Indicatore ADX: come funziona nel trading online

Cos’è indicatore ADX? Cosa significa Indicatore ADX? Come funziona Indicatore ADX? Perchè indicatore ADX è importante nel trading online? Lo vediamo in questo articolo. Il trading online interessa sempre più persone, soprattutto per due fattori: la facilità di accesso mediante i dispositivi mobile (ormai si può fare trading ovunque e in qualsiasi momento comodamente tramite app) e il fascino di nuovi asset virtuali come le criptovalute.

Tuttavia, l’errore che commettono in tanti è quello di buttarsi a capofitto sul trading online senza la giusta preparazione. Prendendolo come un gioco. Ma finendo per indebitarsi, peggiorare la propria situazione finanziaria negativa che ci si illudeva di mitigare proprio tramite il trading online o per prosciugare il proprio capitale.

Ecco dunque che occorre conoscere tutti gli elementi del trading online. Tra cui proprio Indicatore ADX. ADX è diventato un indicatore ampiamente utilizzato per gli analisti tecnici e viene fornito come standard nelle raccolte di indicatori offerti da varie piattaforme di trading.

Sommario

Indicatore ADX cosa significa

Cosa significa Indicatore ADX? Partiamo dai fondamentali. ADX è l’acronimo di Average Directional Index e fu sviluppato nel 1978 da Welles Wilder. Si tratta di un indicatore utilizzato nell’analisi tecnica per determinare quando il prezzo di un determinato mercato è in fase forte di trend.

Del resto, è noto quanto il trading nella direzione di una forte tendenza riduca il rischio e aumenti il potenziale di profitto. In molti casi, è l’ultimo indicatore di tendenza. Dopo tutto, la tendenza potrebbe essere nostra alleata, ma sicuramente aiuta a sapere chi sono i tuoi alleati. In questo articolo, esamineremo il valore di ADX come indicatore di intensità di tendenza.

Indicatore ADX come funziona

Come funziona Indicatore ADX? Indicatore ADX è usato per quantificare la forza del trend. I calcoli ADX si basano su una media mobile dell’espansione del range di prezzo in un determinato periodo di tempo. L’impostazione predefinita è 14 bar, sebbene sia possibile utilizzare altri periodi di tempo. ADX può essere utilizzato su qualsiasi strumento finanziario come azioni, fondi comuni di investimento, fondi negoziati in borsa e futures.

ADX viene tracciato come una singola riga con valori che vanno da un minimo di zero a un massimo di 100. ADX non è direzionale; registra la forza della tendenza se il prezzo è in aumento o in diminuzione. L’indicatore viene solitamente tracciato nella stessa finestra delle due linee DMI (directional Movement Indicator), da cui deriva l’ADX.

ADX non è direzionale e quantifica la forza del trend aumentando sia i trend rialzisti che i trend al ribasso. Quando la DMI è sopra la -DMI, i prezzi si stanno spostando verso l’alto e ADX misura la forza della tendenza al rialzo. Quando il -DMI è sopra la DMI, i prezzi si stanno abbassando e ADX misura la forza della tendenza al ribasso. Può succedere che ADX aumenti durante il trend al rialzo, quando DMI era sopra -DMI. Quando il prezzo è stato invertito, la DMI ha superato la DMI e l’ADX è aumentato nuovamente per misurare la forza della tendenza al ribasso.

I valori di ADX aiutano gli operatori a identificare le tendenze più forti e più redditizie da negoziare. I valori sono importanti anche per distinguere tra condizioni di tendenza e non trend. Molti trader useranno letture ADX sopra i 25 per suggerire che la tendenza è abbastanza forte per le strategie di trading di tendenza. Viceversa, quando ADX è inferiore a 25, molti eviteranno strategie di trading di tendenza.

ADX è generalmente un segno di accumulo o distribuzione. Quando ADX è inferiore a 25 per più di 30 barre, il prezzo entra nelle condizioni di intervallo e i modelli di prezzo sono spesso più facili da identificare. Il prezzo si sposta quindi su e giù tra resistenza e supporto per trovare rispettivamente gli interessi di vendita e di acquisto. Dalle basse condizioni di ADX, il prezzo alla fine si trasformerà in una tendenza.

Quando ADX è inferiore a 25, il prezzo entra in un intervallo. Quando ADX sale sopra il 25, il prezzo tende alla tendenza.

I periodi di bassa ADX portano a modelli di prezzo. La direzione della linea ADX è importante per la lettura della forza del trend. Quando la linea ADX è in aumento, la forza del trend aumenta e il prezzo si sposta nella direzione del trend. Quando la linea sta diminuendo, la forza del trend diminuisce e il prezzo entra in un periodo di ritracciamento o consolidamento.

Un’errata percezione comune è che una linea ADX in caduta significa che la tendenza sta invertendo. Una linea ADX in caduta significa solo che la forza del trend si sta indebolendo, ma di solito non significa che la tendenza stia invertendo, a meno che non ci sia stato un climax di prezzo. Finché ADX è superiore a 25, è meglio pensare a una linea ADX in calo come semplicemente meno forte.

La serie di picchi ADX è anche una rappresentazione visiva del momento generale della tendenza. ADX indica chiaramente quando la tendenza sta guadagnando o perdendo slancio. Il momento è la velocità del prezzo. Una serie di picchi più alti di ADX significa che il momento di tendenza è in aumento. Una serie di picchi di ADX più bassi significa che la dinamica di tendenza sta diminuendo. Qualsiasi picco di ADX superiore a 25 è considerato forte, anche se è un picco più basso. In un trend rialzista, il prezzo può ancora aumentare con la diminuzione del momentum di ADX perché l’offerta di spese generali viene consumata man mano che la tendenza progredisce.

Indicatore ADX perché importante

Sapere quando la dinamica del trend è in aumento dà al trader la fiducia di lasciare correre i profitti invece di uscire prima che la tendenza si sia conclusa. Tuttavia, una serie di picchi di ADX inferiori è un avvertimento per controllare il prezzo e gestire i rischi. Le migliori decisioni di trading sono fatte su segnali oggettivi, non su emozioni. ADX può anche mostrare divergenza di momentum. Quando il prezzo è più alto e l’ADX fa un massimo più basso, c’è una divergenza negativa o una mancata conferma.

In generale, la divergenza non è un segnale per un’inversione, ma piuttosto un avvertimento che la dinamica della tendenza sta cambiando. Potrebbe essere opportuno stringere lo stop loss o ottenere profitti parziali.

Ogni volta che la tendenza cambia carattere, è il momento di valutare e / o gestire il rischio. La divergenza può portare alla continuazione della tendenza, al consolidamento, alla correzione o all’inversione.

I migliori profitti derivano dal trading delle tendenze più forti ed evitando le condizioni di range. ADX non identifica solo le condizioni di tendenza, ma aiuta il trader a trovare le tendenze più forti da negoziare. La capacità di quantificare la forza del trend è un vantaggio importante per i trader.

ADX identifica anche le condizioni della gamma, quindi un trader non si bloccherà tentando di fare trading di tendenza con un’azione di prezzo laterale. Inoltre, mostra quando il prezzo è sceso da un intervallo con forza sufficiente per utilizzare strategie di trading di tendenza. ADX avvisa il trader anche in caso di cambiamenti nell’andamento del trend, in modo da poter gestire la gestione del rischio. Se vuoi che la tendenza sia tua alleata nel trading online, è meglio non lasciare che ADX sia qualcosa di sconosciuto.

Indicatore ADX, l’importanza del prezzo

Il prezzo è il singolo segnale più importante su un grafico. Leggere prima il prezzo e quindi leggere ADX nel contesto di ciò che il prezzo sta facendo. Quando viene utilizzato qualsiasi indicatore, dovrebbe aggiungere qualcosa che il prezzo da solo non può facilmente dirci. Ad esempio, le migliori tendenze emergono dai periodi di consolidamento della fascia di prezzo. I breakout da un intervallo si verificano quando c’è un disaccordo tra acquirenti e venditori sul prezzo, che indica il saldo tra offerta e domanda. Che si tratti di una maggiore quantità di offerta rispetto alla domanda o di una domanda maggiore rispetto all’offerta, è la differenza che crea una dinamica di prezzo.

I ritardi non sono difficili da individuare, ma spesso non riescono a progredire o finiscono per essere una trappola. Ma ADX ti dice quando i breakout sono validi mostrando quando ADX è abbastanza forte da far evolvere il prezzo dopo il breakout. Quando ADX sale da sotto 25 a sopra 25, il prezzo è abbastanza forte da continuare nella direzione del breakout.

Viceversa, è spesso difficile vedere quando il prezzo si sposta da una tendenza all’altra. ADX mostra quando la tendenza si è indebolita e sta entrando in un periodo di consolidamento dell’intervallo. Le condizioni di intervallo esistono quando ADX scende da sopra 25 a sotto 25. In un intervallo, la tendenza è laterale e vi è un accordo generale sui prezzi tra acquirenti e venditori. ADX si muoverà lateralmente sotto i 25 fino a quando l’equilibrio tra domanda e offerta cambierà nuovamente.

ADX offre ottimi segnali strategici se abbinato al prezzo. Innanzitutto, utilizzare ADX per determinare se i prezzi sono in trend o non trend e quindi scegliere la strategia di negoziazione appropriata per la condizione. In condizioni di tendenza, le voci vengono eseguite su richiami e prese nella direzione della tendenza. Nelle condizioni di range, le strategie di trading di tendenza non sono appropriate. Tuttavia, le negoziazioni possono essere fatte su inversioni a supporto (lungo) e resistenza (breve).

Indicatore ADX come si calcola

Come si calcola Indicatore ADX? L’ADX è una combinazione di altri due indicatori sviluppati da Wilder: l’indicatore direzionale positivo (DI) abbreviato e l’indicatore direzionale negativo (-DI).

L’ADX li combina e uniforma il risultato con una media mobile uniforme. Per calcolare DI e -DI, è necessario disporre di dati sui prezzi che comprendono prezzi alti, bassi e di chiusura ogni periodo (in genere ogni giorno).

Per prima cosa calcola il movimento direzionale (DM e -DM):

UpMove = più alto di oggi − più alto di oggi

DownMove = il più basso di ieri − il più basso di oggi

  • se UpMove > DownMove and UpMove > 0, allora +DM = UpMove, quindi +DM = 0
  • se DownMove > UpMove and DownMove > 0, tallora -DM = DownMove, quindi -DM = 0

Dopo aver selezionato il numero di periodi (Wilder ha utilizzato in origine 14 giorni), DI e -DI sono: DI = 100 volte la media mobile livellata di (DM) divisa per il range reale medio.

DI = 100 volte la media mobile livellata di (-DM) divisa per il range reale medio.

La media mobile livellata viene calcolata sul numero di periodi selezionati e l’intervallo reale medio è una media livellata degli intervalli reali.

Quindi:

ADX = 100 volte la media mobile livellata del valore assoluto di (+DI -DI) diviso per (+DI + -DI).

Le variazioni di questo calcolo in genere implicano l’utilizzo di diversi tipi di medie mobili, come una media mobile esponenziale, una ponderata media mobile o media mobile adattativa.

Vari metodi di market timing sono stati ideati usando ADX. Uno di questi metodi è discusso da Alexander Elder nel suo libro Trading for a Living. Secondo Elder, c’è un segnale di acquisto quando l’ADX si alza e inizia a declinare quando il DI è sopra il -DI. Con questa strategia vendi quando l’ADX smette di cadere e diventa piatto.

Indicatore ADX interpretazioni

L’ADX non indica la direzione del trend o la quantità di moto, ma solo la forza del trend. È un indicatore ritardato; cioè, una tendenza deve essersi stabilita prima che l’ADX generi un segnale che una tendenza è in corso. L’intervallo ADX varia tra 0 e 100. In generale, le letture ADX inferiori a 20 indicano debolezze di tendenza e le letture superiori a 40 indicano la forza di tendenza. Una tendenza estremamente forte è indicata da letture superiori a 50.

Sono state inoltre proposte e accettate interpretazioni alternative tra gli analisti tecnici. Ad esempio, è stato dimostrato che ADX è un affidabile indicatore coincidente dello sviluppo del modello grafico classico, in cui le letture ADX inferiori a 20 si verificano appena prima delle interruzioni del pattern.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY