GBP / USD, sterlina rischia crollo se Brexit non passa

Il pregiudizio all’acquisto attorno alla sterlina rimane buono e suona così lontano oggi nonostante la coppia GBP / USD si sia ritirata dai massimi di più settimane intorno a 1,2930.

Cable sta guadagnando terreno per la terza sessione consecutiva di martedì, sempre sul retro di un rinnovato ottimismo scatenato dopo le voci di uno scenario no Brexit e una potenziale estensione dell’articolo 50. Pertanto, l’azione sui prezzi intorno alla sterlina britannica dovrebbe rimanere volatile e seguire i titoli in vista del voto cruciale alla Camera dei Comuni nella serata europea.

Il consenso tra gli investitori, nel frattempo, vede il piano di maggio essere respinto oggi, anche se ora l’attenzione si è spostata sulle “dimensioni” del PM maggio la sconfitta. Una “piccola” differenza di voti potrebbe aggiungere ulteriore supporto alla sterlina piuttosto che una sconfitta con un margine più ampio.

Tutto sommato, una sconfitta oggi non dovrebbe fare altro che aumentare la già alta incertezza attorno al risultato finale (se quel giorno arriverà mai). Livelli di GBP / USD da considerare Come scrivere, la coppia è in rialzo dello 0.19% a 1.2885 di fronte al prossimo ostacolo 1.2930 (2019 alta gen.14) distaccato da 1.3072 (massimo 16 novembre 2018) e poi 1.3119 (200 giorni SMA).

D’altra parte, una violazione di 1.2819 (minimo gennaio 14) esporrà 1.2774 (55 giorni SMA) e infine 1.2699 (21 giorni SMA).

Piattaforme per fare trading sul cambio Sterlina – Dollaro (GBP-USD)

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
plus500CFD trading su BitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>
xmConti Zero spreadGuide e tutorialPROVA>>
etoroSocial trading
66% dei trader perde soldi
Trading Bitcoin, criptovalutePROVA>>

GBP / USD rischia di crollare con un probabile rifiuto dell’affare Brexit

Martedì sera, il Parlamento del Regno Unito voterà l’accordo Brexit del Primo Ministro Theresa May. La proposta ha suscitato molte critiche da entrambi i lati del corridoio e probabilmente sarà respinta. Dal momento che il Regno Unito ha votato per lasciare l’UE, la sterlina britannica ha tagliato il 13% del suo valore rispetto al dollaro USA, mentre gli investitori e i responsabili politici cercano di capire dove si dirigono i negoziati.

Se l’accordo proposto da May venisse respinto in parlamento, dovrà presentare un cosiddetto “piano B” entro tre giorni.

C’è anche la possibilità – sebbene la legalità sia ancora oggetto di discussione – che il Parlamento possa teoricamente cogliere il processo dal governo e delegare a un consiglio di alti parlamentari.

Questo tipo di mossa politica senza precedenti in mezzo al caos che è già in corso probabilmente esacerberebbe la volatilità nella sterlina britannica. Dal mese di maggio, maggio è sopravvissuto a un voto di sfiducia, la legge britannica stabilisce che non può essere sfidata come PM per un anno da lei proprio partito.

Tuttavia, non è protetta da un voto di sfiducia che Jeremy Corbyn – capo del Partito laburista e leader dell’opposizione – stia considerando di iniziare se l’accordo viene respinto. Se la maggioranza dei parlamentari votasse contro il governo del PM, al Partito laburista verrebbero assegnati due settimane per raccogliere un sostegno sufficiente ad acquisire la maggioranza in parlamento senza innescare un’altra elezione.

Ancora, se Corbyn non riesce a ottenere la maggioranza e forma un nuovo governo, un l’elezione sarà attivata e probabilmente aggraverà le complicazioni del già tumultuoso affare. C’è anche la possibilità che il Regno Unito possa estendere l’articolo 50, una legge che garantisce il diritto di ogni Stato membro dell’UE di uscire dall’Unione entro un periodo di due anni.

Infine, una proroga potrebbe essere concessa solo se il Consiglio europeo è d’accordo all’unanimità, e al momento i capi di Stato dell’UE sono contrari all’idea. I tempi sarebbero anche difficili considerando le imminenti elezioni parlamentari dell’UE in primavera. Un altro possibile risultato – sebbene non molto probabile – si può tenere un secondo referendum per consentire agli elettori un’altra possibilità di invertire o affermare la loro decisione di divorziare dall’UE nel 2016.

Indipendentemente dal risultato, molti decisori politici concordano sul fatto che un Brexit no-deal dovrebbe essere evitato a tutti i costi. Gli impatti economici e politici sono quasi insondabili. La sterlina britannica in questo scenario quasi certamente cadrà più di quanto fatto nel 2016.

Anche i potenziali disordini sociali sono di grande preoccupazione. Il Segretario alla Difesa Gavin Williamson ha parlato con i parlamentari e li ha informati che il personale militare sarebbe disponibile a sedare qualsiasi rivolta in caso di esito negativo. Un tale intervento e un segno di instabilità probabilmente alimenteranno la fuga di capitali lontano dalla sterlina.

Gli operatori con esposizione alla sterlina britannica stanno trattenendo il respiro in attesa della decisione del parlamento. Alla vigilia del voto, a meno che non ci siano titoli in anticipo, la Sterlina potrebbe non avere mosse significative fino a dopo la decisione.

GBP / USD dalla metà di fine settembre non è stato in grado di superare la resistenza nonostante gli sforzi di ottobre, Novembre e ora gennaio. Non è probabile che la coppia raggiungerà 1,2938 o romperà sopra la resistenza data l’incertezza che circonda la pluralità di risultati da questo voto. È più probabile che vediamo la coppia testare 1.2705-1.2655.

La previsione per questo particolare evento è difficile, tuttavia, a causa dell’entità della decisione in corso e delle varie possibilità in cui i negoziati potrebbero andare.

Le attività legate al sentiment come la Nuova Zelanda e il Dollaro australiano potrebbero cadere se la decisione viene respinta, nonostante l’anticipazione. Dall’altra parte dello spettro di rischio, potremmo vedere un aumento di attività anti-rischio riguardanti lo Yen giapponese, il Franco Svizzero e il dollaro USA.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY