GBP / USD, giorni cruciali per la Sterlina in chiave Brexit

La coppia GBP / USD ha seguito un’azione di prezzo simile a EUR / USD. Tuttavia, la mossa al ribasso sofferta dalla sterlina britannica è stata inferiore rispetto a quella dell’euro. Dato che la prudenza a causa dei procedimenti Brexit ha limitato l’attività di negoziazione in modo significativo.

A causa della mancanza di solidi progressi nel fronte Brexit, la coppia che ha aperto per la settimana con un gap up move sopra l’handle di 1.32 ha perso bruscamente tutte le chance sotto 1.3100. Il ribasso è stato ulteriormente aggravato dalla forza dell’USD nel vasto mercato all’inizio di questa settimana, poiché i tori dell’USD sono stati sostenuti da un picco dei rendimenti dei titoli del Tesoro USA a lungo termine e dall’aumento dei dati macro americani.

Inoltre, i colloqui tra i rappresentanti UE-Regno Unito durante martedì e mercoledì si sono conclusi senza che nessuna delle parti giungesse ad alcun tipo di accordo sulle questioni chiave. Vale a dire, l’accordo irlandese che ha ostacolato i progressi relativi all’accordo Brexit nella Camera dei comuni britannica.

Tuttavia, la contrazione ribassista delle azioni statunitensi di Wall Street, il calo dei titoli a reddito USA e i dati sull’occupazione non agricola USA peggiori delle attese, hanno contribuito a indebolire l’USD nel vasto mercato. Facendo sì che la coppia guadagnasse un po ‘di respiro temporaneo.

Mentre GBP non ha alcun fattore a sostegno del rally di ripresa, l’azione dei prezzi influenzata dalla debolezza del dollaro ha aiutato la coppia a recuperare al di sopra dell’1,31 nelle ore del mercato Asia-Pacifico che la coppia ha negoziato in maniera consolidata. Al momento della scrittura, la coppia GBP / USD è scambiata a 1,3171 in rialzo dello 0,01% il giorno.

Andando avanti, gli investitori sono concentrati e attendono l’imminente riunione del parlamento del Regno Unito, prevista per il 12 marzo 2019. Che ora è l’ultima possibilità che i legislatori debbano evitare un’uscita dal nulla e tentare di estendere la scadenza dell’articolo 50 o spingere per la seconda Brexit referendum come la scadenza per la Brexit come da attuale accordo si avvicina rapidamente al 29 marzo 2019.

Nel frattempo, nell’immediato futuro, in vista della sessione del parlamento britannico, l’attenzione degli investitori si concentra sull’esito dei dati macro per pregiudizi direzionali a breve termine e opportunità di profitto. In assenza di titoli di grande impatto e procedimenti relativi alla Brexit, la forza dell’USD nel mercato generale è probabile che determini la dinamica dei prezzi della coppia.

Oggi, in vista del rilascio, il calendario economico del Regno Unito rimane in silenzio mentre il calendario macro degli Stati Uniti vedrà il rilascio dei dati sui reclami senza lavoro iniziali, i dati sulla produttività non agricola del Q4 e l’aggiornamento dei costi unitari del lavoro. Un esito positivo dei dati macro americani porterà a spingere la coppia indietro sotto la maniglia di 1.3100. Il supporto e la resistenza previsti per la coppia sono rispettivamente di 1.3100, 1.3050 e 1.3190, 1.3220.

Broker affidabili per fare trading sul cambio Sterlina Dollaro

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
plus500Trading bitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>
xmConti Zero spreadGuide e tutorialPROVA>>
etoroSocial trading
66% dei trader perde soldi
Trading Bitcoin, criptovalutePROVA>>

GBP / USD, per Brexit prossimi giorni decisivi

Questa settimana il Parlamento del Regno Unito voterà una serie di Brexit Bills che decideranno le relazioni future a breve e lungo termine tra il Regno Unito e l’UE. Martedì, l’attuale Brexit Bill del PM May viene ripresentato alla Camera e rischia di essere respinto di nuovo, anche se il margine sarà inferiore alla considerevole sconfitta di 230 voti a metà gennaio.

Se questo è il caso, mercoledì l’Assemblea voterà se un No Deal Brexit dovrebbe essere lasciato sul tavolo dei negoziati, aprendo la strada al voto di estensione dell’articolo 50 giovedì. Allo stato attuale, l’UE non è disposta a modificare alcuna parte dell’Accordo di revoca, in particolare il backstop irlandese, sebbene entrambe le parti continueranno i colloqui nel fine settimana, poiché entrambe le parti si sforzano di evitare una Brexit no deal potenzialmente rovinosa.

Mentre nulla è cambiato mentre scriviamo, a quest’ora la prossima settimana ci sarà maggiore chiarezza su questa saga di lunga data.Il calendario dei dati economici nazionali è dominato da una serie di comunicati martedì, inclusi i dati sulla bilancia commerciale e numeri di produzione industriale e manifatturiera . Mentre questi rimangono importanti, il voto sulla Brexit domina domina le opinioni del mercato.

L’indice GBPUSD è diminuito nel corso della settimana, ma rimane resiliente a mosse più ampie. Parte della debolezza della coppia è ridotta alla forza del dollaro USA, ma questo potrebbe svanire dopo i dati NFP di oggi che hanno mancato le aspettative con un ampio margine, anche se i dati sulle retribuzioni degli Stati Uniti sono rimasti robusti.

La coppia sembra intrappolata tra due livelli di ritracciamento di Fibonacci a 1.2894 (23,6%) e 1,3177 (38,2%), sebbene un ulteriore supporto si veda intorno a 1,2935, dove il rialzo rialzista incontra la media mobile a 200 giorni. La volatilità di una settimana è aumentata durante la settimana – per tenere conto dei voti della prossima settimana – e potrebbe rimanere elevata mentre ci dirigiamo verso il 29 marzo.

GBP / USD, Usa e Cina non possono rompere i propri rapporti per questi motivi

È facile vendere semi di soia in Cina. I cinesi sono voraci consumatori delle materie prime del mondo. Fino al 2018, i carichi di soia provenienti dal Midwest americano sono stati trasmessi agli impianti di trasformazione che costellano la costa cinese. Quindi non c’è motivo di applaudire alla notizia che il governo cinese si è offerto di garantire grandi acquisti di soia americana come parte di un potenziale accordo commerciale con gli Stati Uniti che l’amministrazione Trump sta spingendo a completare entro la fine di marzo o l’inizio di aprile.

E’ un segnale preoccupante che l’amministrazione possa accontentarsi di una vittoria effimera a scapito degli interessi economici a lungo termine dell’America. Il presidente Trump, imponendo tariffe sulle importazioni cinesi, ha creato un’opportunità per migliorare le relazioni economiche dell’America con la Cina. È una possibilità che potrebbe non venire di nuovo.

L’economia americana è forte, mentre l’economia cinese sta vacillando. La Cina ha ancora bisogno delle tecnologie americane. E nonostante l’avversione di Trump per il multilateralismo, gran parte del resto del mondo condivide le sue preoccupazioni riguardo alle politiche economiche e alle pratiche commerciali della Cina. La sua decisione di fare da solo, piuttosto che fare causa comune con alleati di vecchia data, fu sconsigliata, e la sua tetta -per-tat guerra commerciale ha causato un dolore significativo per molti americani.

Gli agricoltori e altri esportatori americani hanno perso l’accesso a un mercato importante; i consumatori stanno pagando prezzi più alti su una vasta gamma di beni. Ma Trump ha ragione nel sostenere che la Cina si è impegnata in una concorrenza sleale. La domanda è se può ottenere concessioni significative.

La misura corretta di ogni accordo è se raggiunge lo scopo dichiarato di Trump nell’iniziare questa guerra commerciale: persuadere la Cina a frenare l’uso di sussidi statali, regolamenti e vari tipi di interferenze informali che limitano la capacità delle aziende americane di vendere beni e servizi in Cina e aiutare le società cinesi a vendere beni negli Stati Uniti.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY