Germania rischia multa salata: ancora violato il cap sul surplus commerciale

La Germania rischia di vedersi recapitare dall’Unione Europea una multa molto salata. Una sanzione che – se non dovesse arrivare – finirebbe con il supportare le convinzioni di coloro che pensano che all’interno del vecchio Continente le regole non valgano per tutti. Ma di cosa si tratta? E perché Berlino rischia una ammenda piuttosto onerosa?

La ragione della potenziale multa in capo alla Germania sta nel dato relativo al surplus commerciale del Paese, che da almeno cinque anni Berlino si “dimentica” di rispettare, consolidando un livello superiore al tetto stabilito del 6%. Di qui il grave problema: considerato che non si tratta di una violazione occasionale, ma di una reticenza protrattasi nel medio lungo termine, viene spontaneo domandarsi se, effettivamente, la regole stabilito a livello internazionale possa essere applicata anche alla Germania, o se la stessa nazione goda di una sorta di esenzione speciale.

Varato nel 2011, in piena crisi euro, il divieto di superare il 6% del proprio surplus commerciale fa parte del cosiddetto six pack, un pacchetto di sei regole che avrebbe dovuto consentire un maggior riparo dalle turbolenze future. A patto, naturalmente, che tutti rispettino tali prescrizioni. Per la Germania tuttavia la regola non sembra essere in valida applicazione, valutato che da diverso tempo l’economia più forte del Continente sfora abbondantemente il cap previsto.

Eppure, quando anni or sono il six pack fu lanciato, il provvedimento fu accompagnato da una serie di dichiarazioni emblematiche. Fu ad esempio ricordato a gran voce che il Consiglio può imporre – su proposta della Commissione – delle sanzioni finanziarie per quei Paesi che non rispettano le raccomandazioni, e che i controlli delle istituzioni comunitarie sarebbero stati più ingenti.

In ogni caso, per i ferrei sostenitori della rigidità delle regole, non tutto è perduto. Il six pack prevedeva infatti un periodo di transizione di tre anni, che avrebbe dovuto consentire alle nazioni di allinearsi sulle best practices indicate nel provvedimento. Considerato che il triennio è scaduto, la resa dei conti è pressoché servita.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY