Huawei supera Apple in vendite globali e lancia Honor Note 10

Apple ha appena registrato il suo più alto fatturato del terzo trimestre – 53,3 miliardi di dollari – e un aumento del 32% degli utili rispetto all’anno precedente. Il produttore di iPhone si sta avvicinando a diventare la prima azienda pubblica da mille miliardi di dollari.

Belle notizie, dunque, rovinate però da altre statistiche. Infatti, il colosso tecnologico americano col logo della mela morsicata è stato anche superato dalle vendite di smartphone in tutto il mondo da parte di un rivale cinese che è partito con un enorme svantaggio. E pensare che Huawei, con sede a Shenzhen, è virtualmente escluso dagli Stati Uniti, a causa delle preoccupazioni ufficiali che la sua tecnologia potrebbe essere utilizzata dal governo cinese per raccogliere informazioni. Tuttavia, la società nega che i suoi prodotti, che includono le apparecchiature di telecomunicazione, pongono un rischio per la sicurezza.

Nonostante questa limitazione, Huawei è appena diventata la seconda venditrice di smartphone al mondo, ancora in ritardo rispetto a Samsung, ma ha sorpassato Apple per la prima volta. Nel secondo trimestre, Huawei ha venduto 54,2 milioni di unità, mentre Apple ha venduto 41,3 milioni, secondo i dati preliminari del “Worldwide Quarterly Mobile Phone Tracker” rilasciati (31 luglio). Huawei produce smartphone di fascia alta, con i suoi modelli migliori che competono con quelli da Apple e Samsung in termini di qualità. Mentre il marchio non è familiare negli Stati Uniti, non è così per il resto del Mondo.

“La continua crescita di Huawei è a dir poco impressionante, così come la sua capacità di entrare in mercati dove, fino a poco tempo fa, il marchio era in gran parte sconosciuto”, ha detto Ryan Reith, vice presidente di IDC, in una dichiarazione di accompagnamento. “Per la maggior parte dei mercati, la concorrenza ultra-alta ($ 700) è in gran parte una combinazione di Apple, Samsung e Huawei, a seconda della geografia, ed è improbabile che cambi molto nel breve termine.”

Nel suo mercato interno, Huawei è il principale produttore di smartphone. Per il secondo trimestre, ha raggiunto una quota di mercato record del 27% in Cina, secondo IDC, grazie in parte alla forte domanda per i suoi modelli P20 e P20 Pro, che vendono per $ 600 a $ 800 e sono stati rilasciati a marzo.

Ora Huawei punta Samsung

Samsung Elettronics, nel frattempo, ha riportato le vendite di smartphone poco brillanti per il secondo trimestre, grazie soprattutto alla bassa domanda per il Galaxy S9, anch’esso uscito a marzo. Mentre la società sudcoreana gode ancora di un comodo vantaggio nelle vendite globali di smartphone, 71,5 milioni per il trimestre secondo IDC, affronta una concorrenza sempre più dura da parte dei rivali cinesi tra cui Huawei. Molti recensori di prodotti, ad esempio, valutano il P20 Pro migliore del Galaxy S9. Tra gli altri vantaggi, il P20 Pro ha tre videocamere, che in combinazione con l’intelligenza artificiale incorporata consentono alcuni trucchi ingegnosi, come i colpi di bassa illuminazione senza sfocatura.

Samsung non ha incassato duri colpi dal clamoroso flop del Note 7, come noto ritirato definitivamente dal mercato causa la sua batteria “esplosiva”.

Eppure Apple cresce in Cina

Il dato curioso è che, mentre Huawei è bandito dagli store ufficiali negli Usa, Apple in Cina è addirittura cresciuta nel mercato di casa di Huawei, con un aumento del fatturato della Cina di quasi il 20% nell’ultimo trimestre.

Apple si colloca al quinto posto nel mercato degli smartphone in Cina, dietro al numero 1 Huawei e ad altri tre concorrenti cinesi (Oppo, Vivo e Xiaomi), secondo la società di ricerche di mercato Canalys. Naturalmente, Apple fa molto affidamento sulle vendite nelle Americhe. Se Huawei dovesse ottenere un ampio accesso al mercato statunitense, avrà più di cui preoccuparsi. Dunque, a fare la differenza è l’Europa, dove evidentemente il colosso cinese primeggia rispetto ad Apple e insidia Samsung, che invece è molto popolare negli Usa.

Huawei lancia Honor Note 10, più grande di iPhone X e Samsung Note 9

Il Galaxy Note era il più grande telefono che si potesse riacquistare nei giorni “phablet”, quando Samsung continuava ad aumentare le dimensioni dei display degli smartphone per differenziarsi dall’iPhone e da tutti gli altri produttori Android. Oggi il phablet non è nemmeno più una novità, e questo perché quasi tutti i produttori di smartphone hanno un design a tutto schermo che dedica ampie superfici allo schermo. Quando verrà lanciato la prossima settimana, il Galaxy Note 9 non sarà il telefono con il display più grande in circolazione. Il suo schermo sarà ancora più piccolo di iPhone X Plus. Ma Huawei ha superato tutti facendo un telefono con un display grande come lo schermo di un tablet.

Il Note 10 venduto sotto il marchio Honor di Huawei, un telefono che racchiude uno schermo AMOLED da 6,95 pollici. Proprio nel territorio tablet, e quegli utenti Android che hanno utilizzato i tablet Google Nexus 7 o altri tablet da 7 pollici, sapranno cosa intendiamo. In confronto, il Galaxy Note 9 avrà un display da 6,3 pollici, mentre l’iPhone X Plus comprenderà uno schermo da 6,5 pollici.

Il telefono racchiude un sacco di funzioni interessanti oltre al display da 22,5 x 1080 da 6,95 pollici e al design a tutto schermo. Monterà un processore Kirin 970 octa-core, la tecnologia GPU Turbo di Huawei, 6 GB di RAM, 64 GB o 128 GB di spazio di archiviazione, supporto microSD, fotocamera a doppia lente (sensori da 24 megapixel e 16 megapixel), selfie da 13 megapixel fotocamera, sensore di impronte digitali rivolto all’indietro e batteria da 5.000 mAh. Il sistema operativo è Android 8.1 Oreo, che è il massimo nel campo Android.

Non c’è nessuna tacca, non quella di cui c’è bisogno su un telefono così grande, e non c’è menzione del supporto di ricarica wireless, anche se il telefono è fatto di vetro. Quello che è fantastico di questo potente tablet che può effettuare chiamate è che sarà incredibilmente conveniente, se ne trovi uno nel tuo mercato. L’opzione da 6 GB / 64 GB è in vendita per 2.799 yuan in Cina, o circa $ 410. Aggiungi 64 GB di spazio aggiuntivo e il prezzo sale di 400 yuan, o circa $ 60.

Gli esperti si chiedono però se abbia senso parlare di smartphone o più di un mini tablet. E’ abbastanza grande anche per entrare nel novero dei Phablet, ma tant’è. Huawei non vuole mancare alla sfida con Samsung ed Apple anche in questo campo.

Huawei punta anche alla telecomunicazione in Europa

Ma Huawei sembra proprio non volersi fermare. Il colosso cinese sta creando una testa di ponte per sé stesso nell’Europa centrale, e anche se sta uscendo dal mercato statunitense per preoccupazioni persistenti, sta rubando dati e sta eseguendo sorveglianza a Pechino.

The Daily Beast riporta che la spinta di Huawei nella Repubblica Ceca è destinata ad aumentare. Huawei ha richiesto un nulla osta di sicurezza nella Repubblica Ceca, due fonti basate in quel paese hanno confermato a The Daily Beast. È l’ultimo di un anno di sforzi per imburrare il presidente ceco e ingraziarsi il pubblico ceco. La spinta PR di Huawei coinvolge persino la superstar dell’hockey Jaromir Jagr. A differenza della Gran Bretagna o degli Stati Uniti, nella Repubblica Ceca, Huawei “non è più considerato un grave rischio per la sicurezza perché è ovunque. Non lo associano a un rischio per la sicurezza “, ha detto Petr Lang, direttore del programma presso il Prague Security Studies Institute. Ma l’intelligence ceca lo fa.

I servizi di intelligence hanno pubblicato più report pubblici che segnalano i rischi per la sicurezza di Huawei. Un rapporto del controspionaggio del 2014 avverte che Huawei e ZTE hanno occupato una quota crescente del mercato delle telecomunicazioni ceco e hanno definito questo un rischio per la sicurezza, osservando che entrambe le società erano sospettate di lavorare con servizi di intelligence cinesi. Nel 2016, citando questi rapporti, il ministero degli interni ceco ha respinto l’offerta di Huawei per un progetto pilota per fornire sistemi per la sicurezza interna ceca. Altri a Praga sembrano aver chiuso un occhio, però. “[L’intelligence che segnala] non sembra aver avuto alcun effetto sull’ufficio presidenziale”, ha detto Martin Hala, direttore del Progetto Sinopsis, che tiene traccia dell’influenza cinese nella Repubblica Ceca.

E questo è importante perché dà alle telecomunicazioni di fabbricazione cinese un solida base in Europa. Il governo cinese ha reso l’esportazione di apparecchiature di sorveglianza digitale un aspetto esplicito della sua politica estera in tutto il mondo. Le aziende cinesi come Huawei e ZTE hanno negato di aver fatto offerte al governo cinese, ma i rapporti del governo britannico e degli Stati Uniti hanno etichettato Huawei come un rischio per la sicurezza.

Se approvato, un nulla osta di sicurezza consente a Huawei di fare offerte su contratti governativi limitati che forniscono alla società l’accesso a dati e sistemi governativi sensibili. Sarà anche un vantaggio per l’immagine pubblica della compagnia, dandole un timbro ufficiale di approvazione da parte di una nazione dell’Unione Europea e alleato della NATO che potrebbe poi smussare i suoi tentativi di espandersi nell’Europa occidentale e altrove.

Le aziende cinesi con stretti legami con lo stato hanno passato anni a raggelare il governo ceco, acquistando società di trasporto e media e facendo atterrare importanti progetti infrastrutturali. Rende la Repubblica ceca un alleato della NATO e un membro dell’Unione europea, una “porta”, come gli esperti di sicurezza cechi lo vedono, in Europa per l’influenza cinese. Tra il crescente timore di sorveglianza straniera e il furto di dati, il governo degli Stati Uniti ha a lungo ha lanciato l’allarme sulle aziende di telecomunicazioni cinesi. I legislatori e la Casa Bianca hanno cercato di limitare l’accesso che le società di telecomunicazioni cinesi come ZTE e Huawei hanno sul mercato degli Stati Uniti e di bloccare le società statunitensi dalla vendita di componenti chiave. Questi sforzi sono aumentati negli ultimi mesi.

I legislatori e gli ufficiali di sicurezza degli Stati Uniti, del Canada, dell’Australia e della Gran Bretagna hanno emesso avvertimenti sulla compagnia, fondata da un ex ufficiale militare cinese. A maggio, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha ordinato basi militari per rimuovere i telefoni Huawei dai negozi al dettaglio situati sulla base. Tutto ciò rifletteva i timori degli Stati Uniti di vecchia data da parte dell’azienda. Nel 2012, il Comitato di Intelligence della Camera degli Stati Uniti ha pubblicato un rapporto che ha definito Huawei una “minaccia alla sicurezza nazionale” e ha affermato che la compagnia aveva tentato di spiare gli americani e di rubare proprietà intellettuale alle compagnie americane. Huawei nega queste affermazioni.

Mentre Huawei ha avuto successo nelle sue offerte per costruire infrastrutture di telecomunicazione in molte regioni del mondo, tra cui Europa e Africa, gli Stati Uniti hanno in gran parte respinto le loro aperture. L’agenzia governativa ceca che approva le autorizzazioni di sicurezza può eseguire controlli di background sulle aziende ma non avere la capacità tecnica di controllare le apparecchiature di telecomunicazione e gli smartphone Huawei per potenziali backdoor, portando a preoccupazioni che i potenziali rischi per la sicurezza potrebbero non essere rilevati.

Mentre Huawei si trova di fronte a sospetti provenienti da alcuni paesi occidentali, in gran parte ha già vinto la battaglia per le pubbliche relazioni nella stessa Repubblica ceca. In parte perché è ormai onnipresente e in parte a causa del marketing intelligente, la società ha ingaggiato la stella dell’hockey ceco Jagr come rappresentante delle celebrità. La spinta alle pubbliche relazioni potrebbe essere ancora più preziosa per l’azienda cinese rispetto ai contratti; già, ha detto Lang, i router domestici cechi sono in gran parte fabbricati da Huawei o ZTE.

“Huawei sa che stanno arrivando sotto il radar negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in altri paesi occidentali, e si stanno facendo innervosire per la loro posizione”, ha detto Lang. La richiesta di un nulla osta di sicurezza nella Repubblica ceca è in particolare una mossa intelligente, poiché la procedura di liquidazione non comporterà una valutazione tecnica. “Esamineranno la struttura aziendale, ma non cercheranno le porte di servizio come nel Regno Unito”, ha affermato Lang. Quindi l’approvazione per un nulla osta di sicurezza “non dimostrerà che le apparecchiature Huawei vanno bene.”

Il presidente ceco è noto per avere uno stretto rapporto con il governo cinese. Dal 2014, Huawei ha fornito l’ufficio presidenziale con centinaia di smart phone per tutti i suoi dipendenti, gratuitamente, in cambio dell’accesso preferenziale al Castello di Praga, dove si trovano gli uffici del presidente. Huawei ha già una presenza capillare nella Repubblica Ceca, nella infrastruttura informativa. Ha costruito le reti LTE per i principali operatori mobili del paese e fornito attrezzature LTE per l’operatore mobile ceco Telefonica o2 quando ha lanciato la sua rete LTE nel 2012. La società cinese ha anche fatto un’offerta per costruire un hub di dati per il gruppo CEZ, la società energetica parzialmente statale che gestisce le centrali nucleari del paese.

Probabilmente l’offerta avrà successo, dal momento che Huawei spesso fa un’offerta inferiore al valore di mercato e le linee guida del governo ceco prevedono che le offerte vadano automaticamente all’offerta più bassa nella maggior parte delle circostanze. Huawei “ha chiesto il nulla osta di sicurezza”, ha detto Hala, “perché pensano che potrebbe dissipare i dubbi sul loro background.”

LEAVE A REPLY