Grecia, novità: l’Europa ci crede, e l’intesa è sempre più vicina

grecia-

La crisi della Grecia ha tenuto banco per diversi giorni sulle prime pagine dei giornali. Le posizioni del premier Alexis Tsipras sono state più volte analizzate, proprio come le richieste effettuate dall’Unione Europea. Eppure, ad oggi, nessuna intesa è stata trovata, anche se le ultime controproposte presentate da Atene hanno fatto ben sperare.

Ebbene si: dopo il nulla di fatto all’Eurogruppo, l’uscita dall’Euro della Grecia sembrava inevitabile. Poi, però, è arrivata la controproposta di Tsipras: l’Unione Europea l’ha definita come “una base su cui iniziare la trattativa”, ma la strada da percorrere sembra ancora molto lunga.

Secondo le prime indiscrezioni emerse, infatti, il premier ellenico avrebbe stilato una serie di contromisure tra le quali spunta quella relativa ad un meccanismo atto a bloccare le finestre di prepensionamento a partire da gennaio 2016, e la revisione delle aliquote Iva.

Una base di partenza. Appunto. La settimana, però, si sta evolvendo in modo positivo per la Grecia: la Bce, infatti, ha innalzato il tetto di liquidità di emergenza per le banche greche. In questo modo, gli istituti hanno avuto ancora un po’ di ossigeno finanziario.

Di fatto, la Banca Centrale Europea ha innalzato di circa 1 miliardo i fondi di emergenza Ela (Emergency liquidity assistance). L’ordine sarebbe arrivato dopo una conference call avvenuta al termine del vertice dei capi di Stato della zona euro. E, sembra, che se sia necessario la Bce interverrà ancora.

Ricordiamoci, infatti, che solo la scorsa settimana i cittadini prelevavano dai loro conti circa un miliardo di euro al giorno. Secondo le ultime stime, però, la cifra è nettamente calata lunedì, dove si sono resgitrati prelievi pari a circa 500-700 milioni di euro.

Nel frattempo si attende l’ennesimo vertice dell’Eurogruppo in programma questa sera alle ore 19. La situazione della Grecia, sebbene in netto miglioramento rispetto alla settimana scorsa, fa preoccupare in modo allarmante gli altri paesi europei.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY