Grande boom per la birra italiana all’estero

La birra italiana risulta molto apprezzata sul mercato europeo. Nei primi cinque mesi del 2015 l’export di birra italiana ha, infatti, fatto segnare una crescita del 27% rispetto all’anno precedente e, a dispetto della crisi, negli ultimi dieci anni, le vendite all’estero sono addirittura triplicate. Questo è quello che emerge da un’analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat.

Da questa analisi emergono prepotentemente due dati. La prima è che nei pub inglesi si beve sempre più birra Made in Italy visto che la metà del nostro export finisce proprio in Gran Bretagna. Secondariamente, si fa avanti con forza la realtà dei birrifici artigianali che, negli ultimi anni, hanno vissuto un vero e proprio boom con una notevole spinta all’occupazione dei giovani. La Coldiretti spiega, infatti, che gli under 35 sono i più attivi nel settore con profonde innovazioni che vanno dalla certificazione dell’origine a chilometri zero al legame diretto con le aziende agricole ma anche la produzione di specialità altamente distintive o forme distributive innovative come i brewpub o i mercati degli agricoltori di Campagna amica”.
A favorire la produzione italiana c’è sicuramente la coltivazione nazionale di orzo con una produzione di circa 860.000 tonnellate nel 2014 su una superficie totale di circa 226.000 ettari. Per quanto riguarda specificatamente la produzione di bionde & Co., la filiera cerealicola insieme al Ministero delle Politiche Agricole calcolano un utilizzo annuo di 90.000 tonnellate di granella d’orzo.

Gli italiani, nonostante l’apprezzamento riscontrato oltralpe dalle produzioni artigianali nostrane, non sono grandi consumatori di birra: nel nostro Paese, infatti, ci sono oltre 30milioni di bevitori ma il consumo pro-capite è di 29 litri; dato molto lontano da quello fatto registrare da Paesi come la Repubblica Ceca con 144 litri pro capite, l’Austria 107,8, la Germania 105, l’Irlanda 85,6, il Lussemburgo 85 e la Spagna 82.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY