Iliad in Italia: successo di abbonati ma 52 milioni di perdita

Ormai chiunque avrà sentito parlare della nascente compagnia telefonica Iliad, che ha ottenuto un grandissimo successo grazie alle sue offerte molto competitive rispetto alle compagnie più famose presenti sul mercato già da molti anni.

In Italia, questo suo successo conta 2,8 milioni di abbonati in soli sette mesi. L’unico problema è che, nonostante il successo, si è registrata una forte perdita pari a 52 milioni di euro.

In Francia, invece, si rivedono gli obiettivi relativi al cash flow.

Qui, di seguito vedremo nel dettaglio quanto anticipato fino ad ora e quali saranno i cambiamenti strategici per il gruppo parigino.

Iliad: il successo commerciale ed il boom di abbonati

Come detto in premessa, nei suoi primi mesi di vita, da giugno del 2018 a dicembre dello stesso anno, Iliad ha ottenuto un successo sensazionale registrando milioni di abbonati, grazie alle sue offerte vantaggiose, in cui vengono offerte al cliente tutte le comodità che si potrebbero immaginare: dai minuti di chiamata ai messaggi illimitati fino a 50 GB di Internet con 4G.

Ma, queste promozioni molto vantaggiose per gli abbonati, lo sono state meno per le compagnie già presenti sul mercato: TIM e Wind hanno dovuto correre ai ripari, proponendo offerte convenienti, creando così una grande concorrenza sul mercato.

Anche se il fatturato per quei mesi risulta veramente alto, pari a 125 milioni, non lo è ancora abbastanza, viste le perdite ottenute che ammontano a 52 milioni di euro.

Nonostante questo, la società francese sostiene di aver ottenuto un successo eccezionale e, entro il 2019, vorrebbe arrivare a gestire un numero maggiore di siti attrezzati, che arriveranno ad un numero di 3500.

Il 2018 per l’Iliad non è stato proprio l’anno del guadagno a causa delle offerte che ha dovuto proporre per guadagnarsi un’entrata sicura sul mercato.

Le offerte di cui parliamo sono state proposte a cifre bassissime che hanno fatto perdere un po’ di quota alla nuova compagnia.

Iliad: Tagli e cambio di strategia per la compagnia parigina

Anche in Francia i ricavi sono diminuiti, hanno raggiunto i 4,77 miliardi, pari all’1,9% di perdita.

Infatti, la compagnia parigina ha intenzione di vendere gran parte dei suoi beni, decidendo di ridurre gli obiettivi di cassa per il prossimo anno, il 2020, scelta fatta appositamente per non rischiare ulteriori perdite.

Il miliardario e numero uno delle telecomunicazioni in Francia Xavier Niel ha stimato di poter generare un taglio nel 2020 che porterebbe solo a 800 milioni invece che un miliardo previsto in precedenza, prima della scelta di adottare il cash flow.

Nel 2021 è già previsto un ulteriore taglio che prevede un guadagno di un miliardo di euro.

Sempre Xavier Niel, il più vicino alla compagnia Iliad, riguardo alla cessione di beni mobili, sostiene che il gruppo è in procinto di valutare una partnership di tipo industriale, che abbia un fondo di investimento utile al sostentamento della sua infrastruttura mobile.

Quest’ultima riceverà un investimento di ulteriori siti mobili che saranno all’incirca 5.700.

Attraverso questi accorgimenti utilizzati in questi due anni, sarà possibile riportare l’Iliad verso il decollo al più presto possibile.

LEAVE A REPLY