GBP / EUR, sterlina ancora debole

La sterlina è rimasta nei pressi di un massimo di due settimane contro l’euro oggi, scambiando nella regione di € 1,178. L’apprezzamento arriva sulla scia della riunione della Bank of England (BoE) di giovedì, in cui i politici hanno suggerito che potrebbero esserci ulteriori aumenti dei tassi d’interesse nel 2019.

Forse il più grande punto di interesse dell’incontro di ieri è stato l’ammissione del governatore Mark Carney che i tassi di interesse potrebbero essere aumentati in caso di Brexit no-deal. Dr Carney ha detto: “[I tassi di interesse] potrebbero dover essere rafforzati in caso di no-deal, nessuna transizione Brexit.” Questo suggerimento, insieme alle previsioni per un massimo di tre tassi di interesse del 2019 in caso di un accordo Brexit, ha contribuito ad aumentare la fiducia dei trader in GBP e ha spinto la sterlina al suo livello attuale contro l’euro.

Vale la pena ricordare che non tutti i politici hanno preso il suggerimento di “rialzo dei tassi se nessun affare” al valore nominale con ING Economist James Smith che sostiene: “In uno scenario “no-deal”, la BoE ha suggerito che i tassi potrebbero andare in entrambe le direzioni.

Brexit vedrà i tassi di interesse crescere, avverte CarnePound al tasso di cambio dell’euro: Sterling potrebbe ‘mantenere guadagni’ questo fine settimana “Tuttavia, data la grande scomparsa che probabilmente si verificherà, sospettiamo che i politici “guarderanno” qualsiasi picco dei prezzi causato da una sterlina più debole, e tagliare i tassi di interesse o aumentare l’allentamento quantitativo abbastanza rapidamente.”

Inoltre, i responsabili delle politiche della BoE hanno avvertito che potrebbe esserci un taglio dei tassi d’interesse se la situazione lo richiedesse: “La risposta della politica monetaria alla Brexit, sotto qualsiasi forma ci vuole, non sarà automatico e potrebbe essere in entrambe le direzioni.”

In altre notizie dal Regno Unito, il PMI di ottobre nel Regno Unito ha rivelato una crescita inaspettata, ma questo non è stato sufficiente a causare un rally di cambio GBP / EUR. Per gli operatori europei, oggi la principale diffusione dei dati è stata la misurazione dell’attività del settore manifatturiero nell’area Euro. Il PMI manifatturiero finalizzato per ottobre è sceso da 53,2 punti a 52,0, al di sotto del previsto punto 52,1 punti Questo indica un rallentamento più grande del previsto del ritmo delle attività e ha reso l’euro una valuta meno allettante.

Sommando un mese negativo per il blocco della moneta unica, Chris Williamson, Chief Economist Business di IHS Markit, ha dichiarato: “Le preoccupazioni per il settore manifatturiero dell’Eurozona si sono intensificate all’inizio del quarto trimestre.” L’indice PMI è sceso ai minimi da agosto 2016, segnalando un ulteriore rallentamento del ritmo di espansione. “I nuovi ordini sono scesi in calo per la prima volta in quasi quattro anni con l’intensificarsi dei problemi commerciali”. I dati di PMI rimarranno sotto i riflettori lunedì, con i servizi britannici ad alto impatto che dovrebbero essere pubblicati in mattinata.

Le previsioni attuali sono leggermente in aumento e il ritmo dell’attività del settore, che potrebbe essere tutto ciò che è necessario per aumentare la sterlina.

GBP / EUR, sterlina ancora debole causa incertezza Brexit

La sterlina britannica è in bilico vicino ai minimi di ottobre contro l’euro e ai minimi di due mesi contro il dollaro USA, mentre l’impasse dei negoziati Brexit rimane in prima fila per gli investitori con una Brexit senza accordo che ora si aggirano intorno al 50% secondo mercati delle scommesse, in aumento rispetto al 35% registrato in ottobre.

Abbiamo visto poca attenzione a breve termine per il budget del 2018 o la decisione politica di giovedì della Bank of England che suggerisce che questi driver tradizionali del valore della sterlina torneranno alla ribalta solo una volta che qualsiasi accordo Brexit è reso noto. Se guardiamo il tabellone dei risultati giorno per giorno delle precedenti 24 ore, possiamo vedere che la Sterlina inglese è ancora una volta in difficoltà.

Questo ci dice che la debolezza di GBP è la forza trainante in tutte i principali cross con GBP. Il tasso di cambio da sterlina a dollaro ora risiede vicino ai minimi di due mesi a 1,2735. Il cambio da GBP a Euro è quotato a 1,1223, assicurando che il mercato si avvicini ai minimi di ottobre con il calo confermando che le nostre previsioni settimanali GBP / EUR procederanno senza intoppi.

Per quanto riguarda la Brexit, non ci sono nuovi titoli sostanziali relativi alla Brexit la vendita, ma i dati del mercato dei futures ci dicono tutto quello che dovete sapere: gli investitori stanno puntando contro la sterlina mentre acquistano protezione sul mercato delle opzioni per proteggersi da qualsiasi grave calo della sterlina nel mese di novembre-dicembre. Il momento possibile per un accordo sulla Brexit tra l’UE e quindi, quelli con esposizione alla sterlina stanno comprando una protezione al ribasso da una grande caduta se i colloqui falliscono.

Questa protezione viene acquistata tramite l’acquisto di opzioni che ripagheranno un ritorno a quella data se la sterlina dovesse effettivamente andare in crash. Ricorda, ogni volta che un tale contratto viene acquistato, spinge il valore corrente di Sterling in ribasso. Il mercato delle opzioni al ribasso non sembra essere interessato ad acquistare titoli di protezione al ribasso nella decisione sui tassi della Bank of England e il rapporto sull’inflazione previsto per giovedì.

La domanda di opzioni per la settimana è leggera rispetto alla precedente MPC e alle settimane di dati, ma le opzioni con scadenze da due mesi a sei mesi continuano a dominare – cadono dopo la scadenza percepita di dicembre per un accordo che lascia il tempo per la ratifica prima della data di Brexit del 29 marzo “, afferma l’analista Richard Pace con Thomson Reuters.

Secondo i dati di Reuters, il costo dell’assicurazione contro una caduta della sterlina rimane prossimo ai massimi di due anni che ci dice che i mercati sono incredibilmente nervosi e non stanno prendendo l’aspettativa di un accordo sulla Brexit per scontato. Peter dice che qualsiasi rimbalzo in sterline sarà probabilmente venduto, il che significa che qualsiasi soccorritore a breve termine avrà probabilmente vita breve.

Tuttavia, le previsioni di consenso delle principali 50 banche di investimento del mondo suggeriscono che Sterling chiuderà i livelli attuali rispetto ai livelli attuali rispetto al dollaro USA entro il 2018. Di fronte all’euro, la sterlina potrebbe tuttavia essere ancora un po ‘sopravvalutata. Per visualizzare le previsioni di consenso, che includono gli obiettivi di Goldman Sachs, J.P. Morgan, HSBC e Barclays, consultare i rapporti di consenso su Horizon Currency. È possibile accedere alla coppia GBP / USD qui.

Per quanto riguarda i negoziati sulla Brexit, ci sono state poche nuove informazioni ufficiali per i mercati da masticare e la corrispondenza politica della BBC Laura Kuenssberg riporta le sue fonti dicendo che rimane “troppo presto” per dire se c’è un modo di mettere insieme un accordo che sarà approvato dal gabinetto del Primo Ministro Theresa May. Aggiunge il capo di Brexit, aiutante della Brexit. Olly Robbins è andato “avanti e indietro” a Bruxelles, “sperando di riaprire ufficialmente i colloqui ma per ora non si vede una conclusione all’orizzonte”.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY