Gratta e Vinci: come funziona e possibilità vincita

Rientra tra i vari tipi di Gratta e Vinci, ma conviene davvero acquistarlo?

La febbre del Gratta e vinci ha travolto gli italiani più di vent’anni fa e da allora non è mai passata. Anzi, sembra essere salita, dato che sono tanti e sempre nuovi i tipi di biglietti venduti presso bar e tabaccherie, a cui vanno aggiunti giochi precedenti e di diversa natura. Il Gratta e vinci, chiamato anche lotteria istantanea, è un gioco d’azzardo gestito dalla Lottomatica per conto dell’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato (AAMS).

Gratta e vinci: come funziona

gratta e vinci
I tanti Gratta e vinci in circolazione

Consiste in biglietti di carta dal prezzo diverso e dalla diversa tipologia di vincita, sul quale c’è una parte argentata o dorata da dover grattare per scoprire se si è stati fortunati trovando la combinazione vincente per il relativo premio. Dieci anni fa, il 2006, è stata introdotta anche la possibilità di giocare online. In quest’articolo prendiamo come esempio il Nuovo Mega miliardario, uscito nel 2013.

Come riporta lo stesso sito dedicato al gioco i casi di vincita previsti dal Nuovo Mega miliardario sono i seguenti:

  • Se trovi uno o più “Numeri Vincenti” ne “I Tuoi Numeri”, vinci i premi corrispondenti;
    Se ne “I Tuoi Numeri” trovi un “ferro di cavallo” vinci subito 200 euro;
    Se ne “I Tuoi Numeri” trovi il “Numero Jolly” vinci 10 volte il premio corrispondente;

Nuovo Mega Miliardario: possibilità di vincita

gratta e vinci possibilità vincita
Una persona che gioca al Gratta e vinci Miliardario

Conviene davvero giocare al Gratta e vinci? Un articolo ha fatto due conti in merito al Nuovo Mega Miliardario. Intanto diciamo che il costo del biglietto non è proprio esiguo: 10 euro. Il che già invoglia a pensarci su. Il biglietto viene stampato in 50 milioni e 160 mila biglietti, mentre il primo è contenuto in 30 tagliandi. Da qui si evince che la possibilità di beccarlo è dello 0,00006%. Il premio minimo di 10 euro (che poi sarebbe appunto il costo del biglietto) è invece contenuto da 17.844.002 biglietti, ovvero il 35,5% del totale. Più di un biglietto su tre che garantisce quanto meno di recuperare i soldi spesi, ma è anche vero che la gran parte di chi lo troverà, deciderà di acquistarne un altro per poi quasi sicuramente perdere.

Altro punto che in molti non conoscono sta nel fatto che i biglietti continueranno ad essere venduti fino a che tutti i premi non saranno erogati. Il che significa dunque che anche se i primi premi più succulenti venissero vinti, la gente continuerebbe a giocare con la propria pia illusione di cambiare vita. Del resto, le informazioni sui premi già assegnati non vengono diffuse. Inutile chiedersi perché. Nel corso degli anni non sono poche poi le denunce di Gratta e vinci falsi in circolazione.

Gratta e vinci: come sono nati

la fontana della fortuna
Il primo Gratta e vinci in circolazione

L’esempio prima esposto vale un po’ per tutti i Gratta e vinci. Ma come sono nati? Furono introdotti nel nostro Paese in data 21 febbraio 1994 dalla Legge Finanziaria ’94 del governo Ciampi al fine di finanziare con 240 miliardi di lire il cosiddetto piano salvalavoro del ministro Gino Giugni. I primi Gratta e vinci si chiamavano La Fontana della Fortuna e bisognava trovare più fontane di Trevi possibile. Costavano duemila lire (che poi era il premio minimo) e il premio massimo era di 100 milioni di lire. I premi cosiddetti «di consolazione» entro le 50mila lire potevano subito essere ritirati presso il rivenditore. Si garantiva che un biglietto su nove era vincente e per l’esordio ne furono distribuiti 40 milioni. Il primo premio venne vinto l’8 aprile 1994 a Lucca. Fu anche ideata una trasmissione su Raidue per sollecitarne l’acquisto.

Da allora non se ne fece più a meno. Del resto, si scoprì che garantivano allo Stato un’ottima entrata. Il 20 maggio La Fontana della Fortuna fu sostituito da La fortuna col Mundial, per sfruttare il Mondiale Usa ’94 che sarebbe partito da lì a poco. Tantissimi negli anni poi i Gratta e vinci introdotti. Quest’anno i nuovi arrivati si chiamano: Il Forziere, Dado 7, Biliardissimo, Multi Bonus, Big 5. Il 2013, il 2014 e il 2015 sono stati gli anni in cui ne sono stati introdotti moltissimi.