GBP / USD, la corsa toro subito frenata da Bce e FOMC

La coppia GBP / USD scende sotto i minimi di due settimane nei mercati di Londra di venerdì, vicino a 1,3250 dopo l’intenso calo di giovedì. La sterlina è salita giovedì, salendo a 1,3446 dopo le vendite al dettaglio migliori del previsto per il Regno Unito, ma la corsa toro è stata di breve durata a seguito di una rappresentazione accomodante da parte di Mario Draghi della Banca centrale europea, che ha respinto le aspettative di un rialzo dei tassi per l’UE nel 2019.

I mercati si sono ritirati alla notizia, invertendo i flussi di rischio e portando fuori i trader che si ammucchiavano nel Greenback. Il sell-off esteso alla sessione USA, con i dati economici per gli Stati Uniti che battono ampiamente le aspettative, spingendo ulteriormente l’USD verso i mercati più ampi, e la sterlina sta andando verso la fine della settimana.

Il venerdì è secco per la GBP, e L’USD vede la produzione industriale di medio livello a maggio alle 13:15 GMT (previsione dello 0,2%, prec. 0,7%) e il Baker Hughes Oil Rig Count alle 17:00 GMT. Che per ultime è arrivato a 852 che potrebbe influire sulle fluttuazioni petrolifere fuori dalla settimana.

Questo venerdì sarà una sessione amara per la Sterling, che si trova costretta a tentare di uscire fuori da una buca che è comparsa dal nulla, e come ha notato Denis Joeli Fatiaki nella sua analisi GBP / USD, “la Sterlina contro il dollaro USA ha avuto lo stesso destino dell’euro durante la sessione europea dopo la decisione della BCE di rallentare il QE a settembre e porre fine ad esso a dicembre. La sterlina è scesa da 1,34466 e ha trafittosei punti di supporto principali prima di trovare un sollievo temporaneo al supporto di 1,32.567.

Ora è scambiata a 1,3229, e sarà necessario mantenersi sopra questo livello per qualsiasi possibilità di iniziare il recupero. Il mancato raggiungimento a 1,32505 potrebbe vedere i prezzi scendere ulteriormente”.

USD / GBP, la Brexit potrebbe essere più dura del previsto

Theresa May potrebbe rivendicare la sua prima vittoria in un lungo periodo, poiché parti del disegno di legge sul ritiro della Brexit sono state votate dal Parlamento del Regno Unito, e diversi conservatori hanno deciso di accettare il punto di vista del governo. I deputati hanno votato per invertire l’emendamento dei Lords che rimuove il giorno dell’uscita dal disegno di legge.

Il che significa che il 29 marzo 2019 è di nuovo confermato il giorno dell’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea dopo che il governo ha fatto “un sacco” di concessioni secondo un parlamentare. I Commons stanno prendendo in considerazione emendamenti imposti dai Lords, e la chiave è l’emendamento 19, quello che garantisce un voto finale significativo sull’accordo Brexit ai parlamentari. Il governo è anche riuscito a bloccare l’emendamento del voto significativo, che avrebbe significato una Brexit più morbida.

In questo scenario, il governo mantiene il pieno controllo dei risultati della Brexit, ma potrebbe anche significare un’uscita più dura. La coppia GBP / USD che ha superato i 50 pips con il voto iniziale, ha pareggiato i guadagni e si è stabilizzata di alcuni punti sopra 1,3400, ora gli investitori sono considerando quale peserà di più. Tecnicamente, la coppia non è ancora in grado di postare una posizione rialzista, appena al di sopra di una SMA ribassista e con indicatori tecnici che si dirigono più in alto nei livelli neutri senza abbastanza forza.

La coppia avrebbe effettivamente bisogno di rompere sopra la soglia 1.3450 per raccogliere ulteriore slancio ed estendere la sua avanzata. Il lato negativo, al contrario, sembra al momento ben limitato.

GBP / USD, il flop della sterlina mercoledì

La sterlina britannica è andata leggermente in pezzi durante la sessione di negoziazione di mercoledì, raggiungendo il livello di 1.33 sotto, che in precedenza era la resistenza. Credo che il mercato causerà un po’ di volatilità nelle prossime 24 ore, specialmente con la riunione del FOMC alla fine della sessione di mercoledì, e a questo punto penso che sia probabile che otterremo qualche tipo di importante reazione.

Una rottura al di sotto del livello 1.32 sarebbe molto negativa e potrebbe inviare a questo punto l’inoltro di questo mercato. A ciò bisogna aggiungere le dichiarazioni “aggressive” del FOMC, che ricordiamo essere il Federal Open Market Committee. Commento di Ferridge: “Come ampiamente previsto, oggi il FOMC ha alzato i tassi di interesse di 25 punti base. Tuttavia, cosa probabilmente ancora più importante, ha espresso la sua volontà di intraprendere una linea più aggressiva, aggiungendo un quarto aumento dei tassi di interesse per l’anno in corso al suo outlook per il 2018. Lee Ferridge, responsabile Multi-Asset Strategy per le Americhe di State Street Global Markets, ha così commentato la relazione del FOMC:

Come ampiamente previsto, oggi il FOMC ha alzato i tassi di interesse di 25 punti base. Tuttavia, cosa probabilmente ancora più importante, ha espresso la sua volontà di intraprendere una linea più aggressiva, aggiungendo un quarto aumento dei tassi di interesse per l’anno in corso al suo outlook per il 2018 (…) È probabile che questa decisione aggravi la situazione delle valute dei mercati emergenti. Potrebbe inoltre offrire al dollaro un nuovo impulso rispetto alle sue controparti del G3, in quanto nelle prossime settimane i differenziali dei tassi di interesse a breve termine potrebbero ampliarsi ulteriormente, soprattutto qualora la BCE non fornisca ulteriori dettagli sulla fine del suo programma di quantitative easing in occasione del meeting di giovedì”.

Antoine Lesné, responsabile strategia e ricerca EMEA di SPDR ETFs: “Non sorprende che oggi il FOMC abbia alzato i tassi di interesse di 25 punti base. Ma la vera sorpresa è rappresentata dal “dot plot” che indicava un potenziale quarto rialzo dei tassi per il 2018, in contrapposizione con le recenti guidance del FOMC. Questo potrebbe causare un’ulteriore appiattimento della curva dei rendimenti del mercato obbligazionario, ma non segnerebbe necessariamente la fine imminente del ciclo (economico)”.

Dunque, l’uscita del FOMC ha rafforzato il Dollaro e portato il cambio GBP / USD su livelli leggermente Bearish.

GBP / USD, cos’è FOMC e perché importante

Il Federal Open Market Committee (FOMC), un comitato all’interno del Federal Reserve System (la Fed), è preposto ai sensi della legge degli Stati Uniti di sorvegliare le operazioni del mercato aperto della nazione (ad esempio, l’acquisto e la vendita da parte della Fed di titoli del Tesoro degli Stati Uniti).

Questo comitato della Federal Reserve prende decisioni chiave in merito ai tassi di interesse e alla crescita dell’offerta di moneta degli Stati Uniti. Il FOMC è l’organo principale della politica monetaria nazionale degli Stati Uniti. Il Comitato definisce la politica monetaria specificando l’obiettivo a breve termine per le operazioni di mercato aperto della Fed, che di solito è un livello obiettivo per il tasso dei fondi federali (il tasso che le banche commerciali si applicano tra loro per i prestiti overnight).

Il FOMC dirige anche le operazioni intraprese dal Federal Reserve System nei mercati valutari, sebbene qualsiasi intervento sui mercati valutari sia coordinato con il Tesoro degli Stati Uniti, che ha la responsabilità di formulare le politiche statunitensi in merito al valore di scambio del dollaro.

Il Comitato è composto dai sette membri del Federal Reserve Board, dal presidente della Fed di New York e da quattro degli altri undici presidenti regionali della Federal Reserve Bank, con un mandato di un anno. Il Federal Open Market Committee fu formato dal Banking Act del 1933, e non includeva i diritti di voto per il Consiglio dei Governatori della Federal Reserve.

Il Banking Act del 1935 revisionò questo protocollo per includere il Board of Governors e assomigliare strettamente all’attuale FOMC, e fu modificato nel 1942 per dare l’attuale struttura a dodici membri votanti. Quattro dei presidenti della Federal Reserve Bank assumono il ruolo di presidente a rotazione. I posti rotanti sono riempiti dai seguenti quattro gruppi di banche, un presidente di banca di ciascun gruppo: Boston, Filadelfia e Richmond; Cleveland e Chicago; Atlanta, St. Louis e Dallas; e Minneapolis, Kansas City e San Francisco. Il Presidente di New York ha sempre diritto al voto.

Tutti i presidenti della Reserve Bank, anche quelli che attualmente non votano membri del FOMC, partecipano alle riunioni del Comitato, partecipano alle discussioni e contribuiscono alla valutazione del Comitato sull’economia e sulle opzioni politiche. Il comitato si riunisce otto volte l’anno, circa una volta ogni sei settimane.

Prima di ogni riunione regolarmente programmata del FOMC, il personale del Sistema prepara relazioni scritte sugli sviluppi economici e finanziari passati e futuri che vengono inviati ai membri del Comitato e ai presidenti di banca non membro della Banca. Vengono inoltre distribuiti i rapporti preparati dal Manager of the System Open Market Accounts ulle operazioni nel mercato aperto nazionale e in valuta estera dall’ultima riunione ordinaria.

Alla riunione stessa, i funzionari del personale presentano relazioni orali sulla situazione attuale e prospettica, sulle condizioni nei mercati finanziari e sugli sviluppi finanziari internazionali. Nelle sue discussioni, il Comitato prende in considerazione fattori quali l’andamento dei prezzi e delle retribuzioni, l’occupazione e la produzione, entrate e uscite dei consumatori, edilizia residenziale e commerciale, investimenti e scorte commerciali, mercati dei cambi, tassi di interesse, aggregati monetari e creditizi e politica fiscale. Il Manager of the System Open Market Account riferisce anche sulle transazioni del conto dall’incontro precedente.

Dopo questi rapporti, i membri del Comitato e gli altri presidenti della Reserve Bank si rivolgono alla politica. In genere, ogni partecipante esprime le proprie opinioni sullo stato dell’economia e le prospettive per il futuro e sulla direzione appropriata per la politica monetaria. Quindi ognuno fa una raccomandazione più esplicita sulla politica per il prossimo periodo di intermediazione (e per il lungo periodo, se preso in considerazione).

Infine, il Comitato deve raggiungere un consenso in merito al corso appropriato per la politica, che è incorporato in una direttiva alla Federal Reserve Bank di New York, la Banca che esegue le transazioni per il Sistema di mercato aperto. La direttiva è formulata in termini destinati a fornire indicazioni al Gestore nella conduzione delle operazioni quotidiane di mercato aperto.

La direttiva stabilisce gli obiettivi del Comitato per la crescita di lungo periodo di alcuni aggregati monetari e creditizi chiave. Stabilisce inoltre linee guida operative per il grado di facilità o di restrizione da ricercare nelle condizioni e aspettative di riserva per quanto riguarda il breve termine tassi di crescita degli aggregati monetari. La politica è implementata con enfasi sulla fornitura di riserve in modo coerente con questi obiettivi e con gli obiettivi economici più ampi della nazione.

Ai sensi del Federal Reserve Act, il Presidente del Board of Governors del Federal Reserve System deve comparire prima delle udienze del Congresso almeno due volte all’anno in merito a “gli sforzi, le attività, gli obiettivi e i piani del Board e del Federal Open Market Committee nella conduzione della politica monetaria”. Lo statuto richiede che il Presidente si presenti dinanzi al Comitato della Camera sui Servizi Finanziari in febbraio e luglio di anni dispari, e davanti alla Commissione del Senato su Banche, Alloggi e Affari Urbani nei mesi di febbraio e luglio di anni pari.

La pratica del comitato sul tasso di interesse è stata criticata da alcuni commentatori che sostengono che potrebbe rischiare un pregiudizio inflazionistico. Regole alternative possibili che godono di un certo sostegno tra gli economisti includono la tradizionale formula monetarista che punta a una crescita stabile in un aggregato monetario opportunamente scelto e all’inflazione targeting, ora praticato da molte banche centrali.

Sotto la pressione inflazionistica del 1979, la Fed abbandonò temporaneamente il tasso di interesse mirato a concentrarsi sulle riserve non prese in prestito. Ha concluso, tuttavia, che questo approccio ha portato a una maggiore volatilità dei tassi di interesse e della crescita monetaria e si è invertito nel 1982. L’ex presidente della Fed Ben Bernanke ha parlato con simpatia di Governatore nel 2003 del targeting per inflazione approccio. Ha spiegato che anche una banca centrale come la Fed, che non orienta le sue politiche monetarie attorno a un obiettivo di inflazione esplicito pubblicato, tiene comunque conto del suo obiettivo di un’inflazione bassa e stabile nel formulare i suoi obiettivi di tasso di interesse.

Bernanke ha riassunto la sua valutazione complessiva del targeting per inflazione come segue:

Il targeting dell’inflazione, almeno nella sua forma migliore, consiste di due parti: un quadro politico di discrezionalità ristretta e una strategia di comunicazione che tenta di focalizzare le aspettative e spiegare il quadro politico a il pubblico. Insieme, questi due elementi promuovono sia la stabilità dei prezzi sia aspettative di inflazione ben ancorate; quest’ultimo a sua volta facilita una stabilizzazione più efficace della produzione e dell’occupazione. Pertanto, una strategia ben concepita e ben eseguita di targeting per inflazione può fornire buoni risultati in termini di produzione e occupazione e inflazione. Sebbene la comunicazione svolga diversi ruoli importanti nel targeting dell’inflazione, forse il più importante è focalizzare e ancorare le aspettative. Chiaramente ci sono dei limiti a ciò che i discorsi possono ottenere; in definitiva, il discorso deve essere sostenuto dall’azione, sotto forma di politiche di successo. Allo stesso modo, per una banca centrale di successo e credibile come la Federal Reserve, i benefici immediati dell’adozione di una strategia di comunicazione più esplicita possono essere modesti. Ciononostante, rendere ora l’investimento più trasparente sugli obiettivi, i piani e le valutazioni dell’economia della banca centrale potrebbe pagare dividendi crescenti in futuro”.

In linea con il suo discorso del 2003 come Governatore, Bernanke come Presidente ha tentato di promuovere una maggiore trasparenza nelle comunicazioni della Fed. La Fed ora indica pubblicamente l’intervallo entro il quale si auspica l’inflazione futura.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY