Honda chiuderà sede a Swindon: gli effetti della Brexit

Il referendum che sancisce l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea sta portando scompiglio su più fronti. In primis, ovviamente, nei rapporti tra Ue e Gran Bretagna, che devono riscrivere i propri trattati. In seconda istanza, nella politica interna britannica. Segnatamente, all’interno dei due principali partiti di maggioranza e opposizione: il Conservatore guidato dal Primo Ministro Theresa May e il Socialista guidato da Jeremy Corbyn. I quali si stanno spaccando riguardo la stesura dell’accordo stesso, se debba essere morbido o più pretenzioso nei confronti dell’Ue.

Infine, non pochi problemi comporterà dal punto di vista finanziario. A banche e multinazionali. Ad esempio, la banca Hsbc è in rosso e ha deluso in termini di ricavi e utili (ma anche per colpa della guerra commerciale tra Usa e Cina). Ma anche la giapponese Honda ha preso una drastica decisione causa Brexit.

Honda chiude sede a Swindon

Il colosso motociclistico giapponese Honda intende infatti chiudere il suo stabilimento inglese situato a Swindon. Cittadina posta tra Bristol e Londra. La chiusura avvera nel 2021, mettendo a rischio 3.500 posti di lavoro.

Tuttavia, gli analisti non credono alla “scusa” della Brexit. Infatti, ritengono che la multinazionale giapponese abbia come strategia quella di riportare in patria buona parte della produzione attualmente dislocata in Europa entro quell’anno.

Del resto, la casa giapponese che domina il mercato moto, in quello delle auto è in crisi da un po’. Ha infatti realizzato pochi modelli e di scarso successo. Basti considerare che il market share in Europa è pari solo allo 0,9%.

A Swindon, tra l’altro, Honda produce auto che stanno andando verso la fine del ciclo di vita. Si pensi a Civic Hatchback e Civic Type R. Vieppiù, il colosso nipponico si sta concentrando sulla tecnologia elettrica. Non a caso, esporrà al prossimo salone di Ginevra il nuovo concept di city car Urban EV. Il che rende gli impianti produttivi britannici superati e necessitanti di una riconversione. Probabilmente, Honda ritiene che sia meglio realizzarli ex novo in patria.

Non solo Honda: la fuga nipponica dalla Gran Bretagna

Quella che si sta consumando in Gran Bretagna è una autentica ritirata giapponese. Solo un paio di settimane fa, la Nissan aveva annunciato di aver deciso di non produrre più in Inghilterra il suo cross-over X Trail. Mentre la Sony pure intende trasferire la sua sede principale in Olanda. Mentre il colosso aerospaziale Airbus pensa di adottare «decisioni molto dolorose» in caso di Brexit No-Deal (senza accordo).

In generale, a piangere è tutta l’industria automobilistica britannica. Che ha prodotto 1,52 milioni di auto nel 2018, con un calo del 9% rispetto all’anno precedente e con la previsione di un ulteriore calo della produzione nel 2019.

Come osserva amareggiato Des Quinn, funzionario nazionale per il settore automobilistico presso il più grande sindacato britannico, Unite: «L’industria automobilistica nel Regno Unito negli ultimi due decenni è stata il fiore all’occhiello del settore manifatturiero – e ora è stata ridimensionata dall’incertezza caotica di Brexit».

E alle sue parole, fanno il paio quelle di Han Dorussen, professore all’Università dell’Essex: «Dalla metà degli anni ’80, il Regno Unito è stato la porta di accesso del Giappone verso l’Europa – ha scritto Dorussen – Senza un commercio libero e aperto tra il Regno Unito e la Ue, le aziende giapponesi non si faranno impressionare da accordi commerciali bilaterali tra Regno Unito e Giappone».

Comunque, tornando a Honda, la Brexit comunque ha le sue cause. Il colosso nipponico a gennaio ha annunciato che avrebbe sospeso le sue operazioni in Gran Bretagna per sei giorni in aprile. Con lo scopo di contrastare eventuali interruzioni del business collegati alla Brexit.

Honda chi è

Chi è Honda? Honda Motor Company, Ltd. è una multinazionale pubblica giapponese conglomerata principalmente conosciuta come produttore di automobili, aerei , motocicli e apparecchiature elettriche. Honda è stata il più grande produttore mondiale di motocicli dal 1959 e il più grande produttore mondiale di motori a combustione interna misurati in volume, producendo oltre 14 milioni di motori a combustione interna ogni anno.

Honda è diventata la seconda casa automobilistica giapponese nel 2001. Honda è stato l’ottavo produttore automobilistico mondiale al mondo dopo Toyota, Volkswagen Group, Hyundai Motor Group, General Motors, Ford, Nissan e Fiat Chrysler Automobiles nel 2015. Honda è stata la prima casa automobilistica giapponese a lanciare un marchio di lusso dedicato, Acura, nel 1986.

Oltre alle loro principali attività nel settore automobilistico e motociclistico, Honda produce anche attrezzature da giardino, motori marini, moto d’acqua e generatori di corrente e altri prodotti. Dal 1986, Honda è stata coinvolta nella ricerca di intelligenza artificiale / robotica e ha rilasciato il suo robot ASIMO nel 2000. Si sono anche avventurati nell’aerospaziale con la creazione di GE Honda Aero Engines nel 2004 e Honda HA-420 HondaJet, che ha iniziato la produzione nel 2012 Honda ha tre joint-venture in Cina (Honda Cina, Dongfeng Honda e Guangqi Honda).

Nel 2013, Honda ha investito circa il 5,7% (US $ 6,8 miliardi) delle sue entrate in ricerca e sviluppo. Anche nel 2013, Honda è diventata la prima casa automobilistica giapponese ad essere esportatore netto dagli Stati Uniti, esportando 108.705 modelli Honda e Acura, mentre importava solo 88.357.

Honda storia

Nel corso della sua vita, il fondatore della Honda, Soichiro Honda, aveva un interesse per le automobili. Ha lavorato come meccanico nel garage Art Shokai, dove ha messo a punto le auto e le ha inserite nelle corse. Nel 1937, con il finanziamento del suo conoscente Kato Shichirō, Honda fondò la Tōkai Seiki (compagnia di macchine di precisione per l’oriente orientale) per fabbricare le fasce elastiche che lavoravano nel garage Art Shokai.

Dopo i insuccessi iniziali, Tōkai Seiki ha vinto un contratto per la fornitura di fasce elastiche alla Toyota, ma ha perso il contratto a causa della scarsa qualità dei loro prodotti. Dopo aver frequentato la scuola di ingegneria senza diplomarsi e aver visitato fabbriche in Giappone per comprendere meglio i processi di controllo qualità di Toyota, nel 1941 Honda è stata in grado di produrre in serie fasce di pistoni accettabili per Toyota, utilizzando un processo automatizzato che potrebbe impiegare anche manovali di guerra non qualificati.

Tōkai Seiki fu posto sotto il controllo del Ministero del Commercio e dell’Industria (chiamato Ministero delle munizioni dopo il 1943) all’inizio della seconda guerra mondiale, e Soichiro Honda fu retrocesso da presidente ad amministratore delegato senior dopo che Toyota assunse una quota del 40% nel società.

Honda ha anche aiutato lo sforzo bellico assistendo altre compagnie nell’automazione della produzione di eliche per aerei militari. Le relazioni che Honda ha coltivato con personale di Toyota, Nakajima Aircraft Company e la Marina imperiale giapponese sarebbero state determinanti nel periodo postbellico. Un attacco terroristico degli Stati Uniti B-29 ha distrutto lo stabilimento Yamashita di Tōkai Seiki nel 1944, e lo stabilimento di Itawa è crollato nel terremoto di Mikawa del 13 gennaio 1945. Soichiro Honda ha venduto i resti recuperabili della società a Toyota dopo la guerra per 450.000 ¥ e ha utilizzato i proventi per fondare l’Istituto di ricerca tecnica Honda nell’ottobre del 1946.

Con uno staff di 12 uomini che lavoravano in una baracca di 16 m2, hanno costruito e venduto biciclette motorizzate improvvisate, utilizzando una scorta di 500 motori di generazione di surplus di guerra da 50 cc Tohatsu a due tempi. Quando i motori si sono esauriti, Honda ha iniziato a costruire la propria copia del motore Tohatsu e a fornirli ai clienti per attaccarli alle loro biciclette.

Questo era l’Honda A-Type, soprannominato Bata Bata per il suono prodotto dal motore. Nel 1949, l’Honda Technical Research Institute fu liquidato per ¥ 1.000.000, o circa US $ 5.000 oggi; questi fondi sono stati utilizzati per incorporare Honda Motor Co., Ltd. 21 All’incirca nello stesso periodo, l’ingegnere ingaggiato dalla Honda, Kihachiro Kawashima, e Takeo Fujisawa che hanno fornito competenze commerciali e di marketing indispensabili per integrare l’inclinazione tecnica di Soichiro Honda. La stretta collaborazione tra Soichiro Honda e Fujisawa è durata fino all’arresto congiunto nell’ottobre del 1973.

La prima motocicletta completa, con telaio e motore realizzati dalla Honda, fu la D-Type del 1949, la prima Honda ad avere il nome di Dream. Honda Motor Company è cresciuta in breve tempo per diventare il più grande produttore mondiale di motociclette entro il 1964.

LEAVE A REPLY