Gemini contro Genesis: bloccati 900 milioni di dollari

Continua l’anno tremendo per le criptovalute anche in questo 2023. In una lettera aperta, infatti, uno dei fondatori di Gemini ha accusato Genesis Capital di comportamenti non proprio trasparenti in merito ai fondi bloccati del programma Earn.

Abbiamo parlato di questa vicenda qualche mese fa in questo articolo, in cui Genesis Global Capital aveva sospeso l’erogazione di prestiti. Gemini, così, aveva annunciato una sospensione temporanea del suo programma Earn. In questi giorni il Co-fondatore di Gemini ha accusato pubblicamente Barry Silbert, il CEO di Digital Currency Group, di comportamento scorretto in merito alla vicenda dei fondi “congelati” dopo il caso FTX.

Il 2023 dunque rischia di iniziare nel peggiore dei modi con Digital Currency Group (DCG) che costituisce una grande fonte di preoccupazione per il mondo delle criptovalute. Questo principalmente per le dimensioni della società e le ripercussioni che potrebbe avere sul mercato.

Cerchiamo di capire cosa sta succedendo.

Gemini accusa Genesis

In questa situazione di mercato ribassista, chi vuole approfittarne, può utilizzare anche come piattaforme come eToro. che consentono di sfruttare il trading automatico sulle crypto.

Per iniziare sono sufficienti 50$ per fare trading reale e si ha a disposizione comunque un conto demo gratuito.

Per iniziare a fare trading sulle criptovalute su eToro vai qui sul sito ufficiale.

Lettera aperta di Cameron Winklevoss a DCG

Il broker Genesis è in una situazione finanziaria non semplice a quanto trapela dagli ultimi rumors. La divisione dei prestiti è in difficoltà tanto da costringere società che utilizzavano prestiti a sospendere i propri servizi. Tra queste la funzionalità di Earn su Gemini che ha dovuto sospendere i prelievi.

Ieri Cameron Winklevoss, uno dei fondatori di Gemini, si è esposto pubblicamente con il tweet che vedete qui sotto:

Winklevoss accusa il CEO di Digital Currency Group

in cui chiama in ballo pubblicamente Barry Silbert, il CEO di Digital Currency Group (DCG) proprietaria di Genesis, accusandolo di comportamento in malafede.

Nella lettera Winklevoss sottolinea che DCG deve a Gemini circa 900 milioni di dollari che sono ad oggi bloccati.

Gemini si trova sotto pressione a causa degli utenti che non possono ancora prelevare i propri fondi e a cui ha comunicato che ci vorranno settimane per trovare una soluzione. Winklevoss ha affermato di aver proposto varie soluzioni a Silbert che però non si è mai voluto sedere attorno ad un tavolo per cercare una soluzione.

Si va verso lo scontro totale quindi con Gemini che ha dato un ultimatum a Silbert indicando come data finale quella dell’8 gennaio 2023. Probabilmente, dopo questa data, si procederà per vie legali.

Come vedete nel tweet poi è arrivata la risposta di Silbert che ha affermato che Digital Currency Group è in regola con i pagamenti, che non ha fatto il prestito e che ha consegnato a Genesis e a Gemini una proposta il 29 dicembre senza ricevere risposte.

Insomma una brutta storia che rischia di far saltare l’ennesimo progetto crypto. Questa volta, però. I danni potrebbero essere più rilevanti a causa delle dimensioni degli attori coinvolti. Seguiremo naturalmente la vicenda per ulteriori sviluppi.

Fondi bloccati e le accuse reciproche

C’è disaccordo sulle cifre e sui fondi bloccati. Secondo il fondatore di Gemini, infatti, DCG deve rimborsare un prestito da 1,65 miliardi di dollari e invece li avrebbe usati per altre attività come l’acquisto di azioni e altre operazioni rischiose, tutto a spese dei creditori.

Da parte sua Silbert nega di aver preso questo prestito da Genesis Capital affermando di aver pagato regolarmente dutti gli interessi previsiti.

Il problema risale al fallimento di Three Arrows Capital che ha portato Genesis a genere passività ed una cambiale per DCG di circa 1,1 miliardi di dollari.

I gemelli Winklevoss, proprietari di Gemini, sono stati così costretti a sospendere i rimborsi del programma Earn, un programma che consentiva di guadagnare fino all’8% di APR sui prestiti fatti.

Altri problemi per Gemini erano arrivati dal fallimento di FTX con la società che aveva circa 175 milioni di dollari bloccati.

Problemi dunque su Gemini che ora si vede costretta ad affrontare una causa legale contro Genesis che sta lavorando col suo team legale per rimborsare i crediti ed evitare di diventare insolvente.

Conclusioni

Continueremo ad occuparci di tutti gli aggiornamenti sulle criptovalute gli ultimi aggiornamenti con le previsioni sul prezzo. Naturalmente seguiremo in prima linea lo sviluppo del caso Gemini e la guerra con DCG.

Naturalmente le previsioni degli analisti non devono essere considerate come un consiglo finanziario, ognuno deve fare le proprie valutazioni in tema di investimenti.

Se volete fare trading sulle principali criptovalute vi consigliamo il broker eToro che consente anche fare social trading e disporre di strumenti di trading professionali.

Apri subito il tuo account demo su eToro cliccando qui.