Giappone fuori dalla Recessione, ma il peggio è davvero finito?

Il Giappone ha salutato la lunga fase recessiva con un pò di soddisfazione, ma l’impressione è che le difficoltà non siano ancora finite, considerato che il quadro economico rimane debole, e i consumi delle famiglie ancora non riescono a decollare. La ripresa è difatto ancora molto lenta, e le prospettive sono tutt’altro che incoraggianti: nel corso dell’ultimo trimestre dello scorso anno la produzione interna lorda è cresciuta dello 0,6% rispetto al trimestre precedente, ma nell’intero anno la produzione è rimasta praticamente stabile.

Le cifre di cui sopra non sono state certamente accolte positivamente dagli analisti, che sottolineano come la situazione del Paese fosse stata prevista in misura notevolmente più positiva. A preoccupare è soprattutto la situazione delle famiglie giapponesi: i consumi continuano a ristagnare poichè i salari rimangono praticamente congelati. Le grandi aziende nipponiche avevano ottenuti buoni risultato lo scorso anno, ma in virtù principalmente della debolezza dello yen, che ha favorito lo slancio delle esportazioni: un beneficio che raramente è stato ampliato ai propri lavoratori, con la conseguenza che le retribuzioni sono rimaste sostanzialmente ferme. In aggiunta, si tenga conto come sempre più lavoratori sono impiegati a condizioni meno vantaggiose rispetto ai loro genitori, denotando un deterioramento della qualità socio-economica microeconomica difficilmente smentibile.

Proprio su tale aspetto sembra essere fondamentalmente concentrato il premier Shinzo Abe: il primo ministro ha più volte ribadito l’impegno a vegliare affinchè gli stipendi continuino a salire nel 2015 e nel 2016, sperando che tale elemento possa essere sufficiente per poter smentire i timori degli stakeholders. In realtà, però, è probabile che il clima di pessimismo sul Giappone possa indurre – come peraltro accaduto qui da noi – le famiglie nipponiche a risparmiare i propri soldi, piuttosto che a spendere in vista di un futuro ritenuto incerto.

Ad ogni modo, non tutti vedono del nero in Giappone. L’istituto di credito Nomura, ad esempio, ha dichiarato che il sentimento di fiducia delle imprese e delle famiglie è migliorato proprio a partire dal mese di dicembre, aprendo dunque margini di grande speranza per il prossimo futuro a breve termine. Anche in Europa c’è chi ritiene che il peggio, in Giappone, sia effettivamente passato: la francese Natixis ha infatti stimato una crescita dell’1,3% per l’anno in corso, oltre alla media degli analisti. A fronte di tali slanci di positività, permangono le interpretazioni negative degli esperti di Capital Economics, che si attendono un nuovo periodo di stagnazione.

Insomma, il futuro, per il Giappone, pare essere piuttosto aleatorio. E voi da che parte state?

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY