General Electric, il titolo non decolla e sono pronti oltre 200 licenziamenti

Il titolo General Electric è in affanno da tempo. Il crollo si rende evidente da fine 2016, quando il titolo era intorno ai 30 dollari ma ha intrapreso un lento declino.

Proprio ad inizio di questo anno sembrava finalmente essersi ripreso. Ma il COVID-19 ha dato una ulteriore mazzata al suo valore. Facendolo dimezzare tra fine febbraio e metà marzo, da 12 a 6 euro. Al momento della scrittura, il titolo trova ancora sui 6 euro il suo livello di resistenza.

Sebbene i settori di cui fa parte, aviazione e healthcare, sembrano avere buone prospettive future, nell’immediato il titolo non sembra essere particolarmente appetibile. Meglio puntare su altre tre società.

General Electric si contende con Raytheon Technologies il mercato dei motori dell’aviazione

GE Aviation si contende il segmento Pratt & Whitney di Raytheon Technologies (NYSE: RTX) nel mercato dei motori destinati alla aviazione commerciale.

In particolare, Pratt e CFM International (una joint venture tra GE e Safran) competono direttamente sull’Airbus A320 Neo, mentre il motore LEAP di CFM è l’unica opzione del motore sul Boeing 737 MAX.

Inoltre, entrambe le società hanno motori legacy sulla famiglia Airbus A320 e Boeing 737. Un punto importante perché il vero centro di profitto dei motori per aeromobili è nelle vendite e nel servizio post-vendita.

Chiaramente, entrambe le compagnie sperano che il traffico aereo si riprenda in tempo utile, ma la differenza tra i due è che GE fa più affidamento su GE Aviation. Il segmento ha contribuito con $ 4,4 miliardi di flusso di cassa gratuito nel 2019 e ha contribuito a compensare i deflussi altrove. Portando GE a generare $ 1 miliardo di flusso di cassa gratuito dalla sua attuale raccolta di attività.

In confronto, Raytheon genera il 55% delle sue entrate da attività di difesa, che resistono bene nella pandemia di COVID-19. Inoltre, è necessario affermare che il mercato sta scontando eccessivamente le sue attività nel settore dell’aviazione commerciale.

Mettendo tutto insieme, se tutto va storto con l’aviazione commerciale, GE ha un rischio significativamente più negativo di Raytheon, poiché quest’ultimo sarà supportato dai flussi di cassa delle sue attività di difesa.

Nel frattempo, se tutto va bene, Raytheon ha un potenziale al rialzo. In tale scenario, GE avrà ovviamente anche un potenziale al rialzo per quanto riguarda l’aviazione. Ma dovrà comunque cambiare il proprio business e le proprie energie rinnovabili.

Una situazione di cui approfittare per investire sul titolo. Attualmente la soluzione migliore è quella di utilizzare il broker ForexTB. Si tratta di un broker autorizzato con servizi innovativi come quello dei segnali che permettono di ricevere consigli per orientare con successo le proprie operazioni. Per saperne di più sui segnali clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Rispetto a General Electric, Danaher offre una crescita più solida

Durante un anno difficile per i mercati, le azioni Danaher (NYSE: DHR) sono aumentate del 15% al momento della stesura di questo articolo. Le due società sono collegate, poiché l’amministratore delegato di GE, Larry Culp, gestiva Danaher. GE ha anche recentemente venduto la sua attività di biopharma, ora chiamata Cytiva, a Danaher.

L’accordo è particolarmente interessante perché Danaher vanta Cytiva ad un ottimo prezzo. L’unità biopharma era il motore di crescita e flusso di cassa di GE Healthcare e, senza di essa, GE si aspetta una crescita dei ricavi a bassa cifra per il segmento nel 2020. Nel frattempo, Danaher ha ottenuto un business altamente complementare al suo attuale segmento nella cosiddetta “scienza della vita”.

Inoltre, i principali mercati di diagnostica e scienze della vita di Danaher potrebbero aver ricevuto una spinta proprio dalla pandemia di COVID-19. È probabile che dia un contributo aggiuntivo sulla diagnosi precoce delle malattie, nonché sulla ricerca e lo sviluppo di cure e vaccini.

Pertanto, gli investitori in Danaher stanno ottenendo una rara combinazione di un’attività profittevole nel breve periodo, ma, al contempo, con numerose opportunità di crescita a lungo termine.

Migliori piattaforme per investire in General Electric

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
eToro social trading
Social trading, copy trading
*75% dei trader perde soldi
Copy PortfolioISCRIVITI
plus500
Servizio CFDDemoISCRIVITI
fxtb
Corso trading gratis, CFDSegnali gratuitiISCRIVITI
Trade.com
Forex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

TPI Composites batte GE sull’energia eolica

Le due attività del colosso industriale sono raggruppate insieme in quanto entrambe sono legate al modo in cui l’elettricità viene generata dai servizi pubblici. Anzi, in qualche modo competono tra loro. GE Power fornisce attrezzature e servizi per turbine a gas, mentre GE Renewable Energy fornisce turbine eoliche.

Al centro della discussione c’è un dibattito sul fatto che la debolezza della domanda di turbina a gas per impieghi gravosi negli ultimi cinque anni indichi un declino strutturale – ossia quando l’energia rinnovabile diventa più economica – o ciclica.

È difficile conoscere la risposta a questa domanda, ma sappiamo che gli investitori ritengono che le energie rinnovabili siano un business in crescita. E che sembra esserci un’opportunità significativa per il recupero dei margini e la crescita dei ricavi a lungo termine in questo segmento.

In questo contesto, è interessante un’azienda come il produttore di pale TPI Composites (NASDAQ: TPIC). TPI, infatti, comprende tutte le principali società statunitensi ed europee di energia eolica come i suoi clienti: Vestas, GE, Siemens Gamesa, Enercon e Nordex.

Le pale rappresentano quasi il 30% del valore di una turbina e TPI ritiene che la tendenza verso l’outsourcing della produzione di pale a un produttore specializzato continuerà probabilmente man mano che il mercato globale dell’eolico cresce.

Inoltre, TPI tende a produrre pale più grandi, verso le quali il mercato si sta muovendo. Lo stock di TPI ti offre un modo per beneficiare della crescita complessiva del settore anche se i principali attori continuano a lottare per la quota di mercato.

Quotazione Azioni General Electric in tempo reale

General Electric licenzierà oltre 200 dipendenti a luglio

Più di 200 impiegati presso la sede di General Electric (GE) Evendale saranno licenziati a luglio. Stando ad una circolare che la società ha presentato al Department of Job and Family Services dell’Ohio, la data prevista è il 24 luglio. Per un totale di 208 impiegati a tempo pieno.

Questi dipendenti presto si uniranno a centinaia di altri che sono già stati licenziati:

  • 29 pensionamenti tra il 22 marzo e il 29 aprile
  • 47 impiegati part-time tra il 30 marzo e il 3 giugno
  • 9 impiegati a tempo pieno il 17 Aprile
  • 165 impiegati il 31 maggio
  • 147 impiegati il 7 giugno

In totale, GE afferma che 605 impiegati a tempo pieno nella sede di Evendale saranno licenziati entro la fine di luglio a causa del coronavirus e di altre circostanze.

Il direttore esecutivo per le relazioni con i media, Perry Bradley, ha rilasciato questa dichiarazione a FOX19 NOW:

Queste azioni sono coerenti con i piani precedentemente annunciati per ridurre la nostra forza lavoro a causa dell’impatto senza precedenti di COVID-19 sul mercato industria aeronautica. Apprezziamo l’impegno di tutti i nostri dipendenti in questo momento difficile e ci rammarichiamo di dover intraprendere questa azione. Rimaniamo concentrati sulla protezione della sicurezza dei nostri dipendenti, continuando a servire i nostri clienti e preservando la nostra capacità di risposta man mano che il settore si riprende.”

Tutti questi licenziamenti, secondo la società, fanno parte dei piani di GE Aviation per ridurre la sua forza lavoro globale del 25%.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.