Hello Bank! trading: come funziona, cos’è, se conviene, costi

Cos’è Hello Bank trading? Come funziona il trading di Hello Bank? Il trading su Hello Bank conviene? Quanto costa il trading su Hello Bank!Scopriamolo in questo articolo.

Oltre ai Broker – nome con il quale si individuano le piattaforme di trading online – anche le banche offrono servizi di trading online. Al fine di poter operare sui mercati finanziari e puntare sugli asset.

Tendenzialmente, il vantaggio di fare trading con i Broker è quello che vede queste piattaforme imporre commissioni e spread più bassi rispetto alle banche. Le commissioni e gli spread sono i costi che una piattaforma prevede per il suo servizio. Il suo concreto guadagno. Le commissioni possono essere fisse e variabili, mentre lo spread generalmente si calcola sul profitto scaturito da un trader.

Proprio su questi costi che si fonda buona parte della concorrenza tra le piattaforme di trading, oltre ovviamente alla pluralità di servizi che ciascuna offre agli utenti.

In questo articolo ci occupiamo specificamente del trading su Hello Bank! Al fine di illustrare come funziona e se conviene. Vedremo che Hello Bank, pur essendo una ottima piattaforma, ha dei limiti e dei costi che altri broker non hanno. Prima di iniziare dunque vi segnalo una lista di broker che non applicano alcun costo e sono i più convenienti del mercato:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
plus500Trading bitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>
xmConti Zero spreadGuide e tutorialPROVA>>
etoroSocial trading
66% dei trader perde soldi
Trading Bitcoin, criptovalutePROVA>>

Hello Bank! cos’è

Cos’è Hello Bank? Hello Bank! è una banca diretta digitale di proprietà di BNP Paribas che ha iniziato la propria attività nel 2013. La banca opera in Francia, Belgio, Germania (utilizzando il nome Consorsbank), Italia, Repubblica Ceca e Austria.

BNP Paribas ha affermato di essere “la prima banca mobile digitale al 100% in Europa”.

Hello Bank! storia

Qual è la storia di Hello Bank? Il progetto è stato discusso per la prima volta nel 2012 e la banca è stata lanciata in Belgio e Germania il 16 maggio 2013. Poi in Francia il 17 giugno 2013 e in Italia il 28 ottobre 2013.

Il 13 febbraio 2014, la banca ha annunciato di aver raggiunto 177.000 clienti alla fine del 2013. Alla fine del 2014 i clienti in Germania, Belgio, Francia e Italia hanno raggiunto 791.000. Hello Bank! È stata lanciata in Austria il 1 ° agosto 2015. Alla fine del 2015 i clienti di Hello bank! in tutti e 5 i mercati ha raggiunto 2,4 milioni.

Alla fine del 2016 Hello bank! aveva 2,5 milioni di clienti nei suoi 5 mercati, con oltre 1,5 milioni in Germania e 480 mila in Belgio. Nel maggio 2017 Czech BNP Paribas Personal Finance SA, o.z. annunciato re-branding. Nuovo marchio Hello Bank! ha sostituito il marchio Cetelem.

Alla fine del 2017 Hello Bank! aveva 2,9 milioni di clienti nei suoi 5 mercati originali (esclusa la Repubblica Ceca), con 350 mila in Francia.

Hello Bank! servizi e prodotti

Hello Bank! offre i seguenti prodotti e servizi:

  • Bancario
  • mediazione
  • Assicurazione
  • prestiti
  • risparmi

La banca è supportata da diverse filiali bancarie al dettaglio di BNP Paribas dove esistono. Questi sono: BNP Paribas in Francia, BNL in Italia, BNP Paribas Fortis in Belgio. Le filiali BNP Paribas, BNL e BNP Paribas Fortis possono essere utilizzate per depositare assegni o prelevare denaro in questi paesi.

In Austria, Hello Bank! gestisce la propria rete di filiali.

In Belgio Hello Bank! è stata una delle prime tre banche (con BNP Paribas Fortis) a lanciare Google Pay nel paese.

In Germania la filiale locale di Hello bank! utilizza il marchio Consorsbank, ma il logo e i colori del marchio sono simili a quelli utilizzati nei mercati. Nel novembre 2016 ha assorbito DAB Bank che BNP Paribas aveva acquisito nel 2014, con tutti i conti dei clienti trasferiti a Consorsbank.

Hello Bank! Trading, chi è Bnp Paribas

Chi è il gruppo Bnp Paribas che gestisce Hello Bank? BNP Paribas S.A. è un gruppo bancario internazionale francese. È l’ottava banca più grande al mondo per patrimonio totale e attualmente opera con una presenza in 77 paesi.

È stato formato dalla fusione tra Banque Nationale de Paris (BNP) e Paribas nel 2000, ma ha una identità aziendale che risale alla sua prima fondazione nel 1848 come banca nazionale. È una delle tre principali banche francesi internazionali, insieme a Société Générale e Crédit Agricole.

Il gruppo è quotato al primo mercato di Euronext Paris e ad un componente dell’indice del mercato azionario Euro Stoxx 50, [6] mentre è incluso anche nell’indice CAC 40 francese. Con una sezione di operazioni bancarie al dettaglio e operazioni bancarie di investimento, la banca è presente nei cinque continenti. Le sue reti bancarie al dettaglio servono oltre 30 milioni di clienti nei suoi tre mercati nazionali, Francia, Belgio e Italia attraverso diversi marchi come BNL e Fortis.

La banca retail opera anche nella regione mediterranea e in Africa. Nelle Americhe opera negli Stati Uniti occidentali come Bank of the West ed è il gruppo bancario più importante delle Hawaii attraverso la sua controllata di maggioranza Hawaiian Bank. In quanto banca di investimenti e fornitore di servizi finanziari internazionali per clienti istituzionali e aziendali, è presente in Europa, nelle Americhe e in Asia. BNP Paribas è il più grande gruppo bancario francese e la più grande banca dell’Eurozona. È diventata una delle cinque maggiori banche del mondo dopo la crisi finanziaria del 2008.

Nonostante alcune difficoltà legali negli Stati Uniti nel 2014, inclusa la sanzione della più grande somma mai riscossa per aver violato le sanzioni statunitensi, rimane una delle dieci più grandi banche del mondo.

La Banque Nationale de Paris SA (BNP) è il risultato di una fusione di due banche francesi – Banque nationale pour l’économie et l’industrie (BNCI) e Comptoir national d’éscompte de Paris (CNEP) – nel 1966.

La Banque de Paris et des Pays-Bas SA (Banca di Parigi e Paesi Bassi), o Paribas, era formata da due banche d’investimento con sede rispettivamente a Parigi e ad Amsterdam, nel 1872. Les Pays-Bas (“I Paesi Bassi”) è francese per i Paesi Bassi. Nel maggio 2000, BNP e Paribas si fusero per formare BNP Paribas, che discende così da quattro istituti bancari fondatori.

Hello Bank! È affidabile?

E’ affidabile Hello Bank? Sulla carta, sembra proprio di sì. Almeno se si guarda alla sua diffusione tra vari Paesi e al fatto che abbia alle spalle un importante realtà bancaria come BNP Paribas. Come detto, una delle tre principali banche francesi internazionali, insieme a Société Générale e Crédit Agricole.

BNP controlla dal 2006 la Banca nazionale del Lavoro. Nata nel 1913 come Istituto Nazionale di Credito per la Cooperazione, è stata nazionalizzata nel 1929. È stata ri-privatizzata e quotata alla Borsa di Milano nel 1998, prima di essere acquisita dal gruppo bancario francese BNP Paribas nel 2006.

Banca Nazionale del Lavoro inizia le sue operazioni in Argentina nel 1960, che hanno aperto in via definitiva 91 filiali, prima di vendere la sua attività a HSBC Bank Argentina nel 2006.

Hello Bank! Trading come funziona

Come funziona il trading su Hello Bank? Per ogni ordine inserito, anche dalla piattaforma di Trading online, riceverai sul tuo smartphone un alert sull’esito dell’operazione.

L’app Hello! Trading è gratuita e per accedere all’app utilizzi gli stessi codici di accesso della tua area riservata Hello bank!

Sull’app non sono presenti i servizi di sottoscrizione di titoli di stato, prenotazione asta Bot e adesione a opv/ops di titoli azionari e obbligazionari.

Per utilizzare l’app occorre essere Clienti BNL e aver sottoscritto il contratto per i Canali Diretti. I dati forniti da Borsa Italiana sono forniti in tempo reale. Ai Clienti non possessori di un deposito titoli, pur avendo sottoscritto un contratto per i Canali Diretti, saranno forniti i soli servizi informativi, sempre in modalità differita.

L’utilizzo dell’app non comporta costi aggiuntivi rispetto a quanto già contrattualizzato con il Cliente.

Con l’app Hello! Trading hai il controllo del tuo portafoglio e dei mercati finanziari, sempre a portata di smartphone o tablet.

Hello Bank! Trading come iniziare

Come iniziare a fare trading con Hello Bank! Occorre dapprima aprire il deposito titoli Hello Investment. Che non prevede costi.

La soluzione più semplice resta ovviamente essere correntisti di BNL, così le procedure si semplificano. E per fare operazioni si vanno a pagare soltanto i titoli e le transazioni all’interno della custodia.

Trading Hello Bank! quali operazioni consente?

Quali operazioni prevede il trading su Hello Bank? Le seguenti:

  • Mercato Azionario: grazie a questa tipologia di negoziazione è possibile iniziare a fare compravendita di azioni, ovvero quote di società presenti in Borsa Italiana.
  • Mercato obbligazionario: qui sono disponibili i titoli di debito emessi da società o enti pubblici allo scopo di finanziarsi.
  • Titoli di Stato: sono sempre obbligazioni, ma emesse dal Ministero dell’Economia e delle Finanze per conto dello Stato.
  • Warrant: questo strumento conferisce l’opzione di acquisto o vendita di un gruppo di azioni a una scadenza prestabilita.
  • Certificates: strumenti finanziari per realizzare diverse strategie di investimento senza acquisto diretto dei titoli.

Occorre però anche sottolineare che manca uno strumento molto apprezzato dai trader: i CFD. Acronimo di “Contratti per differenza”, strumenti finanziari che permettono di investire su tutti gli asset senza possederli direttamente. Inoltre, è possibile scommettere sia sul rialzo che sul ribasso. Ad esempio ci sono broker come 24option (clicca qui per registrarti) che sono più vantaggiosi, hanno minori costi e più servizi come ad esempio i segnali di trading o le criptovalute.

Su Hello Bank! è possibile il trading di criptovalute?

Un altro limite del trading su Hello Bank! È che esso non offre la possibilità di farlo sulle criptovalute. Monete digitali che sono partite nel 2008 da una idea del misterioso Satoshi Nakamoto con il Bitcoin e che col tempo hanno visto una esplosione quantitativa. Ad oggi se ne contano oltre 1400, sebbene alla fine siano solo una ventina quelle che contano di più.

Alcuni siti come ad esempio Plus500 (clicca qui per saperne di più) permettono il trading sulle principali criptovalute come Bitcoin, Ripple, Ethereum e così via, e questo per Hello Bank è un limite non da poco.

Le criptovalute, negli anni, sono andate ben oltre l’essere monete digitali. Infatti, sono diventati interessanti asset su cui investire. Soprattutto da quando il Bitcoin ha sfiorato i 20mila dollari a fine 2017. Finendo sulla bocca e nel portafogli di molti. Sollecitando però anche truffe.

Hello bank!, come quasi tutte le altre banche del Mondo, non prevedono il trading di criptovalute. Considerate ancora un oggetto del mistero per molti e necessitanti di regolamentazione.

Hello Bank! Conto demo

Altro grosso limite del conto trading Hello Bank! È che manchi un Conto demo. Ricordiamo che un Conto demo è un conto che simula il trading reale. Con il vantaggio che non si investono capitali reali. Occorre però aggiungere che quando ci si esercita con il Conto demo, bisogna fare sul serio e non credere che si stia giocando.

Altrimenti, quando si farà sul serio, si rischia di prendere il trading ancora alla leggera. Facendo scelte inconsulte e dettate dall’istinto. In tal caso, però, le perdite saranno reali.

Hello Bank! Trading costo

Quanto costa il trading Hello Bank? Se si opta per la via telematica, i costi sono i seguenti:

  • Titoli azionari quotati su mercati italiani: 0,19% con un minimo di 5 euro e un massimo di 20 euro
  • Titoli azionari quotati su mercati esteri: 0,19% con un minimo di 9 euro ed un massimo di 28 euro
  • Titoli obbligazionari: 0,19% con un minimo di 5 euro ed un massimo di 22 euro
  • Buoni Ordinari del Tesoro: con durata residua fino a 80 giorni lo 0,10%; per durata residua compresa tra 81 e 170 giorni lo 0,15%; per la durata residua compresa tra 171 e 350 giorni lo 0,19%, per la durata residua oltre 350 giorni 0,19%. Per tutti è previsto un costo minimo di 5 euro ed uno massimo di 22 euro
  • Titoli obbligazionari (Titoli di stato italiani ed esteri con durata residua minore di 370 giorni): commissione dello 0,19% con minimo di 5 euro e massimo di 22 euro

Se ci si reca in filiale, i costi ovviamente aumentano.Da una piattaforma di trading ci si aspetta invece che sia gratuita, ad esempio i migliori broker italiani come eToro (clicca qui per il sito ufficiale) o 24option (clicca qui per visitare il sito) non applicano costi di alcuni tipo e sono infatti usati da milioni di clienti in Italia ed in Europa.

Disclaimer: eToro è una piattaforma multi asset che consente dio investire sia in azioni che in criptovalute, e di fare trading sui CFDs.
Considera che i CFD sono strumenti complessi con un alto rischio di perdere denaro dovuto alla leva finanziaria.66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro.Criptoasset non sono regolati e possono subire ampie variazioni di prezzo, dunque non sono appropriati per tutti gli investitori. Il trading di criptoasset non è regolamentato da alcuna normativa Europea.
Le performance passate non sono indicatori di risultati futuri.
Questo contenuto è da intendersi per fine educativo e non dovrebbe essere considerato come alcun consiglio di investimento.
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY