GBP/USD, Brexit resta zavorra per Sterlina

La sterlina è leggermente in calo rispetto al dollaro USA questa mattina e attualmente scambia a $ 1,2928. Ieri il picco della sterlina è sceso di circa un centesimo rispetto al dollaro in relazione a un accordo raggiunto tra il Regno Unito e la Germania.

La sterlina ha recuperato circa la metà delle sue perdite settimanali da quando il rapporto è uscito ieri e questo ha continuato a sostenere la sterlina oggi. Le affermazioni, fatte da una fonte anonima e pubblicate da Bloomberg, hanno detto che i governi britannico e tedesco hanno abbandonato le richieste chiave nei negoziati Brexit, la Germania era presumibilmente pronta ad accettare un accordo meno dettagliato al fine di assicurarsi che un accordo sia raggiunto senza intoppi. Tuttavia, secondo Reuters, tali rapporti sono stati negati dai funzionari tedeschi.

Le notizie alimentavano le speranze del mercato che il Regno Unito e l’UE non si sarebbero affrettati a formulare un accordo dettagliato e potrebbero invece utilizzare il periodo transitorio Brexit per concretizzare le cose.

La domanda per il dollaro USA è rimasta solida alla luce della raccolta di turbolenze finanziarie globali – specialmente nei mercati emergenti – che ha aiutato a evitare ulteriori perdite contro la sterlina. I mercati si aspettano ancora che la Federal Reserve continui ad aumentare gradualmente i tassi di interesse statunitensi a causa di una forte prospettiva economica.

Oltre a ciò, persistenti nervosismi del commercio globale hanno mantenuto le valute di rifugio sicure come il dollaro USA ancora allettanti. Come gli sviluppi della Brexit e la domanda di rifugio sicuro sono stati il principale motore della sterlina al movimento del cambio del dollaro USA questa settimana, questi fattori rimarranno probabilmente influente nei prossimi giorni. Se ci sono altri sviluppi positivi nei negoziati Brexit, Sterling potrebbe vedere più di un rally di recupero.

È stata una settimana turbolenta riguardo i prezzi della sterlina britannica, e questo estende quello che è diventato un trascorso piuttosto pesante da quattro mesi per la valuta. Dopo essere arrivati nel 2018 con un’ondata di forza che è iniziata all’inizio dell’anno scorso, i prezzi hanno rappresentato una decisa inversione a metà-aprile e i venditori hanno mantenuto il controllo fino a metà agosto.

Questo è il momento in cui è entrato in gioco il ritracciamento di Fibonacci del 23,6% della mossa Brexit, e da allora non sono stati stabiliti nuovi minimi. Quello che inizialmente è iniziato come uno stallo nella tendenza ribassista si è presto trasformato in un ritracciamento, e poi la scorsa settimana abbiamo visto un rialzo rialzista dopo che alcuni commenti del capo negoziatore dell’UE, Michael Barnier, sembravano eliminare l’opzione Hard-Brexit dalla trattativa. I prezzi si sono rapidamente stabilizzati al di sopra del livello psicologico di 1,3000 e quel cambiamento ha avuto il potenziale per portare un maggiore slancio di forza, visto che gli strateghi shorts coprono per tenere conto di questa nuova posizione più morbida fuori dall’Unione Europea.

Quello che è successo da allora è stato una storia ammonitrice di inseguire i titoli. Poco dopo l’apertura di questa settimana, le voci hanno iniziato a fluttuare sul fatto che il signor Barnier non era troppo contento del piano di Checkers della PM Theresa May, che ha messo in discussione questa partnership post-Brexit citata la scorsa settimana. La coppia GBP / USD è rapidamente calata e continuata fino al livello di 1.2800 che stavamo seguendo per supporto. E poi questa mattina, un’altra voce ha iniziato a circolare relativa al fatto che la Germania, leader de facto dell’UE, era disposta a rinunciare alle richieste chiave della Brexit pur cercando meno dettagli riguardo ai legami post-Brexit.

Brexit influenza ancora pesantemente cambio GBP/USD

La sterlina è rapidamente spuntata, ma quando quel rapporto è stato respinto alcune ore dopo, i prezzi in GBP / USD sono scesi a 1.2900, facendo sì che si giungesse a un giorno disordinato di azioni a scapito dei titoli.

In questa fase, la coppia GBP / USD ha instillato una preziosa lezione che potrebbe continuare a pagare dividendi nei prossimi mesi: i titoli orientati alla Brexit possono (e probabilmente continueranno) frenare l’azione dei prezzi, in particolare su una base a breve termine. Non solo non sappiamo cosa succederà alla fine con la divisione Brexit, ma anche se sapessimo cosa sarebbe successo, non abbiamo idea di quale tipo di ripercussioni a lungo termine ci saranno. E se quelle ripercussioni a lungo termine non sono immediatamente visibili, allora l’azione sui prezzi a breve termine rimarrà probabilmente disordinata, man mano che questi temi e nuove informazioni ottengono un prezzo, mentre gli operatori di mercato cercano di trovare una mossa direzionale che possa durare.

Ciò può creare un ambiente scoraggiante per i trader a breve termine. Per coloro che desiderano prendere una posizione a lungo termine, fare un passo indietro dal rumore a breve termine per cercare un tema più definito potrebbe essere un modo interessante per andare avanti. Sul lato superiore dell’azione dei prezzi, la scorsa settimana abbiamo esaminato la resistenza a 1.3043, e questo ha fatto un buon lavoro nel tenere i massimi dal breakout rialzista. I trader possono cercare un test sopra quel livello per aprire la porta per un supporto più basso, che potrebbe essere cercato nella zona precedente con cui stavamo lavorando per tutto il mese di agosto che va da 1.2913 a 1.2956.

Dal lato ribassista della coppia GBP / USD, le cose si sentono un po’ più pericolose. Il livello di 1.2800 ha tenuto i minimi due settimane fa, e questo è tornato in gioco stamattina presto. Ma il livello di 1.2671 è un’area di supporto a lungo termine che in precedenza aveva invertito un trend al ribasso aggressivo, e il fatto di tenere a bada gli shorts per una rivisitazione potrebbe essere una sfida visto che abbiamo il potenziale per un più alto-basso dato. Ciò potrebbe limitare il potenziale di profitto per le strategie ribassiste e, data l’ampiezza di uno stop che potrebbe essere necessario per negoziare adeguatamente la mossa, questo può essere una prospettiva poco attraente.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY