciremo dalla nostra posizione, quando avremo il prezzo per attraversare la SMA di Bollinger Bands nella direzione opposta.

Mettiamo il trading a 10 minuti di Apple per il 13-14 ottobre 2015. Vediamo che i due segnali di cui abbiamo bisogno da questa strategia commerciale vengono immediatamente. La RVI mostra mercato ipercomprato e le sue linee si incrociano in direzione ribassista. Allo stesso tempo, il prezzo rompe la SMA di 20 periodi delle Bande di Bollinger in una direzione ribassista, che è il nostro grilletto corto. Andiamo breve e il prezzo inizia a salire le bande più basse, il che è ottimo per la nostra posizione corta.

Ventidue ore dopo, vediamo il prezzo di Apple che rompe la SMA a 20 periodi delle Bande di Bollinger in una direzione rialzista. Qui è dove chiudiamo la nostra posizione e prendiamo i nostri profitti di $ 1,37 per azione. Si prega di notare che questo esempio è di una posizione overnight, pertanto, se sei uno swing trader, allora questo esempio si adatterebbe entro i tempi di negoziazione.

RVI con quale indicatore va abbinato?

Le strategie che utilizzano Stochastics e RSI forniranno segnali di trading simili in quanto entrambi sono oscillatori. È meglio focalizzare l’attenzione sugli indicatori sul grafico, poiché questi interagiscono direttamente con l’azione del prezzo. A questo punto, mentre il MACD non è un oscillatore, soffoca l’efficacia dell’indicatore RVI. Nel momento in cui il MACD fornisce un segnale commerciale, l’opportunità di acquisto è esaurita.

La strategia della banda di Bollinger produrrà molti segnali poiché le azioni attraverseranno spesso sopra e sotto la media mobile di 20 periodi. Come trader, evitare di farlo è sempre una buona idea. Pertanto, tra le 5 strategie, l’RVI con due medie mobili è il migliore per il day trading. Le medie mobili ti permettono di valutare l’azione del prezzo mentre la RVI ti dà un’indicazione delle condizioni di ipervenduto e ipercomprato. In questo modo hai bisogno di un’azione di prezzo effettiva per confermare il segnale dall’oscillatore RVI.

RVI limiti

Quali sono i limiti del RVI? L’indicatore Relative Vigor Index è composto da due curve fluttuanti: la linea “Green”, che è il più fluido RVI, e la linea del segnale “Red”. L’oscillatore Relative Vigor Index è visto come un indicatore “principale”, in quanto i suoi segnali indicano che un cambiamento nella tendenza è imminente, specialmente quando le linee si incrociano in regioni estreme o quando i valori divergono dal comportamento attuale dei prezzi.

Tuttavia, la debolezza dell’indicatore è la tempistica e spesso dà valori contro-intuitivi che confondono piuttosto che aiutare i trader. L’utilizzo di un indicatore aggiuntivo può ridurre la propensione a segnali falsi.

RVI in MetaTrader 4

 

Come impostare RVI? Calcoliamo l’indicatore RVI tramite una serie di passaggi. Il passo principale è il calcolo del valore RVI di base, usando la seguente equazione:

RVI = (chiuso – aperto) / (alto-lento)

La formula osserva la differenza tra il prezzo di chiusura e il prezzo di apertura, per poi normalizzarlo nel range di trading nel periodo. Quindi inseriamo i nostri valori di RVI su N periodi tramite una Simple Moving Average (SMA). Questa è la nostra principale linea di oscillatori RVI; appare in MetaTrader come una linea verde.

Molte versioni dell’indicatore RVI, infatti, eseguono una doppia levigatura. Questo applica dapprima un filtro di risposta impulsiva finita (FIR) simmetricamente ponderata, che viene quindi calcolato come media su N periodi. ondamentalmente, lo scopo del filtro è di rendere il ciclo di fase dell’oscillatore più adatto al ciclo di fase del grafico dei prezzi. Il principio chiave della metodologia da capire è che RVI rimane il rapporto tra (close-open) e (high-low).

Il passo successivo è quello di creare una linea di segnale. Lo facciamo applicando lo stesso filtro FIR ai valori RVI – una media mobile simmetricamente ponderata dei valori RVI in 4 periodi. MetaTrader 4 traccia la linea del segnale in rosso sullo stesso grafico della linea RVI principale.

Il metodo di calcolo per l’indicatore Relative Vigor è in realtà molto simile a quello utilizzato per l’Oscillatore Stocastico, un altro indicatore molto popolare. L’oscillatore stocastico utilizza il prezzo rispetto al minimo del giorno. Al contrario, la RVI utilizza il prezzo rispetto al massimo del giorno, come abbiamo visto. È utile comprendere i principi di base su come funziona un indicatore, ma il reale carico computazionale è tutto a carico di MetaTrader 4. Quindi, diamo un’occhiata all’utilizzo dell’indicatore Relative Vigor Index in MT4.

È semplice utilizzare RVI in MT4. L’RVI viene fornito in bundle con la piattaforma come uno dei suoi indicatori standard, in modo che non sia necessario un download separato per l’indicatore.

Quando fai clic su Relative Vigor Index, ti verrà chiesto con la normale finestra di dialogo che ti permetterà di configurare l’indicatore come preferisci. Il parametro chiave che è possibile modificare è Period, che è il numero di periodi utilizzati per il livellamento principale applicato all’oscillatore RVI. Il valore predefinito è 10, come mostrato sopra. Puoi anche scegliere i colori usati per queste linee. L’impostazione predefinita è verde per l’oscillatore RVI e rosso per la linea del segnale.

L’oscillatore e la linea di segnale appaiono entrambi sotto la tabella dei prezzi. Si noti che la linea del segnale riflette sostanzialmente l’oscillatore principale, ma con un leggero ritardo ed è leggermente più liscia.

I punti più chiari da considerare sono quelli in cui le linee verde e rossa si incrociano. Quando la linea verde raggiunge il massimo o il minimo, dovrebbe dirci un cambiamento nel mercato da rialzista a ribassista, o viceversa. Se stessimo guardando la linea verde, non sapremmo quando questi punti si sono verificati fino a quando non è stato troppo tardi per reagire a loro. La linea del segnale ci dà crossover che dovrebbero segnalare questi punti di svolta chiave in un modo, si spera, tempestivo.

Si noterà come la linea verde RVI che attraversa sotto la linea di segnale rossa coincide con i tratti ribassisti del prezzo. Noterete anche come le croci verso l’alto segnalano i periodi in cui il mercato diventa rialzista o smette di essere ribassista.

Poiché l’oscillatore si muove naturalmente in un modello d’onda, possiamo tentare di aggiungere una regola per limitare le negoziazioni a condizioni più favorevoli. Ciò significherebbe solo agire su un segnale crossover da acquistare se RVI è inferiore a 0. Analogamente, dovremmo agire solo su un segnale crossover per vendere quando è superiore a 0. Il time frame per il grafico è una scelta importante. L’indicatore è stato originariamente concepito, come molti altri indicatori popolari, da utilizzare insieme ai dati di prezzo di fine giornata.

Fintanto che il principio è vero che tende a chiudersi più in alto durante le fasi rialziste (e più basso nelle fasi ribassiste), non vi è alcun motivo per cui l’indicatore non possa essere usato anche per altri intervalli di tempo. Come qualsiasi indicatore, ci sono momenti in cui l’RVI fornirà segnali falsi. Un modo per provare a migliorare la tua sicurezza in un segnale di trading è combinare l’indice Relative Vigor con un altro indicatore. Se scambi solo quando vedi un accordo nei segnali dei tuoi due indicatori, potrebbe migliorare la loro efficacia.

Ad esempio, è possibile controllare l’indicatore dell’indice del flusso di denaro per vedere se il mercato sembra ipercomprato o ipervenduto. Sebbene MetaTrader 4 sia dotato di un set standard di indicatori comuni, è possibile espandere la selezione disponibile scaricando MetaTrader 4 Supreme Edition. MT4SE è un plug-in personalizzato sviluppato da professionisti del mercato che estende ampiamente le funzionalità di MetaTrader 4.

Per determinare ciò che è efficace, hai davvero bisogno di giocare in un ambiente privo di rischi. In questo modo, puoi vedere cosa funziona meglio e cosa non funziona affatto. Questo è il motivo per cui è una buona idea per i principianti avere un conto di trading demo. Quando provi le tue idee con un account demo, non stai mettendo soldi veri a rischio, anche se stai scambiando con dati reali sui prezzi in tempo reale.

Come inserire RVI in MetaTrader 4

Come inserire RVI in MetaTrader 4? Per aggiungere RVI in MetaTrader 4 occorre seguire i seguenti passaggi:

“Inserisci -> Indicatori -> Oscillatori -> RVI

RVI è affidabile?

L’indice Relative Vigor è un indicatore basato sull’ipotesi che il prezzo di chiusura di un periodo, ad esempio la fine della giornata, sia una caratteristica chiave legata alla forza di una mossa di mercato. Quando la dinamica di un mercato è rialzista, tendiamo a osservare chiusure più elevate. In un mercato ribassista, tendiamo a vedere prezzi di chiusura più bassi. Usando questo semplice principio, l’indicatore RVI fornisce chiari segnali di quando negoziare, attraverso il suo uso di una linea di segnale, come abbiamo visto.

La saggezza convenzionale impone che gli indicatori guida tendano ad essere utili principalmente nei mercati a range-bound. Dovresti essere estremamente cauto nell’usare l’indicatore in un mercato di tendenza.

RVI esempi

Per eliminare fluttuazioni occasionali dei prezzi (il cosiddetto “rumore”), l’oscillatore Relative Vigor Index (RVI) è livellato dalla media mobile semplice a 10 periodi. Una linea di segnale si forma anche come media mobile a 4 periodi sui valori dell’oscillatore. I segnali di base dell’indice Relative Vigor (RVI) sono:

divergenza rialzista / convergenza ribassista: il segnale principale che punta alla debolezza della tendenza attuale. Un buon momento per aprire una posizione di vendita / acquisto è l’attraversamento della linea RVI dalla linea del segnale dall’alto / dal basso una volta che la divergenza rialzista / convergenza ribassista è apparsa sul grafico. In un mercato piatto un’uscita dall’area ipercomprato / ipervenduto è un segnale per vendere / acquistare.

RVI, come sfruttare divergenza

La divergenza dell’RVI dall’azione sui prezzi presenta un altro tipo di opportunità di trading. I punti di riferimento per l’indicatore RVI sono le aree in cui le linee di livellamento e di segnale hanno attraversato aree positive e negative. Queste sono le aree che possono formare i minimi e gli alti per la considerazione della divergenza.

Quando la RVI diverge dall’azione dei prezzi, ci si aspetta che la divergenza si corregga dopo un po ‘di tempo con il prezzo che si muove nella direzione della RVI. Queste due aree formano i minimi e quando sono uniti a una linea di tendenza, formano minimi più alti. Sul grafico, i minimi del prezzo che corrispondono ai minimi della RVI sono in realtà minimi inferiori. Pertanto, ci aspettiamo che il prezzo corregga verso l’alto nella direzione della divergenza RVI.

C’è un parametro tecnico per supportare una voce di trading? Sì, c’è e questo è nella forma del cuneo che cade, che è un segnale di inversione rialzista. La rottura della linea di tendenza superiore del cuneo discendente segnala che la correzione rialzista della divergenza è iniziata e il trader può decidere di andare avanti con un lungo trade per rispecchiare questa divergenza.

RVI su Conto demo

Concludiamo questa panoramica sul Relative Vigor Index ricordando che è consigliabile che tutti i trade debbano essere adeguatamente testati su un conto demo, specialmente quando si tratta di identificare i parametri tecnici che supportano la voce commerciale che il trader sta cercando nel perseguimento della correzione della divergenza RVI.

Come dice il termine stesso, il Conto demo è un conto virtuale, nel quale i soldi sono finti. Quindi, in caso di perdite il trader non perde i propri soldi reali. Ogni Broker offre un tipo diverso di Conto demo. In linea di massima, sul mercato esistono 4 tipi di Conto demo:

  1. Conto demo con denaro illimitato ma tempo di utilizzo limitato
  2. Conto demo con denaro limitato ma denaro illimitato
  3. Conto demo sia con denaro che con tempo illimitato
  4. Conto demo sia con denaro che con tempo limitato

Ancora, un’altra differenza sta tra chi offre un Conto demo previo versamento di denaro su un Conto reale e Broker solo dopo dietro registrazione, senza versamento.

Il Conto demo è ottimo per fare pratica quando si è agli inizi. Ma viene anche scelto dai professionisti esperti, i quali possono così sperimentare nuove strategie senza rischiare i propri soldi. Attenzione però. Il Conto demo va preso sul serio, non come un gioco. Va messa in campo tutta la propria emotività, come se si trattasse di denaro reale. Altrimenti si rischia di fare trading con leggerezza e di non imparare nulla. Cosa che sarà scoperta con amarezza quando si passerà al trading vero e proprio.

RVI, cos’è analisi tecnica

Cos’è l’analisi tecnica nella quale rientra RVI? In finanza, l’analisi tecnica è una metodologia di analisi per la previsione della direzione dei prezzi attraverso lo studio dei dati del mercato passato, principalmente prezzo e volume. L’economia comportamentale e l’analisi quantitativa usano molti degli stessi strumenti di analisi tecnica, che, essendo un aspetto della gestione attiva, sono in contraddizione con gran parte della moderna teoria del portafoglio.

L’efficacia dell’analisi sia tecnica che fondamentale è contestata dall’ipotesi del mercato efficiente secondo la quale i prezzi del mercato azionario sono essenzialmente imprevedibili.

L’analisi fondamentale si contrappone a quella tecnica. L’analisi fondamentale, in contabilità e finanza, è l’analisi dei rendiconti finanziari di un’azienda (solitamente per analizzare le attività, le passività e gli utili dell’azienda); la sua salute finanziaria e dei suoi concorrenti e mercati. Inoltre, considera lo stato generale dell’economia di un Paese e i fattori inclusi dei tassi di interesse, la produzione, i guadagni, l’occupazione, il PIL, l’edilizia, la produzione e la gestione.

Esistono due approcci di base che possono essere utilizzati: analisi bottom-up e analisi top-down. Questi termini sono usati per distinguere tali analisi da altri tipi di analisi degli investimenti, come quelli quantitativi e tecnici.

LEAVE A REPLY