GBP / USD, gli eventi che caratterizzeranno questa settimana

La coppia valutaria GBP / USD è scambiata a 1,2930 in vista di una sessione di mercato a Londra che vede dati limitati per la GBP con una pubblicazione chiave dei dati negli USA per oggi. I trader terranno d’occhio la Bank of England (BoE) giovedì, quando la banca centrale del Regno Unito prevede che i partecipanti al mercato subiscano un aumento dei tassi di interesse di 25 pb, ma i dati economici deludenti per il Regno Unito hanno recentemente lasciato la possibilità di un rialzo dei tassi in territorio sconosciuto.

La sterlina si sta attualmente inclinando verso il lato rialzista nell’azione infragiornaliera, ma la limitazione dei modelli a partire da massimi inferiori e minimi più alti sta mantenendo la coppia principale intrappolata nel mezzo. Mentre come detto i trader della GBP attendono il prossimo giovedì la BoE.

GBP / USD, cosa è successo in queste ore

La sterlina britannica ha registrato guadagni nella sessione di lunedì. Nel commercio nordamericano, la coppia è scambiata a 1,3136, in rialzo dello 0,24% sul giorno. Sul fronte del rilascio, i prestiti netti britannici alle persone sono migliorati a 5,4 miliardi di sterline, superando la stima di 5,3 miliardi di sterline. Nel corso della giornata, la fiducia dei consumatori britannici GfK dovrebbe pubblicare una seconda lettura diretta di -9 punti. Negli Stati Uniti, le vendite domestiche pendenti hanno registrato un forte guadagno dello 0,9%, rimbalzando dopo due flessioni consecutive. Questo ha battuto facilmente la stima dello 0,4%. Martedì, gli Stati Uniti pubblicano gli indicatori di spesa e inflazione dei consumatori, così come la fiducia dei consumatori CB.

La sterlina non ha fatto molto rumore nelle ultime settimane, ma potrebbe cambiare in seguito nella settimana. Giovedì, la Bank of England stabilirà il tasso di riferimento, e i mercati si aspettano un aumento di 25 punti, che porterebbe il tasso allo 0,75%. I responsabili delle politiche della BoE sono divisi sui tempi dell’escursione, l’economia sta venendo fuori da un leggero primo trimestre e la crescita dei salari è stata debole, entrambe le ragioni per evitare un aumento. I fautori di un aumento di tasso indicano il mercato del lavoro ristretto e un alto tasso di partecipazione al lavoro.

La Brexit è un altro fattore, poiché lo stato confuso dei negoziati con l’UE potrebbe portare a una “dura Brexit” (nessun accordo con l’UE) che potrebbe penalizzare l’economia. Potrebbe essere una settimana intensa per la sterlina in vista della riunione dei tassi. L’economia degli Stati Uniti continua a brillare, e il PIL anticipato di venerdì per il secondo trimestre lo ha riflesso, con un guadagno eccellente del 4,1%. Questo è molto più alto del guadagno del 2,2% registrato nel primo trimestre. Questa lettura era nelle aspettative del mercato, quindi il dollaro non è stato in grado di guadagnare terreno.

I forti numeri economici hanno mantenuto la valuta degli Stati Uniti ad alti livelli, nonostante le recenti osservazioni del presidente Trump che il dollaro è troppo alto e sta ostacolando le esportazioni. Questi commenti hanno pesato sul dollaro, ma di solito solo per un breve periodo, poiché le prestazioni dell’economia hanno parlato più forte dei tweet di Trump.

Venerdì, Trump ha preso credito per la forte lettura del PIL e ha affermato che “questi numeri sono molto, molto sostenibili”. Tuttavia, gli analisti sono più prudenti nelle loro previsioni, con una crescita nel terzo trimestre che dovrebbe scendere a circa il 2,5%.

GBP / USD, le previsioni di UOB

La posizione a breve termine di Cable continua a puntare a una continuazione del tema del rangebound, suggerito da FX Strategist presso UOB Group.

Previsione 24 ore: “GBP ha registrato un intervallo di 1,3097 / 1,3151 ieri, più stretto del nostro previsto intervallo di consolidamento 1,3080 / 1,3150. Il sottotono è leggermente migliorato e c’è spazio per GBP a superare la resistenza a 1,3150 ma il momentum poco brillante suggerisce che difficilmente la prossima resistenza a 1,3180 sarà sfidata. Il supporto è a 1.3100 seguito dal livello relativamente forte di 1.3080”.

Successive 1-3 settimane:” Non c’è molto da aggiungere visto che il GBP è stato scambiato entro un range stretto di 49 pips lo scorso venerdì, il range più stretto in 1 giorno in due mesi. Il consolidamento silenzioso non offre nuovi indizi e continuiamo a mantenere una posizione neutrale e ci aspettiamo che la GBP si muoverà lateralmente da qui, probabilmente entro un intervallo di 1.3010 / 1.3220″.

GBP / USD, gli eventi influenti di questi giorni per gli analisti di Nomura

Questa settimana è pregna di eventi importanti per il cambio. Nomura ne sottolinea alcuni:

1. “Prestiti delle famiglie britanniche: i numeri incoraggianti della finanza britannica mostrano un aumento degli impieghi netti su abitazioni, credito al consumo netto e approvazioni ipotecarie per l’acquisto di abitazioni a giugno. Di conseguenza, ci aspettiamo che questo si presenti in banca dei dati ufficiali dell’Inghilterra.”

2. “Indagini PMI del Regno Unito: l’indice di produzione principale è stato intorno al livello tra 54,0 e 54,5 negli ultimi tre mesi. Le preoccupazioni sul protezionismo, Brexit, Cina ecc. potrebbero avere un effetto negativo su questo indice combinate con una diminuzione dell’indice di attività economica dell’indagine sui servizi (prevediamo un calo da 55,1 a 54,5) che implicherebbe un calo dell’indice composito a circa 54,5. Il che significherebbe che rimane di circa mezzo punto sopra il suo H1 media.”

3. ” Decisione politica della Bank of England: ci aspettiamo che la Bank of England aumenti i tassi di interesse per la seconda volta questo ciclo di 25 punti base, supportato dai dati, a differenza della corsa fino ad agosto 2017 e riunioni politiche del maggio 2018 indice di sorpresa non è crollato in vista della prossima riunione. Anche l’attenzione delle previsioni della Banca pubblica sull’inflazione, come di consueto, sarà sulla stima dell’inflazione della Banca verso la fine dell’orizzonte (vale a dire da due a tre anni prima), ma anche sulle riflessioni della Banca sui tassi di interesse di equilibrio. Ricordiamo che, sulla base di una politica monetaria invariata, la Banca ha visto l’inflazione stabilizzarsi a poco più del 2,35% in due o tre anni.”

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY