Imparare la Borsa da zero

pCome imparare a investire in Borsa partendo da zero? Quali sono i migliori Broker per investire in Borsa?

Fino ad un ventennio fa, queste domande se le ponevano soprattutto persone che avevano svolto determinati studi ad indirizzo economico. O avevano importanti capitali da investire, oppure volevano intraprendere strade professionali non per forza collegate al lavoro dipendente.

Oggi, invece, queste domande se le pongono molte più persone. Anche quanti non hanno particolari risorse finanziarie, non hanno svolto studi universitari, sono disoccupati, sono indebitati, lavorano in modo precario.

Già perché grazie agli contemporanei strumenti tecnologici, alla Borsa si è avvicinata la massa. Se negli anni 2000 cominciavano a diffondersi con insistenza i portatili, negli anni ‘10 del nuovo Millennio a diffondersi capillarmente sono stati gli smartphone.

Basta qualche tap in una app e siamo entrati in un mercato finanziario e possiamo investire su migliaia di asset.

Sono nate piattaforme di trading online ricche di funzioni e servizi, che si pongono da intermediari tra gli utenti e i mercati. Chiamati nel modo più tradizionale Broker.

Questa facilità di accesso ai mercati finanziari ha però generato un effetto distorto: le truffe. Infatti, sono nati tanti siti col solo scopo di fregare il prossimo, promettendo guadagni lauti, veloci, senza chiedere in cambio alcuna conoscenza in materia.

Infatti, richiedono solo di caricare il conto, asserendo in sfavillanti pubblicità ingannevoli, che il sistema che offrono è esclusivo e si basa su sofisticati algoritmi automatizzati. Che consentono di anticipare il mercato.

Per rendere il tutto più veritiero, propongono cifre non arrotondate (tipo il 97% di affidabilità e svariati numeri di guadagno). Inoltre, mostrano Vip felici che danno interviste a note emittenti televisive, dicendo di essersi arricchiti. Ovviamente, si tratta di pubblicità a loro insaputa.

Alla fine, non solo non avrete vinto nulla, ma sarà per voi anche difficile rientrare dei capitali investiti inizialmente. Dato che questi siti sono gestiti da società con sede in Paradisi fiscali. Chiamati tali proprio perché offrono protezione a chi li porta la propria residenza fiscale e il proprio conto corrente.

L’unica arma che avrete a disposizione sarà quella di chiedere uno storno alla società che emette la carta mediante la quale avete ricaricato il conto. O alla piattaforma utilizzata (Paypal, Skrill, Neteller, ecc.). I tempi sono però lunghi, occorre mostrare anche una regolare denuncia che dimostri la frode subita.

Detto ciò, di seguito vediamo meglio cos’è una Borsa valori, come funziona, come apprendere come investire in Borsa e quali sono i migliori Broker per investire in Borsa.

Attualmente la soluzione migliore per fare trading online è quella di sfruttare le piattaforme CFD. Ad esempio una ottima è quella del broker ForexTB. Si tratta di un broker autorizzato con servizi innovativi come quello dei segnali che permettono di ricevere consigli per orientare con successo le proprie attività di trading on line ed essere più profittevoli. Per saperne di più sui segnali clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Borsa valori cos’è

Cos’è una Borsa valori? Partiamo dall’ABC. Una borsa valori è un luogo virtuale dove agenti di borsa e traders acquistano e vendono titoli di vario genere e mediante diversi strumenti finanziari.

Le borse possono anche fornire agevolazioni per l’emissione. Nonché il rimborso di tali titoli e strumenti, e capital events, incluso il pagamento di entrate e dividendi.

I titoli negoziati in una borsa valori includono azioni emesse da società quotate, fondi comuni di investimento, derivati, prodotti raggruppati di investimento e obbligazioni.

La prima Borsa valori a richiamare quelle contemporanee è stata quella olandese di inizio 1600, dove i mercanti si incontravano per trattare sulle loro merci. Ed è qui che si è consumata anche la prima bolla finanziaria della storia. Ossia quella dei bulbi dei tulipani, i cui prezzi ad un certo punto raggiunsero cifre stratosferiche e furono emessi contratti finanziari con valori elevati. Tuttavia, ad un certo punto la bolla esplose e diventarono carta straccia.

Borsa valori come funziona

Come funziona la Borsa valori? Le borse funzionano spesso come mercati di “asta continua”, con acquirenti e venditori che effettuano transazioni o mediante presenza fisica nella borsa o tramite una piattaforma di trading online.

Di solito, esiste una posizione centrale almeno per la tenuta dei registri, ma ormai il trading è sempre meno collegato a un luogo fisico, poiché i mercati moderni utilizzano reti di comunicazione elettronica. I quali offrono vantaggi di una maggiore velocità e costi ridotti delle transazioni.

Negli ultimi anni, varie altre sedi di negoziazione, come reti di comunicazione elettronica, sistemi di negoziazione alternativi e “dark pool”. I quali hanno allontanato gran parte dell’attività di negoziazione dalle borse tradizionali.

Le offerte pubbliche iniziali (meglio note con l’acronimo IPO) di azioni e obbligazioni agli investitori vengono fatte nel mercato primario e le negoziazioni successive vengono effettuate nel mercato secondario.

L’offerta e la domanda nei mercati azionari sono guidate da vari fattori che, come in tutti i mercati liberi, influenzano il prezzo delle azioni (si veda la valutazione delle azioni).

Si pensi a fattori climatici per i prodotti agricoli; scioperi sindacali per le estrazioni minerarie; golpe, guerre e instabilità politica per materie prime come petrolio e gas; uscita di una nuova tecnologia, crisi di un settore o messa a bando di un prodotto per le azioni; instabilità dei mercati o meno per i metalli preziosi considerati beni rifugio. E così via.

Di solito non vi è alcun obbligo che le azioni vengano emesse attraverso la borsa stessa, né le azioni devono essere successivamente scambiate su uno Exchange. Tale negoziazione può avvenire anche fuori borsa (in gergo over-the-counter).

Questo è il modo solito in cui i derivati e le obbligazioni sono negoziati. Sempre più le borse fanno parte di un mercato globale dei titoli. Le borse svolgono anche una funzione economica nel fornire liquidità agli azionisti nel fornire un mezzo efficiente per la cessione di azioni.

Questi sono gli asset sui quali è possibile investire:

  • Azioni
  • Obbligazioni
  • Materie prime
  • Metalli preziosi
  • Forex
  • Criptovalute
  • Indici azionari

Il modo migliore per investire su questi asset sono i Contract for difference, strumenti finanziari definiti derivati in quanto riflettono il valore di un asset sottostante. Sono meglio noti con l’acronimo CFD.

Tra i vantaggi dei CFD sta proprio il fatto di investire nelle azioni di una società senza essere suo azionista. O, ancora, su metalli preziosi senza doverli possedere materialmente. Così come di investire in materie prime come petrolio o gas.

Come imparare a investire in Borsa

Per investire in Borsa, non basta avere dei capitali ingenti o avere un titolo di studi ad indirizzo economico. Spesso serve intuito, tanta fortuna ma soprattutto formazione.

Per potersi formare al fine di investire in Borsa, le strade sono diverse. Ci sono ad esempio dei costosi corsi su questa materia, messi in piedi da società finanziarie solitamente gestiti da trader famosi. Tuttavia, non sempre questi corsi sono utili e spesso si finisce per spendere migliaia di euro senza poi aver imparato niente di concreto.

Poco utili sono anche i corsi di formazione che costano poco, tipo tra i 200 e i 500 euro. Che si svolgono nei weekend e con una durata di poche ore.

Difficilmente un corso siffatto può darti davvero qualcosa di concreto.

La scelta migliore è farsi qualche lettura su qualche manuale, magari scritto da un trader famoso e vincente. Inoltre, affidarsi al materiale formativo che viene proposto dai Broker più sicuri e rinomati.

Infatti, un Broker ha tutto l’interesse affinché voi vi prepariate nel migliore dei modi. In quanto un Broker a sua volta guadagnerà tramite spread e commissioni sulle vostre attività.

Se un trader è sempre in perdita o rinuncia alla propria attività presto, è sempre una potenziale miniera d’oro che viene meno per la piattaforma.

Un Broker offre materiale informativo come:

  • eBook, ossia libri digitali scaricabili solitamente in modo gratuito dal sito
  • Webinar, definizione con cui si intende un seminario virtuale che si tiene sul sito stesso
  • Corsi e-learning, sempre disponibili sulla piattaforma e fruibili on demand quando si vuole
  • Appuntamenti annuali in cui intervengono esperti del settore come relatori
  • Conto demo, un conto virtuale

Usare i conti demo

Menzione a parte merita il Conto demo, un conto fatto di soldi virtuali dove i trader neofiti del settore possono fare pratica senza rischiare denaro reale. Inoltre, il Conto demo risulta molto utile anche per i trader più esperti che vogliono provare nuove strategie senza rischiare i propri capitali.

Il Conto demo viene offerto in più modalità. Ci sono Broker che richiedono prima l’iscrizione al proprio sito, altri invece consentono di testarlo tranquillamente senza per forza registrarsi.

Ancora, ci sono Conto demo che prevedono capitali e tempo di utilizzo illimitati. Oppure entrambi limitati. O, ancora, una parte limitata ed un’altra no.

Tuttavia, quando si utilizza un Conto demo, non bisogna prenderlo come un gioco approfittando che i soldi sono virtuali. Altrimenti, quando si passerà a fare sul serio, si rischierà di incassare sonore perdite.

Per giocare a fare i trader esistono dei siti appositi. Così da non mischiare il gioco con la realtà. Ne va dei nostri risparmi.

Ecco i migliori broker che offrono conti demo gratuito:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
eToro social trading
Social trading, copy trading
66% dei trader perde soldi
Copy PortfolioISCRIVITI
plus500
Servizio CFDDemoISCRIVITI
fxtb
Corso trading gratis, CFDSegnali gratuitiISCRIVITI
Trade.com
Forex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

Come investire in Borsa

Oggi come oggi, il modo migliore per investire in Borsa è quello di iscriversi a Broker con regolare licenza da parte di un organo preposto al controllo sui mercati finanziari.

In Italia abbiamo la Consob – acronimo di Commissione nazionale per le società e la Borsa – nata nel 1974 per sottrarre al controllo politico del Ministero dell’economia e delle finanze i mercati finanziari. Si è invece optato per un organismo indipendente e slegato dalla politica. Sebbene in tutti questi anni, sia stato spesso riformato e abbia avuto accuse di scarso controllo.

Con la legge n. 77 del 1983, per esempio, la Consob acquisiva pieno controllo su tutte le operazioni riguardanti il risparmio pubblico. Con la legge n. 281 del 1985, veniva aumentata la sua autonomia e indipendenza.

Ulteriori poteri di controllo venivano conferiti con la legge n.1 del 1991, in relazione alle Sim e al contrasto del fenomeno dell’insider trading. Poteri ulteriormente aumentati con il decreto legislativo n. 58/1998.

Nel 2017 è stato istituito l’Arbitro per le controversie finanziarie (ACF).

A livello europeo, il più importante è la CySEC, con sede a Cipro. Dove risiedono tutti i Broker più importanti. In Inghilterra invece abbiamo la FCA, mentre negli Usa la SEC ed in Australia la ASIC.

Perchè è importante che un Broker abbia regolare licenza? In quanto ciò lo sottopone a severi controlli mediante regole, tutto appannaggio dei clienti.

Invece, i siti truffa non hanno questa licenza e, come detto, di solito sono gestiti da società con sede nei paradisi fiscali.

Abbiamo già accennato ai CFD, ma occorre anche essere consapevoli che si stima che tra il 74 e l’89 percento dei trader retails (ossia i trader che non sono grandi player come istituzioni, multinazionali, banche, ecc.) incassa delle perdite.

Ecco perché bisogna stare molto attenti perché anche i grandi trader incassano perdite. Figuriamoci se credere a chi ci promette vincite sicure oltre il 95%.

Detto ciò, vediamo di seguito 3 Broker affidabili tramite cui investire. Tutti e tre con sede a Cipro, e, di conseguenza, sottoposti alle regole CySEC.

Investire in Borsa tramite eToro

eToro (clicca qui per aprire un conto demo) è un Broker nato nel 2009 e oggi viaggia verso gli 11 milioni di utenti iscritti. Questo Broker offre tantissimi servizi, oltre alla succitata licenza CySEC.

eToro si lascia apprezzare per alcuni servizi in particolare. Si pensi al Social trading, un autentico sistema virtuale molto simile ai più noti Social network, dove è possibile seguire cosa pubblicano gli altri trader. Oltre che interagire con loro. Così da potersi scambiare consigli e utili opinioni, senza dover passare per Forum che fanno più danni che altro.

Fermo restando che eToro ha anche profili sui noti Social Facebook ed Instagram.

Altro servizio peculiare di eToro è il Copy trading. Tramite esso, un trader neofita può copiare cosa fanno i trader più esperti ed incassare dei profitti mentre impara. Oltre alla mera copia, può anche interrompere o modificare il trade.

Infine, molto interessante sono i CopyPortfolios, tramite i quali è possibile investire su interi panieri di asset. Tra cui traders messi insieme. I portfolio sono gestiti da algoritmi automatici, che restano però supervisionati da tecnici “umani”.

Per iniziare a investire in Borsa con eToro clicca qui e apri il tuo account gratuito.

Disclaimer: eToro è una piattaforma multi asset che consente dio investire sia in azioni che in criptovalute, e di fare trading sui CFDs.

Considera che i CFD sono strumenti complessi con un alto rischio di perdere denaro dovuto alla leva finanziaria.75% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro.

Criptoasset non sono regolati e possono subire ampie variazioni di prezzo, dunque non sono appropriati per tutti gli investitori. Il trading di criptoasset non è regolamentato da alcuna normativa Europea.

Le performance passate non sono indicatori di risultati futuri.

Investire in Borsa con Investous

Il secondo Broker che vi suggeriamo è Investous (clicca qui per aprire un conto demo), nato nel luglio 2018, ma che già si sta imponendo sul mercato.

Investous, come eToro, è un Broker spread-only, in quando non impone commissioni sul trading ma solo su determinati servizi. Offre 4 tipi di account diversi e vanta fra i suoi punti di forza il servizio dei segnali di trading offerti da Trading Central.

Trading Central ha 3 sedi: Parigi, Hong Kong e New York. Offre molti servizi, sebbene a primeggiare restino i segnali di trading. I quali sono suggerimenti inviati a chi ne fa richiesta, su quando è il momento di entrare sul mercato e in che modo.

Per iniziare a investire in Borsa con Investous clicca qui.

Investire in Borsa con Plus500

Chiudiamo questa rassegna con Plus500 (clicca qui per aprire un conto demo), il cui nome forse non sarà nuovo per i calciofili, dato che è sponsor dell’Atletico Madrid.

Questo Broker si fa apprezzare per:

  • piattaforma di trading semplice e intuitiva
  • spread bassi e dinamici
  • facile prelievo dei propri fondi
  • alto numero di strumenti negoziabili
  • basso deposito minimo richiesto per aprire un conto

Plus500 è molto sensibile alla sicurezza dei propri clienti, oltre che alla loro reale formazione riguardo trading e CFD. Infatti, in sede di registrazione sottopone loro un piccolo test per capire quale sia il loro grado di conoscenza su questi argomenti.

Ricordiamo infine che anche Plus500 prevede solo il pagamento di uno spread sui trades. Mentre per le altre commissioni, rimandiamo alla pagina ufficiale per restare aggiornati.

Per iniziare a investire in Borsa con Plus500 clicca qui.

76.4% dei conti al dettaglio CFD perde denaro. Prima di fare trading dovresti cercare di capire come funzionano i CFD ed i rischi di perdita di denaro che comportano.
Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.