Gruppo Unipol SpA: statuto sociale aggiornato, chi è e quali direttrici di sviluppo per il quadriennio 2016-2018?

In data 21 giugno 2017 è stato reso a disposizione del pubblico presso la sede sociale e Borsa Italiana S.p.A., sul meccanismo di stoccaggio autorizzato eMarket Storage (www.emarketstorage.com) e sul sito Corporate www.unipolsai.com(Sezione Governance/Assemblee/Assemblea), lo Statuto sociale aggiornato del gruppo assicurativo Unipol SpA. Nello stesso sono state apportate modifiche e revisioni statutarie previste dalla regolamentazione che le disposizioni legislative di uno Stato membro impongono di comunicare a tutte le parti interessate (stakeholders).

Inoltre, si rendono note tutte le informazioni che non rientrano nelle sottoclassi di cui ai punti 1.1, 1.2 e 1.3 e ai punti da 2.1 a 2.6, che l’emittente, o qualsiasi altra persona che abbia chiesto l’ammissione di valori mobiliari alla negoziazione in un mercato regolamentato senza il consenso dell’emittente, ha comunicato in ottemperanza a un obbligo previsto dalle disposizioni legislative, regolamentari o amministrative di uno Stato membro adottate ai sensi dell’articolo 3, paragrafo 1, della direttiva 2004/109/CE “sull’armonizzazione degli obblighi di trasparenza riguardanti le informazioni sugli emittenti i cui valori mobiliari sono ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato”.

Mercati mobiliari efficienti, trasparenti ed integrati contribuiscono a creare un reale mercato unico nella Comunità e stimolano la crescita e la creazione di occupazione grazie ad una migliore allocazione del capitale e ad una riduzione dei costi” – come disciplinato dalla Direttiva comunitaria – “La comunicazione di informazioni accurate, complete e tempestive sugli emittenti di valori mobiliari consolida la fiducia degli investitori e consente una valutazione informata dei risultati economici e degli attivi di tali emittenti. Ciò rafforza sia la protezione degli investitori sia l’efficienza del mercato”. Come si evince dal dettato statutario, lo Statuto sociale è l’atto normativo fondamentale che disciplina l’organizzazione ed il corretto funzionamento dell’organizzazione.

Statuto Unipol SpA: oggetto societario

Per quanto concerne l’oggetto societario, ai sensi dell’articolo 4 dello Statuto, si evince che il business del gruppo assicurativo abbia ad oggetto “lo svolgimento, non nei confronti del pubblico, dell’attività di assunzione di partecipazioni in imprese operanti nei settori assicurativo, creditizio e finanziario”.

Il Gruppo assicurativo può svolgere le attività di coordinamento tecnico, amministrativo e finanziario delle società partecipate; concessione di finanziamenti; intermediazione in cambi; servizi di incasso, pagamento e trasferimento di fondi, con conseguenti addebito e accredito dei relativi oneri ed interessi. UnipolSai Assicurazioni S.p.A.  è la compagnia assicurativa multiramo del Gruppo Unipol, leader in Italia nei rami Danni e, in particolare, nell’R.C. Auto.

Attiva anche nei rami Vita, UnipolSai, con oltre 10 milioni di clienti, si attesta tra i principali gruppi assicurativi per raccolta diretta, pari a circa 14 miliardi di euro (di cui 7,3 nei Danni e 6,7 nel Vita).

Il capitale sociale del Gruppo Unipol SpA è di Euro 3.365.292.408,03 diviso in 717.473.508 azioni nominative ordinarie, prive di valore nominale.

Piano industriale 2016-2018 Gruppo Unipol SpA: direttrici di sviluppo

Come si evince dal Piano industriale 2016-2018, le quattro principali direttrici di sviluppo del Gruppo assicurativo sono delineabili nelle seguenti:

Offerta innovativa e distintiva

Nel comparto Danni UnipolSai intende rafforzare la propria leadership di mercato specie nel RC Auto, con l’obiettivo di incrementare il portafoglio di circa 400.000 nuovi clienti entro il 2018, anche attraverso l’ampliamento dei servizi di riparazione (Auto Presto & Bene, MyGlass) ed assistenza.

Per quanto concerne il comparto Non Auto (in particolare casa, commercio e PMI), il gruppo societario punta ad un obiettivo di crescita della raccolta dell’8% sui segmenti Retail e delle Piccole-Medie Imprese entro il 2018. L’innovazione tecnologica e digitale costituisce la leva strategica di “customizzazione” del servizio assicurativo e di soddisfacimento dell’assicurato a beneficio della riduzione del costo dei sinistri.

Nell’ambito della protezione dei bisogni salutistici, è prevista l’evoluzione dell’integrazione del modello di eccellenza di UniSalute con la rete di agenzie assicurative. L’offerta del Gruppo Unipol SpA, nel comparto Vita, prevede per il prossimo futuro l’integrazione con servizi di protezione ed assistenza, con un focus sul miglioramento della redditività.

Fidelizzazione del cliente

L’attenzione e la fidelizzazione con il cliente finale e con la rete di Agenzie è un elemento cruciale del nuovo Piano Industriale della Unipol SpA che prevede l’attivazione di una serie di servizi, personalizzabili online, aventi lo scopo di semplificare il processo di selezione dei clienti, anche attraverso il ricorso alla multicanalità nella distribuzione di prodotti assicurativi. La rete agenziale è al centro del rapporto con il cliente e, per questo, è previsto un importante investimento sull’evoluzione della rete, anche in un’ottica di digitalizzazione dei servizi.

Riorganizzazione

La rete di agenzie UnipolSai SpA proseguirà nel processo di riorganizzazione del network delle vendite finalizzato all’incremento degli indici di produttività tramite la sostenibilità e l’efficienza economica delle agenzie. Il modello di business sarà orientato verso una maggiore specializzazione della rete di vendita su specifici segmenti di clientela.

Processi interni e innovazione

Eccellenza dell’organizzazione interna, dei processi e del fattore innovazione tecnologica: essi rappresentano fattori centrali del Piano; sono previste importanti evoluzioni nei processi di liquidazione sinistri, integrati con la disponibilità di dati telematici, efficientamento dei processi assuntivi e automatizzazione dei processi commerciali. Nel triennio 2017-2020 sono previsti investimenti per circa euro 150 milioni, finalizzati al miglioramento della qualità dei servizi e all’efficientamento dei costi.

LEAVE A REPLY