GBP / EUR, cresce fiducia su buona riuscita trattativa Brexit

La sterlina è scambiata intorno allo 0,3 per cento a un tasso di € 1,136 contro l’euro questa mattina dopo il rilascio degli ultimi dati sull’inflazione del Regno Unito. L’indice dei prezzi al consumo (CPI) di settembre è risultato essere sceso al 2,4 per cento su base annua, in calo rispetto al 2,7 per cento del mese precedente e inferiore al previsto 2,8 per cento di stampa.

Ciò rappresenterà un sollievo per i salariati britannici in difficoltà. Significa che l’inflazione è ora scesa al di sotto del livello medio di crescita dei salari, che è stato rivelato ieri come il 3,1% migliore del previsto. In una nota di accompagnamento, l’Ufficio nazionale Le statistiche hanno dichiarato che il calo dell’inflazione è stato causato principalmente da cibo, bevande analcoliche e cioccolato più a buon mercato.

L’ONS ha dichiarato: “Il più grande contributo al ribasso del tasso CPIH a 12 mesi è venuto dalle bevande alimentari e non alcoliche, dove i prezzi è diminuito dello 0,1 per cento tra agosto e settembre 2018 rispetto a un aumento dello 0,8 per cento tra gli stessi due mesi dell’anno precedente.

Poiché l’RPI include molti dei costi inevitabili della vita quotidiana, come pagamenti di mutui, affitto e trasporti, è considerato come una rappresentazione più accurata dell’inflazione per la persona media. In altre notizie, oggi è l’inizio del vertice Brexit in Bruxelles, durante la quale il Regno Unito e l’UE sperano di scatenare qualche forma di accordo provvisorio sulla Brexit.

Theresa May si è recata a Bruxelles per partecipare al vertice in quanto il ministro degli Esteri dell’Irlanda, Simon Coveney, conferma che l’UE sarebbe disposta ad estendere un periodo di transizione per Regno Unito a lasciare l’UE. Questo è fintanto che garantisce un duro confine non sarà eretto lungo la frontiera irlandese durante quel periodo. Con la questione del confine irlandese e il “backstop” accordo è il principale osso di contesa tra il due parti, resta da vedere se una soluzione può essere trovata.

Nel frattempo, è probabile che vedremo una maggiore pressione al ribasso sulla sterlina, anche se ci potrebbe essere un po’ di sollievo se l’inflazione dell’Eurozona delude più tardi oggi.

Broker per fare trading sul cambio Sterlina Euro

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

GBP / EUR, la sterlina britannica mantiene il suo nervosismo mentre negoziati su Brexit vanno avanti

I leader hanno concluso che non sono stati fatti sufficienti progressi nei negoziati per fissare un vertice di novembre per la firma di un accordo finale. Tuttavia, entrambe le parti si sono impegnate in intensi negoziati al fine di raggiungere un accordo con figure chiave dicendo che un accordo è realizzabile se il ritmo e l’intensità vengono mantenuti.

“Credo che un accordo sia fattibile” e “Brexit ha fatto progressi considerevoli” dall’ultimo vertice dell’Unione europea, ha detto ai giornalisti il primo ministro Theresa May. Ma c’è un potenziale rischio per nuove lotte interne, tuttavia, poiché sembra che May stia meditando un’estensione al periodo di transizione di due anni per evitare lo stallo sul confine irlandese. Mentre May non ha formalmente proposto una tale mossa, ha fatto riferimento ad essa.

Questo è problematico in quanto è improbabile che nel suo partito ci saranno molti che potrebbero intaccare un’estensione del periodo di transizione che significherebbe che il Regno Unito continua a versare ingenti somme nell’EU. I leader non sono “pronti” a chiamare una riunione speciale, altrimenti il prossimo vertice Ue è in dicembre. Nonostante ciò, che è chiaramente un vertice deludente per quei tori della Sterling che vorrebbero un accordo prima piuttosto che dopo, la sterlina continua a commerciare con un tono robusto.

“Questa muta reazione dimostra che gli attori del mercato hanno imparato le tattiche politiche del processo Brexit “, afferma Richard Falkenhäll, Senior Currency Strategist presso SEB. Mentre prevediamo alcuni alti e bassi, ci vorrà un pezzo materiale di nuove informazioni per spostare davvero Sterling; qualcosa che dice ai mercati che 1) i colloqui sono diretti al fallimento o 2) un accordo sarà definitivamente consegnato entro la fine dell’anno.

I negoziati al palo di solito tendono a scendere sul filo, in particolare quando l’E.U. è coinvolto e quindi l’ottimismo visto la settimana scorsa che ha suggerito un accordo sarebbe stato consegnato dall’EU. Sembra che il summit sia stato mal riposto. “Dato che sembra esserci il tempo per negoziare fino a dicembre, è stato troppo presto per aspettarsi una svolta nei colloqui di questa settimana”, dice Falkenhäll. Il declino della sterlina all’inizio della settimana, che è venuto in risposta alla realizzazione che un affare non sarebbe stato effettivamente colpito, potrebbe semplicemente restituire alcuni dei guadagni mal riposti registrati nella settimana precedente.

I tassi di cambio ponderali potrebbero essere contenuti per scambiare l’acqua intorno ai livelli attuali da qualche tempo a questa parte con mercati che potrebbero fissare il loro sguardo a un vertice di novembre o dicembre. “Questo spiega perché la sterlina non si è svenduta di più nonostante lo sviluppo negativo di questo fine settimana, purché la spaccatura tra l’UE e il Regno Unito non allarghi ulteriormente il rischio al ribasso per GBP sembra quindi limitato”, afferma Falkenhäll.

Dettagli della programmazione dei colloqui, e le scadenze sono quindi l’unica informazione materiale reale che è probabile ricevere dal summit dei leader europei di questa settimana.

GBP / EUR, il cambio sembra però ritrovare una certa fiducia in Brexit

Le previsioni della sterlina rispetto all’Euro sembrano essere più fiduciose che un accordo sarà in effetti trovato dal momento in cui l’anno è uscito e come risultato hanno alzato le loro previsioni per il tasso di cambio dalla sterlina all’Euro. Le previsioni per EUR / GBP sono inferiori a 0,89 e si aspettano ancora che la coppia valutaria scenda a 0,86 entro la fine dell’anno. Ciò dà un aumento di GBP / EUR a 1,1236 e 1,1628 rispettivamente.

Questo arriva il giorno dopo in cui gli analisti presso la più grande banca di investimento del mondo, JP Morgan, hanno aggiornato le loro previsioni per GBP / EUR per la seconda volta in due mesi. “Lo scenario centrale prevede ulteriori rialzi per GBP di un paio di punti percentuali sulla consegna di una Brexit negoziata entro il 1Q19”, afferma Paul Meggyesi, stratega dei cambi con JP Morgan a Londra.

“Stiamo aggiornando le nostre previsioni GBP a breve termine di circa il 2% per renderle più aderenti allo scenario centrale di una Brexit negoziata.” Da un punto di vista strategico, per JP Morgan si prevede che EUR / GBP termini il terzo trimestre del 2019 a 0,86, in calo rispetto a una previsione precedente di 0,87. Ciò fornisce un tasso di cambio GBP / EUR a 1,1628, rispetto a 1,15 precedente.

Queste previsioni sembrano essere superiori alle previsioni di consenso attualmente detenute dalla comunità degli analisti. Un rapporto di Horizon Currency Ltd mostra proprio dove il consenso prevede un rialzo della Sterlina in tre, sei e 12 mesi, attingendo da previsioni varate da autorevoli analisti di Citi, Goldman Sahcs, HSBC e Barclays.

Al momento della scrittura, il cambio GBP / EUR è a 1,14.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY