Hedge fund, cosa sono, come funzionano e le commissioni

Cosa sono gli Hedge fund? Come funzionano gli Hedge fund? Cosa significa Hedge fund? Partiamo col dire che si tratta di un fondo speculativo gestito da società solitamente in accomandita semplice o a responsabilità limitata. Cerchiamo di capirne di più di seguito.

Hedge fund cosa significa

Cosa significa Hedge fund? Il nome deriva dal termine inglese hedging che indica tecniche e strategie di copertura finanziaria per ridurre la perdita dei portafogli. Pertanto, il termine “speculativo” con il quale si traduce hedge, non ha un’accezione così negativa come si potrebbe pensare se relazionato al mondo della finanza.

Nei fatti la gestione degli hedge fund è molto meno aggressiva di quanto non accada con altre forme di investimento ad alto rischio. Infatti, il loro scopo è quello di produrre rendimenti costanti nel tempo, investendo anche al di fuori dei classici mercati di riferimento, facendo singoli investimenti ad alto rischio e contando sul fatto che un’operazione andata a buon fine può ampiamente compensare le perdite delle altre.

Il sociologo Alfred W. Jones ha il merito di aver coniato l’espressione “hedged fund” e viene accreditato creando la prima struttura di hedge fund nel 1949 (sebbene ciò sia stato contestato). Jones si riferì al suo fondo come “coperto”, un termine allora comunemente usato a Wall Street per descrivere la gestione del rischio di investimento.

Hedge fund cos’è

Cos’è un hedge fund? Nei fatti, è un fondo di investimento che raggruppa il capitale di persone fisiche o investitori istituzionali e investe in una varietà di attività, spesso con tecniche complesse di costruzione del portafoglio e gestione del rischio.

È gestito da una società di gestione degli investimenti professionale e spesso strutturato come società in accomandita, società a responsabilità limitata o veicolo simile. Gli hedge fund sono generalmente distinti dai fondi comuni di investimento, poiché il loro uso della leva finanziaria non è limitato dai regolatori e distinto dai fondi di private equity, poiché la maggior parte degli hedge fund investe in attività relativamente liquide.

Il termine “hedge fund” “originato dalle posizioni lunghe e corte abbinate che il primo di questi fondi utilizzava per coprire il rischio di mercato. Nel tempo, i tipi e la natura dei concetti di copertura si sono ampliati, così come i diversi tipi di veicoli di investimento. Oggi gli hedge fund si impegnano in una vasta gamma di mercati e strategie e impiegano un’ampia varietà di strumenti finanziari e tecniche di gestione del rischio.

Gli hedge fund sono resi disponibili solo a determinati investitori sofisticati o accreditati e non possono essere offerti o venduti al generale pubblico. Di conseguenza, in genere evitano il controllo regolamentare diretto, aggirano i requisiti di licenza applicabili alle società di investimento e operano con maggiore flessibilità rispetto ai fondi comuni di investimento e ad altri fondi di investimento.

Tuttavia, in seguito alla crisi finanziaria del 2007-2008, negli Stati Uniti e in Europa sono state approvate normative con l’intento di aumentare la supervisione governativa degli hedge fund e di eliminare alcune lacune normative.

Gli hedge fund esistono da molti decenni e sono diventati sempre più popolari. Ora sono cresciuti fino a diventare una frazione sostanziale della gestione patrimoniale, con attività che ammontano a circa 3 trilioni di dollari.

Hedge fund: come funzionano

Come funzionano gli Hedge fund? Gli hedge fund sono quasi sempre a tempo indeterminato e consentono aggiunte o prelievi da parte dei loro investitori (generalmente su base mensile o trimestrale base). Il valore della partecipazione di un investitore è direttamente correlato al valore patrimoniale netto del fondo.

Molte strategie di investimento in hedge fund mirano a conseguire un rendimento positivo dell’investimento indipendentemente dal fatto che i mercati stiano aumentando o diminuendo (“rendimento assoluto”). I gestori di fondi speculativi investono spesso denaro proprio nel fondo che gestiscono. Un hedge fund paga di norma al gestore degli investimenti una commissione di gestione annuale (ad esempio il 2% delle attività del fondo) e una commissione di performance (ad esempio il 20% dell’aumento del valore patrimoniale netto del fondo durante l’anno).

Sia le commissioni di co-investimento che quelle di performance servono ad allineare gli interessi dei gestori con quelli degli investitori nel fondo. Alcuni hedge fund hanno miliardi di dollari in gestione (AUM).

Hedge fund storia

Qual è la storia degli Hedge fund? Durante il mercato rialzista degli Stati Uniti negli anni ’20, c’erano numerosi veicoli di investimento priva disponibili per investitori facoltosi. Di quel periodo il più noto oggi è il Graham-Newman Partnership, fondato da Benjamin Graham e dal suo socio in affari di lungo tempo Jerry Newman.

Questo è stato citato da Warren Buffett in una lettera del 2006 al Museum of American Finance come un primo caso di hedge fund. Janet Tavakoli definisce la prima società di investimento di Graham il primo caso di hedge fund, basato su ciò che le è stato detto da Warren Buffett durante un pranzo del 2006.

Negli anni ’70, gli hedge fund si sono specializzati in un’unica strategia con la maggior parte dei gestori di fondi seguendo il modello azionario long / short. Molti fondi hedge sono stati chiusi durante la recessione del 1969-70 e il crollo della borsa del 1973-1974 a causa di pesanti perdite. Hanno ricevuto una rinnovata attenzione alla fine degli anni ’80. Durante gli anni ’90, il numero di hedge fund è aumentato significativamente, con l’aumento del mercato azionario degli anni ’90, la struttura di compensazione degli interessi allineati (cioè interessi finanziari comuni) e la promessa di rendimenti elevati come cause probabili.

Nel corso del prossimo decennio, le strategie di hedge fund si sono espanse per includere: arbitraggio del credito, debito in sofferenza, reddito fisso, quantitativo e multi-strategia. Gli investitori istituzionali statunitensi, come i fondi pensione e di dotazione, hanno iniziato a destinare maggiori porzioni dei loro portafogli agli hedge fund.

Durante il primo decennio del XXI secolo, gli hedge fund hanno guadagnato popolarità in tutto il mondo e nel 2008 l’industria mondiale degli hedge fund deteneva $ 1,93 miliardi di dollari in attivo gestito (AUM). Tuttavia, la crisi finanziaria del 2008 ha portato molti hedge fund a limitare i ritiri degli investitori e la loro popolarità ei totali AUM sono diminuiti.

I totali AUM sono rimbalzati e nell’aprile 2011 sono stati stimati in circa $ 2 trilioni. A febbraio 2011, il 61% degli investimenti mondiali in hedge fund proveniva da fonti istituzionali. Nel giugno 2011, le società di gestione di hedge fund con il più grande AUM erano Bridgewater Associates (US $ 58,9 miliardi), Man Group (US $ 39,2 miliardi), Paulson & CO (US $ 35,1 miliardi), Brevan Howard (US $ 31 miliardi) e Och-Ziff (US $ 29,4 miliardi).

I soci Bridgewater hanno gestito $ 70 miliardi a partire dal 1 ° marzo 2012. Alla fine di quell’anno, le 241 più grandi società di hedge fund negli Stati Uniti detenevano collettivamente $ 1.335 trilioni. Nell’aprile 2012, il settore degli hedge fund ha raggiunto il livello record di 2,13 miliardi di dollari di asset totali in gestione. A luglio 2017, gli hedge fund hanno registrato il loro ottavo guadagno mensile consecutivo in rendimenti con un patrimonio gestito che è salito a $ 3,1 milioni.

Hedge fund più importanti

Quali sono gli Hedge fund più importanti? Secondo la classifica Forbes del 2015:

  • George Soros del Quantum Group of Funds Ray Dalio di Bridgewater Associates, la più grande società al mondo di hedge fund nel 2015 con un patrimonio gestito di $ 155 miliardi
  • Steven A. Cohen di Point72 Asset Management, precedentemente noto come fondatore di SAC Capital Advisors
  • John Paulson della Paulson & Co. i cui hedge fund a dicembre 2015 avevano in gestione $ 19 miliardi di attivi, rispetto ai $ 18 miliardi di settembre 2013 e $ 36 miliardi all’inizio del 2011
  • Paul Tudor Jones II di Tudor Investment Corporation
  • Daniel Och of Och- Ziff Capital Management Group con oltre $ 40 miliardi di asset in gestione nel 2013
  • Israel Englander of Millennium Management
  • Leon G. Cooperman di Omega Advisors
  • Michael Platt di BlueCrest Capital Management (UK) La terza più grande società europea di hedge fund
  • James Dinan di York Capital Management
  • Stephen Mandel Jr. di Lone Pine Capital con 26,7 miliardi di dollari in gestione a fine giugno 2015
  • Larry Robbins di Glenview Capital Management con circa 9,2 miliardi di dollari di asset under management a luglio 2014
  • Glenn Dubin di Highbridge Capital Management
  • Paul Singer di Elliott Management Corporation, un hedge fund attivista con oltre 23 miliardi di dollari di asset in gestione nel 2013, e un portafoglio del valore di $ 8,1 miliardi a partire dal primo trimestre del 2015
  • Michael Hintze di CQS con $ 14,4 miliardi di asset in gestione a giugno 2015
  • David Einhorn di Greenlight Capital
  • Bill Ackman di Pershing Square Capital Management LP

Hedge Fund strategie

Quali sono le strategie principali degli Hedge fund? Le strategie di hedge fund sono generalmente classificate in quattro categorie principali:

Macro globale

Gli hedge fund che utilizzano una strategia di investimento macro globale assumono posizioni di rilievo in mercati azionari, obbligazionari o valutari in previsione di eventi macroeconomici globali al fine di generare un rendimento corretto per il rischio. I gestori di fondi macro globali utilizzano analisi macroeconomiche (“big picture”) basate su eventi e tendenze del mercato globale per identificare opportunità di investimento che trarrebbero profitto dai previsti movimenti dei prezzi.

Mentre le strategie macro globali hanno una grande flessibilità (grazie alla loro capacità di utilizzare la leva finanziaria per assumere ampie posizioni in diversi investimenti in più mercati), i tempi dell’attuazione delle strategie sono importanti al fine di generare rendimenti attraenti e adeguati al rischio.

La macro globale è spesso classificata come strategia di investimento direzionale. Le strategie macro globali possono essere suddivise in approcci discrezionali e sistematici. Il trading discrezionale viene effettuato da gestori di investimenti che identificano e selezionano investimenti, mentre il trading sistematico si basa su modelli matematici ed eseguito da software con un coinvolgimento umano limitato oltre la programmazione e l’aggiornamento del software.

Queste strategie possono anche essere divise in approcci di tendenza o controtendenza a seconda che il fondo tenti di trarre profitto dalle tendenze (a lungo o breve termine) o dai tentativi di anticipare e trarre profitto da inversioni di tendenza. Nelle strategie macro globali, ci sono ulteriori sotto-strategie che includono “sistematico diversificato”, in cui il fondo opera in mercati diversificati, o “valuta sistematica”, in cui il fondo opera su mercati valutari.

Altre sotto-strategie includono quelle impiegate per “commodity trading advisors” (CTA), in cui il fondo opera in futures (o opzioni) in mercati delle materie prime o in swap. Questo è anche noto come “fondo futuro gestito”. I CTA commerciano in materie prime (come l’oro) e strumenti finanziari, inclusi indici azionari. Prendono anche posizioni lunghe e corte, consentendo loro di realizzare profitti sia in rialzo del mercato che in downswings.

Direzionale

Le strategie di investimento direzionali utilizzano movimenti, tendenze o incongruenze del mercato quando selezionano azioni in una varietà di mercati. È possibile utilizzare modelli di computer o i gestori di fondi identificheranno e selezioneranno gli investimenti. Questi tipi di strategie hanno una maggiore esposizione alle fluttuazioni del mercato complessivo rispetto alle strategie market neutral.

Le strategie di hedge fund direzionali includono fondi hedge azionari long e short statunitensi e internazionali, in cui posizioni long equity sono coperte con vendite allo scoperto di azioni o opzioni su indici azionari. Nelle strategie direzionali, ci sono un certo numero di sotto-strategie. I fondi “mercati emergenti” si concentrano su mercati emergenti come Cina e India. Mentre i “fondi settoriali” sono specializzati in settori specifici quali tecnologia, sanità, biotecnologia, prodotti farmaceutici, energia e materiali di base. I fondi che utilizzano una strategia di “crescita fondamentale” investono in società con una maggiore crescita degli utili rispetto al mercato azionario o settore rilevante, mentre i fondi che utilizzano una strategia di “valore fondamentale” investono in società sottovalutate.

Fondi che utilizzano il segnale quantitativo e finanziario come tecniche di elaborazione per il trading azionario sono descritte come utilizzatrici di una strategia “quantitativa direzionale”. I fondi che utilizzano una strategia di “short bias” approfittano del calo dei corsi azionari utilizzando posizioni corte.

Event-driven

Le strategie basate sugli eventi riguardano situazioni in cui le opportunità di investimento e i rischi sottostanti sono associati a un evento. Una strategia di investimento basata sugli eventi trova opportunità di investimento in eventi transazionali aziendali come consolidamenti, acquisizioni, ricapitalizzazioni, fallimenti e liquidazioni. I gestori che adottano tale strategia capitalizzano le incoerenze valutative nel mercato prima o dopo tali eventi e prendono posizione sulla base del movimento previsto del titolo o dei titoli in questione.

I grandi investitori istituzionali come gli hedge fund hanno maggiori probabilità di perseguire strategie di investimento basate sugli eventi rispetto ai tradizionali investitori azionari perché hanno le competenze e le risorse per analizzare eventi transazionali aziendali per opportunità di investimento rientrano in tre categorie: titoli in sofferenza, arbitraggio del rischio e situazioni speciali. I titoli in sofferenza includono eventi come ristrutturazioni, ricapitalizzazioni e fallimenti.

Una strategia di investimento in titoli in sofferenza implica l’investimento in obbligazioni o prestiti di società che si trovano ad affrontare fallimenti o gravi difficoltà finanziarie, quando tali obbligazioni o prestiti sono negoziati con uno sconto sul loro valore. I gestori di hedge fund che perseguono la strategia di investimento del debito in difficoltà mirano a capitalizzare i prezzi delle obbligazioni depresse. Gli hedge funds che acquistano crediti in sofferenza possono impedire a quelle società di fallire, in quanto tale acquisizione scoraggia la chiusura forzata da parte delle banche.

Mentre gli investimenti basati sugli eventi tendono a prosperare in generale durante un mercato rialzista, gli investimenti in difficoltà funzionano meglio durante un mercato ribassista. L’arbitraggio del rischio o l’arbitraggio delle fusioni include eventi quali fusioni, acquisizioni, liquidazioni e acquisizioni ostili. L’arbitraggio del rischio implica in genere l’acquisto e la vendita delle scorte di due o più società che si fondono per trarre vantaggio dalle discrepanze di mercato tra il prezzo di acquisto e il prezzo delle azioni. L’elemento di rischio deriva dalla possibilità che la fusione o l’acquisizione non procedano come previsto. I gestori di hedge fund utilizzeranno la ricerca e l’analisi per determinare se l’evento avrà luogo.

Situazioni speciali sono eventi che hanno un impatto sul valore delle azioni di una società, inclusa la ristrutturazione di una società o di transazioni societarie incluse le scissioni, riacquisto di azioni, emissione / riacquisto di titoli, vendite di attività o altre situazioni orientate al catalizzatore. Per trarre vantaggio da situazioni particolari, il gestore di hedge fund deve identificare un evento imminente che aumenti o riduca il valore degli strumenti azionari e azionari della società.

Altre strategie basate sugli eventi comprendono: strategie di arbitraggio del credito, incentrate sulle società titoli a reddito fisso; una strategia attivista, in cui il fondo assume posizioni di rilievo in società e utilizza la proprietà per partecipare alla gestione; una strategia basata sulla previsione dell’approvazione finale di nuovi farmaci; e la strategia di catalizzatore legale, specializzata in società coinvolte in importanti cause legali.

Valore relativo (arbitraggio)

Le strategie di arbitraggio del valore relativo sfruttano le discrepanze relative nel prezzo tra i titoli. La discrepanza nei prezzi può verificarsi a causa di una valutazione erronea dei titoli rispetto ai relativi titoli, al titolo sottostante o al mercato nel suo complesso. I gestori di hedge fund possono utilizzare vari tipi di analisi per identificare le discrepanze nei prezzi dei titoli, comprese le tecniche matematiche, tecniche o fondamentali. Il valore relativo è spesso utilizzato come sinonimo di neutralità del mercato, in quanto le strategie in questa categoria generalmente hanno un’esposizione direzionale al mercato nel suo insieme molto scarsa o nulla.

Altre sotto-strategie relative al valore relativo:

  • Arbitraggio a reddito fisso: inefficienze nel prezzo degli exploit tra i titoli a reddito fisso correlati
  • Mercato neutrale: sfrutta le differenze nei corsi azionari essendo long e short in titoli all’interno dello stesso settore, industria, capitalizzazione di mercato, paese, che Crea anche una copertura contro i fattori di mercato più ampi.
  • Arbitraggio risolvibile: sfruttare le inefficienze di pricing tra titoli convertibili e le azioni corrispondenti
  • Titoli inscritti (Fixed-Income asset-backed): strategia di arbitraggio a reddito fisso che utilizza titoli garantiti da attività
  • Credit long / short : come il long / short equity, ma nei mercati del credito invece dei mercati azionari
  • Arbitraggio statistico: identificazione delle inefficienze dei prezzi tra titoli tramite tecniche di modellizzazione matematica
  • Arbitraggio della polivalenza: sfruttare la variazione della volatilità anziché il cambiamento del prezzo
  • Alternative di rendimento: reddito fisso strategie di arbitraggio basate sul rendimento anziché sul prezzo
  • Arbitraggio della Regolamentazione: la pratica di sfruttare le differenze normative tra due o più mercati
  • Arbitraggio del rischio: sfruttamento delle discrepanze di mercato tra prezzo di acquisizione e prezzo delle azioni

Le strategie all’interno di queste categorie comportano rischi specifici e profili di rendimento. Un fondo può impiegare una singola strategia o più strategie per la flessibilità, la gestione del rischio o la diversificazione. Il prospetto dell’hedge fund, noto anche come memorandum di offerta, offre ai potenziali investitori informazioni sugli aspetti chiave del fondo, tra cui la strategia di investimento del fondo, il tipo di investimento e il limite di leva.

Gli elementi che contribuiscono a una strategia di hedge fund comprendono:

  • approccio del hedge fund al mercato
  • lo strumento particolare utilizzato
  • il settore di mercato in cui il fondo è specializzato (ad esempio l’assistenza sanitaria)
  • il metodo utilizzato per selezionare gli investimenti
  • l’ammontare della diversificazione all’interno del fondo

Esistono diversi approcci di mercato per diverse classi di attività, tra cui capitale azionario, reddito fisso, materie prime e valuta. Gli strumenti utilizzati comprendono: titoli azionari, reddito fisso, futures, opzioni e swap. Le strategie possono essere divise in quelle in cui gli investimenti possono essere selezionati dai gestori, noti come “discrezionali / qualitativi”, o quelle in cui gli investimenti sono selezionati utilizzando un sistema informatico, noto come “sistematico / quantitativo”.

L’ammontare della diversificazione all’interno del fondo può variare; i fondi possono essere multi-strategia, multi-fondo, multi-mercato, multi-manager o una combinazione. A volte le strategie di hedge fund sono descritte come “absolute return” e sono classificate come “market neutral” o “directional”.

I fondi neutrali rispetto al mercato hanno una minore correlazione con l’andamento generale del mercato “neutralizzando” l’effetto delle oscillazioni del mercato, mentre i fondi direzionali utilizzano tendenze e incongruenze nel mercato e hanno una maggiore esposizione alle fluttuazioni del mercato.

Hedge fund: altre strategie

Oltre a queste strategie all’interno delle quattro categorie principali, vi sono diverse strategie che non rientrano in queste categorie o possono applicarsi a più di esse. Vediamo quali:

  • Fondo di fondi hedge (Multi-manager): un hedge fund con un portafoglio diversificato di numerosi sottostanti hedge fund a gestione singola
  • Multi-strategy: un hedge fund che utilizza una combinazione di diverse strategie per ridurre i rischi di mercato
  • Fondo di conto minimo: l’importo minimo per aprire un conto di hedge fund è (diciamo) 10 milioni di dollari (con il 25% di non- holding) o 2,5 milioni di dollari con holding
  • Multi-manager: un hedge fund in cui l’investimento è distribuito su sub-gestori separati investendo nella propria strategia
  • Ritiro dell’azienda: una sospensione viene applicata a tutti i principali prelievi per 90 giorni prima e dopo la copertura il fondo è creato e costituito da fondi 30-30-30: fondi azionari con posizioni corte del 130% e del 30%, con una posizione lunga netta del 100%
  • Parità di rischio: equalizzare il rischio assegnando fondi a una vasta gamma di categorie massimizzando i guadagni attraverso leva finanziaria.

Hedge fund: rischi

Quali sono i rischi di investire in Hedge fund? Per un investitore che detiene già ingenti quantità di azioni e obbligazioni, l’investimento in hedge fund può fornire una diversificazione e ridurre il rischio complessivo del portafoglio. I gestori di hedge fund utilizzano particolari strategie e strumenti di negoziazione con l’obiettivo specifico di ridurre i rischi di mercato per produrre rendimenti corretti per il rischio che siano coerenti con il livello di rischio desiderato dagli investitori.

Gli hedge fund producono idealmente rendimenti non correlati con gli indici di mercato. Mentre la “copertura” può essere un modo per ridurre il rischio di un investimento, gli hedge fund, come tutti gli altri tipi di investimento, non sono immuni dal rischio. Secondo un rapporto del gruppo Hennessee, gli hedge fund erano circa un terzo meno volatili rispetto a quelli della S&P 500 tra il 1993 e il 2010.

Gli investitori in hedge fund sono, nella maggior parte dei paesi, tenuti ad essere investitori qualificati che si presume siano a conoscenza dei rischi di investimento e accettano tali rischi a causa dei potenziali rendimenti relativi a tali rischi. I gestori di fondi possono impiegare strategie estensive di gestione del rischio al fine di proteggere il fondo e gli investitori.

Secondo il Financial Times, “i grandi hedge fund hanno alcune delle pratiche di gestione del rischio più sofisticate e impegnative ovunque nella gestione patrimoniale.” I gestori di hedge fund che detengono un gran numero di posizioni di investimento per brevi periodi hanno verosimilmente un completo sistema di gestione dei rischi in atto, ed è diventato consueto per i fondi avere funzionari di rischio indipendenti che valutano e gestiscono i rischi ma non sono altrimenti coinvolti nel commercio.

Una varietà di diverse tecniche e modelli di misurazione vengono utilizzati per stimare il rischio in base alla leva finanziaria, alla liquidità e alla strategia di investimento del fondo. L’anormalità dei rendimenti, la volatilità dei clustering e le tendenze non sono sempre rappresentate da tradizionali metodologie di misurazione del rischio e così oltre a valore a misure di rischio e simili, i fondi possono utilizzare misure integrate come ad esempio prelievi.

Oltre a valutare i rischi correlati al mercato che possono derivare da un investimento, gli investitori comunemente impiegano la “due diligence” operativa per valutare il rischio che l’errore o la frode di un hedge fund possano comportare una perdita per l’investitore. Le considerazioni includeranno l’organizzazione e la gestione delle operazioni presso il gestore di hedge fund, se la strategia di investimenti sarà probabilmente sostenibile, e la capacità del fondo di svilupparsi sotto forma di azienda.

Hedge fund: costi gestione

Quali sono i costi di gestione di un Hedge fund? Le società di gestione degli hedge fund in genere applicano ai loro fondi sia una commissione di gestione che una commissione di performance. Le commissioni di gestione sono calcolate come percentuale del valore patrimoniale netto del fondo e in genere vanno dall’1% al 4% all’anno, con il 2% come standard.

Di solito sono espressi come percentuale annuale, ma calcolati e pagati mensilmente o trimestralmente. Le commissioni di gestione per gli hedge fund sono progettate per coprire i costi operativi del gestore, mentre la commissione di performance fornisce i profitti del gestore. Tuttavia, a causa delle economie di scala, la commissione di gestione da fondi più grandi può generare una parte significativa dei profitti di un gestore e, di conseguenza, alcune tasse pubbliche sono state criticate da alcuni fondi pensionistici pubblici, come CalPERS, per essere troppo elevati.

La commissione di performance è in genere il 20% degli utili del fondo durante qualsiasi anno, anche se variano tra il 10% e il 50%. Le commissioni di performance hanno lo scopo di fornire un incentivo per un gestore a generare profitti. Le commissioni di performance sono state criticate da Warren Buffett, che ritiene che poiché gli hedge fund condividono solo i profitti e non le perdite, tali commissioni creano un incentivo per la gestione degli investimenti ad alto rischio.

Quasi tutte le commissioni di performance degli hedge fund comprendono un “high water mark” (o “riserve di riporto di perdite”), il che significa che la commissione di performance si applica solo agli utili netti ( cioè, i profitti dopo le perdite degli anni precedenti sono stati recuperati). Ciò impedisce ai gestori di ricevere commissioni per le prestazioni volatili, anche se un gestore a volte chiude un fondo che ha subito gravi perdite e avvia un nuovo fondo, piuttosto che tentare di recuperare le perdite su un certo numero di anni senza commissioni di performance.

Alcune prestazioni sulle commissioni comprendono un “ostacolo”, in modo che una commissione venga pagata solo sulla performance del fondo in eccesso rispetto a un tasso di riferimento (ad esempio il LIBOR) o una percentuale fissa. Un ostacolo “soft” significa che la commissione di performance viene calcolata su tutti i rendimenti del fondo se viene eliminato il tasso minimo. Un ostacolo “hard” viene calcolato solo sui ritorni al di sopra del limite minimo. Un ostacolo è inteso a garantire che un gestore venga premiato solo se il fondo genera rendimenti superiori ai rendimenti che l’investitore avrebbe ricevuto se avessero investito i propri soldi altrove.

Alcuni hedge fund applicano una commissione di rimborso (o una commissione di prelievo) per anticipare prelievi durante un determinato periodo di tempo (tipicamente un anno) o quando i prelievi superano una percentuale predeterminata dell’investimento originale.

Lo scopo della tassa è di scoraggiare gli investimenti a breve termine, ridurre il fatturato e scoraggiare i prelievi dopo periodi di scarso rendimento. A differenza delle commissioni di gestione e delle commissioni di performance, le commissioni di rimborso vengono solitamente trattenute dal fondo.

LEAVE A REPLY