Granarolo acquisisce il 25% di European Foods

Il gruppo Granarolo International ha acquisito il 25% del capitale sociale di European Foods, importatore e distributore di prodotti alimentari italiani in Nuova Zelanda che oggi fattura oltre 6 milioni di euro ma il cui obiettivo è il raddoppio dei ricavi entro il 2018. L’accordo prevede anche un’opzione di acquisto per un’ulteriore quota del 26%, da esercitarsi entro 12-18 mesi, che potrebbe portare ad un controllo del 51% del capitale di European Foods da parte di Granarolo.

Gianpiero Calzolari, presidente di Granarolo, ha commentato l’acquisizione con queste parole: “La Nuova Zelanda è un Paese molto interessante, un mercato in solida crescita con consumatori che hanno elevata capacità di spesa e predilezione per i prodotti Made in Italy di qualità”. Grazie a questo accordo, infatti Granarolo “intende accedere al mercato neo zelandese per poter distribuire la gamma prodotti tra cui, in particolare, quelli caseari quali parmigiano reggiano, grana padano e pecorino. Il mercato dei formaggi italiani in Nuova Zelanda vale oltre 5 milioni di euro mentre complessivamente in Oceania vale circa 33 milioni di euro di cui oltre il 50% costituito da parmigiano reggiano e grana padano”. Accesso che le viene consentito grazie ad European Foods, un importatore-distributore di prodotti alimentari, con sede ad Auckland, che distribuisce prodotti Made in Italy sia sul canale retail sia sul canale foodservice.

Il presente accordo, che permetterà a Granarolo International di allargare il suo raggio di azione anche all’Australia e ai Paesi del Sud est asiatico con i quali la Nuova Zelanda vanta accordi di libero scambio, rientra nel piano strategico di internazionalizzazione 2012-2016 che si è posto l’obiettivo di raggiungere il 40% dei ricavi realizzato sui mercati esteri.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY