GBP / USD, cambio intorno a 1.30 ma regna incertezza per Brexit

La coppia GBP / USD ritorna al livello tecnico di 1,3000 mentre il dollaro USA si sposta verso l’inizio di mercoledì, alimentato dai titoli rialzisti del rischio proveniente dal continente europeo. I titoli sulla Brexit continuano a dominare le preoccupazioni dei negoziatori Sterling e un flusso costante di inconcludenti che brandiscono le loro posizioni sulla Brexit hanno visto la fiducia nel Regno Unito continuare a calare costantemente.

Mentre spiragli di speranza per i negoziati commerciali di successo tra l’UE e il Regno Unito lasciano il posto a periodi di vendite difficili in quanto la Gran Bretagna non sembra più vicina a un’uscita praticabile dall’Unione ha annunciato che sarebbe stata disposta a ridurre il disavanzo federale di nuovo al di sotto del 2% nel 2021. E la più ampia area euro ha visto un breve rimbalzo nel sentiment del mercato, con i valori sia dell’euro che della sterlina leggermente più alti, e la sterlina è ora scambiata a un passo da 1.3000.

Il calendario economico è privo di dati significativi del Regno Unito per mercoledì, e i trader tengono d’occhio i titoli continui che coprono sia la Brexit che le tensioni politiche all’interno dell’Eurozona. E il rialzo di inizio mercoledì della Sterlina potrebbe ritrovarsi sbiadito man mano che la giornata si svolge.

La Sterlina potrebbe essere innescata per un’altra gamba in giù mentre gli indicatori tecnici hanno ricaricato le loro posizioni neutre, e come Valeria Bednarik di FXStreet ha notato: “Gli indicatori tecnici hanno corretto le letture di ipervenduto prima di perdere la forza direzionale all’interno delle letture negative, mentre il 20 SMA sta attraversando al di sotto del 200 EMA, che riflette la forza dei venditori. Ovviamente, la coppia è poco influenzata sulle letture tecniche e tutta su Brexit, con la direzione della coppia a seconda del tipo di Brexit che il mercato ritiene che avverrà”.

GBP / USD rimane correttivo al rialzo per Commerzbank

Secondo l’opinione di Karen Jones, responsabile dell’analisi tecnica della FICC presso Commerzbank, Cable rimane correttiva al ribasso nel breve termine.

Così commentano gli strateghi di Commerzbank: “GBP / USD rimane un downside correttivo a breve termine. Oggi ha ceduto il suo trend rialzista a 1.2949 a breve termine e sarà necessario mantenere la stabilità a breve termine. Attualmente i segnali tecnici sono in conflitto ma sospettiamo che dovrebbe contenere. Il fallimento qui punterà al minimo del 1,2785 del 5 settembre”. “Una mossa al di sopra del massimo della scorsa settimana a 1.3298 porterebbe a fuoco il 1.3363 di luglio. Una mossa al di sopra del massimo di 1,3363 luglio implicherebbe una fase correttiva più profonda alla media mobile di 1.3473 / 1.3514 di giugno e di 200 giorni”.

GBP / USD, UOB non esclude un test a 1.2900

Cable rimane vicino al termine neutro e potrebbe testare l’area di 1.2900 nelle prossime settimane, suggerisce FX Strategist presso UOB Group.

Prospettiva sulle 24 ore: “Le aspettative per il trading laterale ieri sono state errate in quanto la sterlina si è drasticamente ridotta e ha testato il maggiore supporto di 1.2940. Lo slancio verso il basso è diminuito con il successivo rapido rimbalzo dal minimo di 1.2941. Detto questo, non è escluso un calo inferiore a 1,2940, ma un calo sostenuto al di sotto di questo livello sembra altamente improbabile (il prossimo supporto è a 1,2900). La resistenza è a 1.3020 ma il livello più forte è più vicino a 1.3050 “.

Successive 1-3 settimane: “Abbiamo evidenziato ieri (02 ottobre, spot a 1.3040) che “mentre lo slancio verso il basso non è migliorato molto, il pregiudizio a breve termine è al ribasso anche se qualche debolezza in GBP potrebbe sforzarsi di battere 1.2940 “. Detto questo, non ci aspettiamo che l’1,2940 venga testato entro 24 ore dal momento che la GBP ha toccato un minimo di 1,2941 durante le ore di New York prima di rimbalzare rapidamente. Nonostante la ripresa, l’attuale debolezza non ha ancora mostrato segni di stabilizzazione e prevediamo che la GBP resterà sotto pressione nei prossimi giorni. Da qui, una chiara interruzione di 1,2940 suggerirebbe che GBP sia pronto per affrontare il prossimo supporto a 1,2900. A seconda dell’andamento dei prezzi nei prossimi giorni, una ricerca del prossimo supporto a 1.2860 non sarebbe esattamente sorprendente. Al rialzo, solo una rottura della “resistenza chiave” a 1,3080 (in precedenza a 1,3170) indicherebbe che GBP ha trovato un fondo a breve termine”.

GBP / USD recupera mentre Boris Johnson supporta la May

L’ex ministro degli Esteri britannico Boris Johnson ha invitato i suoi sostenitori a sostenere la PM Theresa May nel consegnare una Brexit corretta. Ha parlato ad un evento marginale alla conferenza annuale del partito conservatore. L’evento così atteso è stato progettato da Johnson per sfidare May sulla leadership del partito e del paese. Ecco una citazione chiave: “E così per un’ultima volta, esorto i nostri amici al governo a consegnare ciò che la gente ha votato, a sostenere Theresa May nel miglior modo possibile, con dolcezza, calma e sensibilmente appoggiando il suo piano originale. E così facendo credere nel conservatorismo e credere nella Gran Bretagna”.

Nel discorso precedente, Johnson ha criticato il governo per il piano di Checkers che implica il Regno Unito che rispetta le regole dell’UE in alcuni settori. Ha lasciato il governo a luglio per l’approvazione del programma, che da allora è stato respinto dall’UE. La coppia GBP / USD è scesa prima dell’evento e si è ripresa in seguito, scambiando intorno a 1,2980 al momento della scrittura dopo aver toccato un minimo di tre settimane di 1,2940 all’inizio della giornata. Il livello rotondo di 1,3000 incombe ancora sopra, seguito dalla resistenza a 1,3055.

Il supporto inferiore a 1,2940 è a 1,2840. La coppia GBP / USD era già in svantaggio nelle prime ore del giorno per quanto riguarda la Brexit e la stabilità del governo britannico. Anche il dollaro USA si sta muovendo su livelli più elevati su un sentimento di rischio, alimentato da preoccupazioni per l’Italia.

Piattaforme per fare trading sul cambio Sterlina – Dollaro

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY