GBP / USD: possibile tendenza rialzista per aumento acquisto futures su sterlina inglese

La settimana scorsa, i futures della sterlina britannica hanno visto una delle maggiori settimane riguardo il volume di scambio dell’anno, mentre i prezzi sono scesi marginalmente dalla chiusura del 31 agosto. Questo picco di volume segue le notizie fondamentali positive e anticipa la prossima riunione della Bank of England. con posizioni vicine a recenti estremi. Questo fornisce un indicatore rialzista.

Dal punto di vista del prezzo, la settimana scorsa potrebbe essere sembrata non movimentata per GBP / USD. Il prezzo ha chiuso la settimana relativamente invariato. Ma questo dice solo una parte di come stanno le cose. Il tasso di cambio si è abbassato per iniziare il nuovo mese di negoziazione a causa delle preoccupazioni sorte intorno ai mercati emergenti, creando uno scambio urgente per la sicurezza che ha favorito il dollaro USA. Questo spostamento si è dimostrato fugace e quando i trader negli Stati Uniti sono tornati dalla festa del lavoro, quelle preoccupazioni dissipate hanno contribuito a sostenere un rally GBP / USD. Poi, è arrivata l’ondata di notizie sulla Brexit, che ha contribuito a due picchi di breve durata nella valuta.

Infine, Sterling ha trovato una resistenza superiore a 1,3000 che ha tenuto la coppia. Ora che il punto è di nuovo sopra 1,3000 per iniziare questa settimana, non è chiaro se i tori stanno per superare la resistenza o se questa è la calma prima di un’altra svendita. Ma ciò che sta diventando sempre più probabile è il prossimo rally o break nella coppia in grado di catturare la trazione.

I futures della sterlina britannica rappresentano una delle più grandi settimane del volume dell’anno. Il volume è un indicatore importante del prezzo. Il volume pesante di solito contribuisce a sostenere le tendenze dei prezzi. Significa che più partecipanti al mercato sono coinvolti nell’impostazione del prezzo di equilibrio. E quell’interesse può tradursi in grandi mosse.

L’ultima volta che i futures della Sterlina Inglese hanno sperimentato un picco di volume altrettanto intenso è stata la settimana del 9 luglio, un giorno in cui la Sterlina si è chiusa intorno a 1,3250. Nel corso del mese successivo, i prezzi sono diminuiti del 4% fino a un minimo inferiore a 1.2700. Anche il volume dei futures è aumentato a fine aprile quando GBP / USD è caduto in calo da 1.4400 a 1.3250. E in entrambi i casi, un aumento del volume ha proceduto con le mosse. Tuttavia, un picco della partecipazione non si traduce necessariamente in un impegno per una tendenza specifica.

GBP / USD, decisione su Brexit arriva a Novembre?

Sembra un fatto strano che il capo negoziatore della Brexit per l’Unione europea, Michel Barnier, venga allo scoperto con commenti a sostegno della sterlina. Almeno finché qualcosa non arriva a cortocircuitare le sue osservazioni. Il recente ottimismo di Barnier è stato palpabile. Ha suggerito che i timori di una Brexit dura non si avverino, notando al Parlamento del Regno Unito che l’UE è disposta a scendere a compromessi.

Allo stesso tempo, ha colpito di nuovo un tono ottimista questa settimana notando che l’UE e il Regno Unito dovrebbero essere in grado di prendere un accordo all’inizio di novembre. A quel punto l’accordo andrebbe a entrambi i parlamenti britannico ed europeo. Tutto ciò manterrebbe la Brexit pianificata in seguito all’invocazione dell’articolo 50. Sebbene tale processo di approvazione non sia impeccabile, sembra essere più cordiale di quanto non fosse un anno fa. E questa è una buona notizia quando si tratta della Banca di Inghilterra.

La Brexit è un fardello incerto per l’economia del Regno Unito, e rende difficile ogni rapida decisione della BoE su un percorso di normalizzazione dei tassi di interesse. Se qualche indicazione viene fatta durante la riunione della BoE di questa settimana – per esempio se gli aumenti sembrano essere meno “graduali” o “limitati” di quanto si pensi attualmente – la sterlina dovrebbe trarne beneficio.

GBP / USD, trader puntano a futures short su sterlina inglese

Oltre alle notizie fondamentali, i tecnici sembrano schierarsi per un rally della sterlina inglese. A sostegno di ciò, l’ultimo CFTC Commitment of Traders Report (CoT) mostra che i grandi speculatori puntano ai futures a breve termine della sterlina britannica, con posizioni prossime agli ultimi estremi. I grandi speculatori possiedono 69.613 contratti netti shorts.

Il posizionamento recente mostra il più grande posizionamento short net dall’inizio di maggio. Il posizionamento tende ad essere un indicatore contrarian, in particolare quando è agli estremi. Ad esempio, grandi speculatori sono andati al netto long sulle sterline inglesi a fine aprile, proprio nella parte superiore del mercato.

Al contrario, lo stesso gruppo è atterrato su una pesante posizione corta netta lo scorso settembre quando i prezzi hanno toccato il fondo. Con così tanta esposizione netta a breve, potrebbe rivelarsi difficile attirare un interesse più ribassista per sostenere un’altra tappa della ritirata GBP / USD. Una strategia preferita è quella di aspettare fino a una chiara rottura prima di entrare in qualsiasi posizione.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY