Google, da Apple Music a Nintendo Switch: le tante novità in arrivo

Apple Music è in arrivo su Google Home, secondo l’app iOS di Google per la gestione dei suoi altoparlanti intelligenti. Un lettore su MacRumors ha notato che l’app Google Home ora elenca Apple Music come servizio che può essere integrato, anche se l’abilità è attualmente non funzionale. Non sarebbe una sorpresa, dato che Apple Music è arrivata all’Amazon di Amazon dispositivi Echo potenziati alla fine dell’anno scorso. Apple ha anche annunciato al CES dello scorso mese che avrebbe creato AirPlay e il supporto iTunes in una vasta gamma di televisori da pubblicare nel 2019.

I servizi sono una parte sempre più importante delle attività di Apple e, con Apple Music già disponibile su Android, è logico che l’azienda la porti a una varietà di diffusori il più ampia possibile. Non tutti vogliono un HomePod o una Apple TV.

Ma non solo Apple. Novità importanti per Google arrivano anche da Snapchat. La riprogettazione di Snapchat per Android è stata da lungo tempo in divenire. Verso la fine del 2017, il CEO di Snap, Evan Spiegel, ha promesso un’app per Android completamente ricostruita. Inizialmente, la riprogettazione poteva essere abilitata solo con l’accesso root, sebbene sia stato possibile accenderlo nell’interfaccia utente per molti mesi. Spiegel sta ora sostenendo che l’app ricostruita sarà completamente distribuita a tutti entro la fine dell’anno.

Spiegel ha pubblicato l’annuncio alla Morgan Stanley Technology, Media & Telecom Conference 2019 a San Francisco lunedì, affermando: “Android è assolutamente fondamentale per la nostra strategia: ci sono qualcosa come due miliardi di utenti Android che non usano Snapchat. Un paio di percento di questi, penso, sarebbe ben accolto da tutti noi.”

Come noterà chi utilizza Snapchat Alpha da alcuni mesi, non si può dire che l’app ricostruita sia tutto ciò che è stato pubblicizzato. L’app è ancora in ritardo, spesso fino al punto di chiusura della forza stessa.

Piattaforme migliori per fare trading su Apple e Google

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
plus500Trading bitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>
xmConti Zero spreadGuide e tutorialPROVA>>
etoroSocial trading
66% dei trader perde soldi
Trading Bitcoin, criptovalutePROVA>>

Google lancia FIDO 2 per proteggere password

Le password sono di solito il modo principale per mantenere i tuoi account online al sicuro. Ma a meno che tu non stia utilizzando una password complessa che è difficile da ricordare, probabilmente il tuo account non è sicuro come speri. Fortunatamente, c’è un modo migliore. La FIDO Alliance ha sviluppato lo standard FIDO2 da anni e questa settimana Android è stato certificato per il protocollo. Ecco cosa significa per te. Annunciato oggi è in arrivo un aggiornamento ai servizi di Google Play che aggiunge la certificazione FIDO2 a circa la metà di tutti i dispositivi Android disponibili oggi. L’aggiornamento consente di accedere per supportare app e servizi con l’impronta digitale o il PIN sul dispositivo anziché richiedere una password. FIDO2 è progettato per mantenere l’autenticazione degli account memorizzati localmente sul dispositivo. Come spiega il Brand di Christiaan di Google (tramite The Verge), questo toglie il “segreto condiviso”.

Piuttosto che tu e il servizio che autentica l’account con la password che entrambi conosci, FIDO2 consente agli utenti Android di dimostrare che sono l’utente autenticato senza che il servizio conosca il “segreto”. In questo caso, la violazione della sicurezza troppo comune ha vinto ” Non esporre nessuno dei tuoi dati.

Questo tipo di funzionalità è già disponibile in alcune app, come le applicazioni bancarie, ma la nuova certificazione lo apre a tutti. Ciò significa che altri sviluppatori di app possono implementare il supporto FIDO2 nelle loro app Android e che i browser supportano anche le API.

Le app e i siti Web mobili ora possono sfruttare gli standard FIDO per fornire un accesso biometrico più semplice e sicuro per gli utenti su oltre un miliardo di dispositivi che supportano Android 7.0.

FIDO Alliance ha annunciato oggi che Android è ora certificato FIDO2, offrendo funzionalità di autenticazione più semplici e più potenti a oltre un miliardo di dispositivi che utilizzano questa piattaforma ogni giorno. Con questa notizia, qualsiasi dispositivo compatibile con Android 7.0 è ora certificato FIDO2 immediatamente o dopo un aggiornamento automatico di Google Play Services.

Ciò consente agli utenti di sfruttare il sensore di impronte digitali incorporato e / o le chiavi di sicurezza FIDO del proprio dispositivo per un accesso sicuro e senza password ai siti Web e alle applicazioni native che supportano i protocolli FIDO2. Gli sviluppatori di applicazioni e Web ora possono aggiungere l’autenticazione avanzata FIDO alle proprie app Android e siti web attraverso una semplice chiamata API, per portare la sicurezza senza password e anti-phishing a una base in rapida espansione di utenti finali che hanno già dispositivi Android leader e / o aggiorneranno a nuovi dispositivi in futuro.

“Google ha lavorato a lungo con FIDO Alliance e W3C per standardizzare i protocolli FIDO2, che offrono a qualsiasi applicazione la possibilità di andare oltre l’autenticazione tramite password offrendo al contempo protezione dagli attacchi di phishing”.

Come ha dichiarato Christiaan Brand, Product Manager di Google: “L’annuncio di oggi della certificazione FIDO2 per Android aiuta a portare avanti questa iniziativa, offrendo ai nostri partner e sviluppatori un modo standard per accedere ai keystore sicuri su tutti i dispositivi, sia sul mercato che sui modelli futuri, al fine di creare controlli biometrici convenienti per gli utenti”.

Già supportato nel mercato dai principali browser Web Google Chrome, Microsoft Edge e Mozilla Firefox (con supporto di anteprima di Apple Safari), FIDO2 comprende le specifiche di autenticazione Web del World Wide Web Consortium (W3C) e il corrispondente Client to Authenticator Protocol (CTAP) di FIDO Alliance.

Collettivamente, questi standard consentono agli utenti di accedere in modo più semplice e sicuro ai servizi online con dispositivi conformi a FIDO2 come lettori di impronte digitali, telecamere e / o chiavi di sicurezza FIDO. “FIDO2 è stato progettato dal primo giorno per essere implementato dalle piattaforme, con il massimo obiettivo dell’ubiquità su tutti i browser, dispositivi e servizi che usiamo ogni giorno.

Con queste notizie da parte di Google, il numero di utenti con funzionalità di autenticazione FIDO è cresciuto in modo significativo e decisivo. Insieme ai principali browser Web che sono già conformi a FIDO2, ora è il momento per gli sviluppatori di siti Web di liberare gli utenti dal rischio e dalla scocciatura delle password e integrare l’autenticazione FIDO oggi”, ha aggiunto Brett McDowell, direttore esecutivo di FIDO Alliance.

Utente semplice di FIDO2 le esperienze sono supportate da una forte sicurezza crittografica che è trasparente per l’utente e protegge da phishing, man-in-the-middle e attacchi che utilizzano credenziali rubate. Il supporto FIDO2 è cresciuto da quando le specifiche sono state introdotte la scorsa primavera. Oltre al supporto di browser e piattaforme, sono stati annunciati diversi prodotti certificati FIDO2 per supportare l’implementazione.

Google Assistant sta arrivando su Android Messages prima che Allo sia rimosso

Oggi Google annuncia che “nei prossimi mesi” verrà implementata l’integrazione di Google Assistant nei messaggi Android. Se lo stai utilizzando per il testo, un pulsante di Google Assistant potrebbe essere visualizzato nella sezione delle risposte intelligenti dell’app. Se lo tocchi, farà una domanda all’Assistente e ti darà la possibilità di inserire la risposta direttamente nella tua conversazione. Per iniziare, la funzione è limitata all’inglese.

Se temete che questo significhi che Google leggerà i vostri messaggi di testo, la società dice che non è affatto così. Le uniche informazioni che vengono inviate ai server di Google è il testo del pulsante dell’Assistente Google che tocchi. Quei cosiddetti “chip di suggerimento” sono generati da un’analisi locale di ciò che è nella discussione. Quindi, se qualcuno ti chiede se vuoi andare in un ristorante, vedresti suggerimenti per una pizza emoji, “sì” e un pulsante che cerca il ristorante.

Quando tocchi un chip, una piccola casella dell’Assistente farà scorrere una scheda con informazioni e opzioni, una delle quali sarà quella di inviare i risultati della tua ricerca alla chat. Come esattamente la carta apparirà sul lato ricevente è qualcosa che non sapremo fino a che non verrà lanciata. Qualunque cosa sia, probabilmente dipenderà dal fatto che la persona con cui stai chattando utilizzi SMS, MMS o RCS.

Google ha costantemente aggiunto funzionalità ai messaggi Android sin da quando ha annunciato che sta ruotando la sua app di sms per i consumatori, Allo, che è programmato per andare via alla fine di marzo. Dopodiché, l’app per i messaggi di consumo principale di Google sarà Messaggi Android, che supporta SMS, MMS e (a seconda del corriere) RCS.

Alcune di queste nuove funzionalità includono il client basato sul Web, una migliore ricerca dei messaggi, modalità dark e accesso più semplice a materiale multimediale come la tua fotocamera o GIF. Se ti stai chiedendo il rollout RCS, non ci sono nuove notizie da segnalare.

Google afferma che è attualmente disponibile in 24 paesi, anche se dipende completamente dal vettore che hai e da quale operatore è la persona con cui stai parlando, e da quale telefono stanno utilizzando, e se stanno utilizzando un’app come Android Messages o Samsung Messages che supporta RCS. Inoltre, RCS non supporta la crittografia end-to-end per proteggere la privacy delle tue comunicazioni. Quindi se ciò può convincerti a passare semplicemente a Signal, potrebbe comunque essere un fatto positivo.

Gli sviluppatori lanciano Android Q su Nintendo Switch

La console Switch di successo di Nintendo è un videogioco ibrido e in parte di grande schermo. All’interno, ha hardware che molti fan di Android riconosceranno come molto simili a un tablet. Nintendo non usa Android sullo Switch, ma un progetto indipendente sta lavorando per renderlo possibile. Ora sul dispositivo è installata una versione iniziale di Android Q. Lo switch funziona su un NVIDIA Tegra X1, lo stesso chip del vecchio tablet Google Pixel C e dello SHIELD TV. Ha anche 4 GB di RAM e 32 GB di spazio di archiviazione. Mentre il chip Tegra è underclock, lo Switch è ancora un piccolo dispositivo potente. Gli sviluppatori Billy Laws e Max Keller hanno acquisito Android Q e installato sullo switch con il supporto per Bluetooth, WiFi, touchscreen e persino Joy-Cont.

A conti fatti, lo Switch potrebbe diventare una macchina da gioco con capacità Android. C’è qualche sovrapposizione tra i titoli digitali disponibili sullo Switch e quelli su Android. Tuttavia, le versioni Switch sono solitamente più costose. Potresti essere in grado di ottenere alcune delle stesse esperienze tramite Android con i controller eccellenti dello Switch.

Android potrebbe anche fornire molta più libertà di utilizzo di app come browser e servizi di streaming. Naturalmente, giochi di alto livello come Zelda e Mario Odyssey rimarranno esclusivi per il software di spedizione di Switch.

È incoraggiante vedere Android funzionare così bene sullo Switch, ma è ancora molto lontano dall’essere qualcosa che vorresti vedere sulla tua console. Android Q non è nemmeno presente nell’anteprima dello sviluppatore: tutto ciò che hai visto finora proviene da immagini pre-release. Android on the Switch manca anche dell’accelerazione GPU al momento (non ci sono driver), quindi non potrai giocare nessun gioco. Eppure, questo è un progetto interessante.

Google Fi espande l’accordo MVNO con Sprint per offrire 5G su telefoni compatibili ottimizzati

In qualità di MVNO, i miglioramenti apportati alla rete di Google Fi dipendono principalmente dai partner che aggiornano le loro reti. Nel caso di 5G, Sprint ha dettagliato oggi come renderà disponibile questo servizio più veloce attraverso l’offerta cellulare di Google. Le due società hanno annunciato oggi (tramite Android Police) la loro partnership allargata, con Sprint tra i vettori originali di Fi negli Stati Uniti . T-Mobile era l’altra rete, con US Cellular aggiunta nel 2016. Secondo Sprint, gli abbonati dovrebbero aspettarsi una connessione più veloce e un significativo miglioramento della latenza.

Il servizio sarà disponibile per i telefoni “Sprint 5G compatibili” che sono “Progettati per Fi”. Quest’ultima designazione viene data ai telefoni Android che sfruttano la tecnologia di commutazione cellulare di Fi per trovare agli utenti il miglior segnale in base a dove si trovano. Questo è diverso dai telefoni compatibili con Fi come parte della disponibilità estesa dello scorso novembre alla maggior parte dei dispositivi Android e iOS.

Questi telefoni utilizzano solo la rete di T-Mobile. I dispositivi di Google, LG e Motorola non sono compatibili con il 5G, ma l’LG V50 ThinqQ è appena annunciato. In passato, LG ha rilasciato le varianti Designed for Fi dei suoi dispositivi di punta. Gli utenti si connetteranno automaticamente a 5G quando si trovano in un’area di copertura senza interruzioni.

Negli Usa, Sprint prevede di lanciare il 5G basato sullo spettro 2,5 GHz e sulla tecnologia Massive MIMO nella prima metà del 2019. L’elenco di nove città comprende Atlanta, Chicago, Dallas, Houston, Kansas City, Los Angeles, New York, Phoenix e Washington, DC “Connettere i nostri clienti a una copertura ad alta velocità è una parte vitale del servizio Google Fi, reso possibile dai nostri partner carrier”, ha affermato Matt Klainer, Vicepresidente di Consumer Communications Products di Google. “Siamo entusiasti di avere Sprint che lavora per un aggiornamento della rete Fi per includere il 5G.”

La connessione 5G sarà gradualmente una realtà anche in Italia. Si conta entro il 2021. Vedremo se Google farà qualcosa del genere anche qui da noi.

La reazione dei mercati agli annunci di Google

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY